Leggere per chi

I servizi per la prima infanzia e la scuola sono contesti di democrazia e la lettura ad alta voce praticata in questi luoghi è un'azione di democrazia cognitiva.
Nei servizi per la prima infanzia in Toscana vanno molti bambini, a scuola sicuramente tutti
, anche coloro che provengono da famiglie in cui si legge poco, anche coloro che provengono da famiglie che non possiedono neanche un libro in casa.
La differenza con le azioni di promozione della lettura è in questo caso fondamentale: con Leggere: Forte! Tutti i bambini e i ragazzi che frequentano un nido o che vanno a scuola potranno beneficiare degli effetti della lettura ad alta voce.

A partire dall’anno educativo e scolastico 2019/2020 è stata introdotta introdotta la pratica quotidiana della lettura ad alta voce in tutti i nidi d'infanzia della Toscana e nelle scuole dell'infanzia che aderiscono all'iniziativa e per tutti gli educatori e docenti è previsto un percorso formativo e un'attività di accompagnamento.
Nel primo anno di attività sono stati coinvolti oltre 15.300 bambini del nido e 13.800 bambini della scuola dell'infanzia in tutta la Toscana.

Per le scuole di ogni ordine e grado è previsto il coinvolgimento progressivo a partire, per il primo anno, dai territori di due Zone: l’Empolese (FI) e la Valdera (PI), alle quali si aggiungono con il secondo anno anche: l’Alta Valdelsa (SI), la Grossetana (GR), il Valdarno (AR) e il Valdarno e Valdisieve (FI), per raggiungere un complesso di ben sei  Zone distribuite su cinque province della Toscana.

In queste sei Zone, in cui il percorso vede il coinvolgimento dei ragazzi delle scuole fino alla secondaria di secondo grado, sono previste le medesime attività, a partire dalla realizzazione di una formazione che vede coinvolti i docenti di ogni ordine e grado, la lettura ad alta voce per tutti, l'accompagnamento per  tutti, la misurazione degli effetti con metodi descrittivi per tutti e l'individuazione di un campione ristretto di ragazzi per la misurazione degli effetti dell'esperienza con metodo sperimentale.
Il primo anno del progetto ha coinvolto quasi 900 bambini della scuola primaria, 280 ragazzi della secondaria di I grado e 119 studenti della scuola secondaria di II grado, per un complesso di 28 scuole partecipanti.

Con il 2020/2021, secondo anno di attività, aderiscono al progetto 227 classi nelle sei Zone partecipanti; si tratta in particolare di 141 classi di scuola primaria con oltre 2.700 bambini, 68 classi di secondaria I grado con 1.510 ragazzi e 18 classi di secondaria II grado con 317 studenti.
Complessivamente, quindi, oltre 4.530 tra bambini e studenti con più di 460 docenti coinvolti all'interno di 42 Istituzioni scolastiche aderenti.

- i numeri dei nidi e scuole che hanno partecipato al progetto nell'a.e.s. 2019/2020 
- le scuole che hanno aderito al progetto per l'anno 2019/2020 (zone Empolese e Valdera)
- i servizi e le scuole dell'infanzia che hanno aderito al progetto per l'anno 2020/2021 (tutte le zone)
- le scuole che hanno aderito al progetto per l'anno 2020/2021 (nelle sei Zone partecipanti)

L’ascolto della lettura ad alta voce è benefico in tutti i contesti, anche nelle occasioni di socializzazione informale come i centri estivi.
Nell’estate 2020, caratterizzata dal periodo precedente di chiusura di nidi e scuole in cui l’unica didattica possibile è stata quella a distanza, la Regione Toscana ha proposto a tutti coloro che realizzano centri estivi l’iniziativa Leggere: forte! Estate da inserire tra le attività quotidiane anche per contribuire a favorire il recupero degli apprendimenti in vista del nuovo anno scolastico.

Aggiornato al:
18.05.2021
Article ID:
25746534