Piano sviluppo e coesione Toscana 2000-2020: il Comitato di sorveglianza

Le sue funzioni, la composizione, il regolamento interno, le riunioni (sedute e relativi verbali con doucmentazione) e le consultazioni scirtte del Comitato di sorveglianza del Psc Toscana 2000-2020

Il Comitato di sorveglianza (Cds) del Psc Toscana, istituito entro tre mesi dalla notifica dell'adozione del programma da parte della Commissione europea, come stabilito dalle Disposizioni quadro per il Piano di sviluppo e coesione approvate dal Cipess con delibera 2 del 29 aprile 2021, è l'organo incaricato di vigilare sull'attuazione del piano.

Fermo restando le competenze specifiche attribuite per norma alle amministrazioni centrali, regionali e alle Agenzie nazionali, il Cds svolge i compiti previsti dalla delibera Cipess 2 del 29 aprile 2021, e precisamente:

(a) approva la metodologia e i criteri usati  per  la  selezione delle operazioni;

(b) approva le relazioni di attuazione e finali;

(c) esamina eventuali proposte di modifiche al piano operativo, ovvero  esprimono  il  parere per sottoporre eventuali modifiche al Cipess;

(d) esamina ogni aspetto che incida sui risultati,  comprese  le verifiche sull'attuazione;

(e) esamina i risultati delle valutazioni.

 


Composizione del Comitato di sorveglianza del Psc Toscana 2000-2020

Con la delibera 1095 del 28 ottobre 2021 la Regione individua, in attuazione della delibera Cipess 26/2021, l’Autorità responsabile e la composizione del Comitato di sorveglianza del Psc Toscana 2000-2020, stabilendo i soggetti che ne fanno parte:

Delibera di giunta 1095 del 28 ottobre 2021: Adempimenti conseguenti all’approvazione del Piano di sviluppo e coesione (Psc) della Regione Toscana di cui alla delibera Cipess 26 del 29 aprile 2021: individuazione dell’Autorità responsabile e composizione del Comitato di sorveglianza

L'Autorità responsabile fa capo al dirigente responsabile del settore Controllo finanziariao, rendiconto e organismo di programmazione Fsc)
La composizione del Cds stabilita dalla giunta prevede una componente deliberativa, una consultiva ed una permanente:


Regolamento interno del Comitato di sorveglianza

Il Regolamento interno del CdS (file pdf) è stato approvato nella seduta di insediamento del comitato, il 6 dicembre 2021.


Sedute del Comitato e relativi verbali con documentazione

Il Comitato è convocato dal presidente della giunta regionale, almeno una volta l’anno, su iniziativa di quest’ultimo o su richiesta della maggioranza semplice dei membri del Comitato in casi di necessità motivata.

La seduta di insediamento del Comitato di sorveglianza, 6 dicembre 2021

 

 

Condividi
Aggiornato al:
07.11.2022
Article ID:
123445319