Il Servizio Fitosanitario Regionale


La protezione delle piante, ed in particolare la protezione del territorio su cui esse vengono coltivate è una esigenza sentita da tutti i paesi in cui l'agricoltura riveste un ruolo importante per l'economia nazionale. Da ciò nasce la necessità di disporre di una efficiente organizzazione e di norme efficaci a contenere i danni causati dalle avversità parassitarie e a salvaguardare il proprio territorio dalla introduzione e diffusione di nuovi e pericolosi organismi nocivi ai vegetali.

Questa materia è disciplinata da una serie di norme internazionali, comunitarie e nazionali che trovano applicazione a livello regionale attraverso il Servizio Fitosanitario Regionale.
Per la nostra regione disporre di un Servizio fitosanitario efficiente risulta strategico in particolare per due funzioni:

  • assicurare a tutti gli acquirenti di piante prodotte in Toscana la loro qualità e l'assenza di qualsiasi malattia pericolosa;

  • garantire la funzione di controllo per il materiale vegetale che da tutto il mondo entra in Toscana. La sorveglianza messa in atto per garantire la prima funzione rappresenta un tassello fondamentale per lo sviluppo delle esportazioni mentre le azioni di controllo e monitoraggio sono fondamentali per la prevenzione dalla diffusione di pericolose fitopatie e per la salvaguardia di tutte le piante spontanee e coltivate della Toscana.

La protezione del territorio dalla diffusione di parassiti di recente introduzione è affidata anche alla applicazione a scala regionale dei decreti di lotta obbligatoria emessi a livello statale.

Il Servizio Fitosanitario Regionale ha il compito di monitorare il territorio per segnalare la presenza dei parassiti delle colture agrarie o forestali oggetto di quarantena e di lotta obbligatoria e di prescrivere le azioni necessarie alla eradicazione dei focolai o al contenimento delle infestazioni.

Dal 1 marzo 2011 con legge regionale n. 65/2010 "Legge finanziaria per il 2011", queste funzioni sono svolte direttamente dalla Regione Toscana e sono disciplinate dalla L.R. 64/2011.

Condividi
Aggiornato al:
04.12.2019
Article ID:
13942093

Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la loro validità fino al ...

Negli anni 2016, 2017, 2018 e 2019 il Servizio Fitosanitario della Regione Toscana ha realizzato  un “Servizio di analisi di laboratorio su nematodi fitoparassiti presenti nei terreni coltivat...

Servizio Fitosanitario Regionale: cosa fare per

Con Decreto Dirigenziale n. 3196 del 3 marzo 2020 sono state approvati gli aggiornamenti delle norme tecniche di difesa e diserbo anno 2020 per l'applicazione della L.R. 25/99 Prodotto da Agricoltu...

Il 23 novembre 2016 è stato pubblicato il Regolamento (UE) 2016/2031 ‘Relativo alle misure di protezione contro gli organismi nocivi per le piante’; il regolamento, che sostituisce...

In data 31 gennaio, l’Ufficio Sanità delle Piante, Dipartimento dell’ambiente, alimenti e affari rurali (DEFRA) ha inviato una lettera ai Servizi Fitosanitari Nazionali dei Paesi dell’Unione Europe...

Nel settembre 2018 fu ritrovata Geosmithia morbida e Pityophthorus juglandis in località Rosano, Rignano sull’Arno in provincia di Firenze.

In data 10/1/2019 Il laboratorio del CNR-IPSP di Bari ha trasmesso i risultati di sequenziamento per la identificazione del ceppo e della sottospecie ed è risultato che trattasi di Xylella Fastidio...