Registrarsi come Operatore Professionale che svolge attività sementiera

L’attività sementiera intesa come produzione a scopo di commercializzazione e commercializzazione di sementi è soggetta nei casi specificati dalla normativa fitosanitaria all'adempimento di alcuni obblighi, quali la Registrazione al Registro Ufficiale degli Operatori professionali e l’autorizzazione al rilascio del passaporto dei vegetali.

Si precisa che per attività sementiera si intende solo ed esclusivamente la produzione a scopo di commercializzazione e la commercializzazione di semi intesi in senso botanico destinati all’impianto per la produzione di vegetali, escludendo tutte le altre casistiche.

Attività sementiere che richiedono la registrazione al RUOP

Ai sensi dell’art.65 del Reg.UE. 2016/2031, le categorie di Operatori Professionali (OP) che svolgono attività sementiera per cui devono essere iscritti al Registro Ufficiale degli operatori professionali sono le seguenti:

  1. OP che introducono o spostano nell’Unione sementi per le quali è richiesto il certificato fitosanitario
     
  2. OP che introducono o spostano nell’Unione sementi per le quali è richiesto un passaporto delle piante
     

    Il Regolamento di esecuzione UE 2019/2072 esplicita tali tipologie di sementi all’interno degli allegati XI (Certificato fitosanitario), XII (Certificato fitosanitario per Zone Protette), XIII (Passaporto) e XIV (Passaporto per Zone Protette o PZ – Protected Zone).

    In sintesi è necessaria la registrazione al RUOP per chi importa da paesi terzi e per chi movimenta all’interno dell’Unione Europea sementi presenti negli allegati del Regolamento UE 2019/2072.

  3. OP che richiedono il rilascio di Certificati fitosanitari per l’esportazione, la riesportazione o la pre-esportazione di sementi verso paesi terzi (extra UE)

    Questi certificati attestano la conformità del prodotto alle prescrizioni fitosanitarie per l'importazione del paese terzo in questione; prescrizioni che sono verificate attraverso ispezioni sui semi e controlli sulla tracciabilità da parte del Servizio Fitosanitario.
     
  4. OP che trattano specie di sementi soggette ad organismi nocivi non elencati negli allegati del Reg. 2019/2072, ma contro i quali l’Unione Europea adotta, mediante atti di esecuzione, misure per affrontare i rischi connessi a tali organismi.

    Ad esempio i Regolamenti di esecuzione UE 2020/1191 e 2021/74 istituiscono misure fitosanitarie contro Tomato brown rugose fruit virus (ToBRFV) che può contaminare semi di pomodoro e peperone. Questi semi devono essere commercializzati con passaporto e devono soddisfare tutte le condizioni seguenti: le piante madri sono state ispezionate ufficialmente; le sementi o le piante madri sono state sottoposte a campionamento e prove; l’origine di tutti i lotti di seme è registrata e documentata.


Obbligo di comunicazione annuale dell’ ubicazione colture da seme per le ditte iscritte al RUOP

Gli Operatori Professionali registrati al Ruop che si occupano di attività sementiera sono tenuti, in applicazione dell’art.66 del Reg. UE 2016/2031, a comunicare annualmente al Servizio Fitosanitario Regionale l’ubicazione delle colture da seme che rientrano in una delle seguenti categorie:

  • hanno l'obbligo di essere accompagnate dal Passaporto o dal Passaporto per le zone protette (tab.1 e 2)
     
  • sono destinate all’Esportazione verso paesi terzi (extra UE)

La comunicazione deve essere fatta entro il 31 Maggio compilando il modello scaricabile

Nel modello deve essere riportata l'ubicazione dell'azienda dove si realizza la coltivazione, anche se questa si trova in un’altra regione. Il Servizio Fitosanitario della Toscana comunicherà alle altre regioni l’ubicazione dei campi per i controlli che saranno effettuati dai rispettivi servizi fitosanitari.

I modelli compilati dovranno essere inviati, al seguente indirizzo di posta elettronica lorenzo.neri@regione.toscana.it


Chi è esonerato dalla registrazione al RUOP

In base all’art. 65 comma 3 b) del Reg. 2016/2031, sono esonerati dalla registrazione al RUOP gli OP che “forniscono esclusivamente e direttamente agli utilizzatori finali piccoli quantitativi di sementi escluse quelle di cui all’art. 72” del Reg. 2016/2031.

Per “utilizzatore finale” si intende: “persona che, non agendo per i fini commerciali o professionali di tale persona, acquista piante o prodotti vegetali per uso personale” (art 2, Reg. 2019/2031).

Le sementi a cui si riferisce l’art. 72 sono quelle elencate nella Parte A dell’allegato XI del Reg. di esecuzione 2019/2072 e poiché nell’allegato ci sono tutte le specie di interesse commerciale, l’esonero vale solo per pochissime specie di semi che il Servizio Fitosanitario dovrà verificare al momento di una eventuale richiesta.

In base all’art.6 del Decreto Legislativo del 2 febbraio 2021, n. 20 (Testo Unico sulle sementi) sono inoltre esonerati:

  • a) i produttori agricoli che cedono prodotti sementieri direttamente a ditte sementiere registrate
     
  • b) i commercianti che vendono esclusivamente al dettaglio prodotti sementieri già confezionati ed etichettati.


Attività sementiere che oltre all’iscrizione al Ruop richiedono l’autorizzazione al rilascio del Passaporto

In base all’art. 65 comma 1 b) del Reg. 2016/2031, oltre alla registrazione al RUOP è necessaria anche l’autorizzazione a rilasciare i passaporti delle piante se l’OP movimenta specie di semi che richiedono il passaporto, ossia quelle in tabella 1, o il passaporto PZ, in tabella 2. Infatti per trattare sementi da passaporto l’OP deve soddisfare ulteriori condizioni e obblighi previsti dagli art. 89 e 90 del Reg. 2016/2031.


Tabella 1 – Specie di semi da passaporto, allegato XIII del Regolamento di esecuzione UE 2019/2072

Oryza sativa L. (riso)

Allium cepa L. (cipolla)

Allium porrum L. (porro)

Capsicum annuum L.(peperone)

Solanum lycopersicum L.(pomodoro)

Phaseolus vulgaris L. (fagiolo)

Pisum sativum L. (pisello)

Phaseolus coccineus L.(fagiolo di Spagna)

Vicia faba L. (fava)

Solanum tuberosum L. (Semi di patata)

Solanum tuberosum L. (tuberi-seme di patata)

Medicago sativa L. (erba medica)

Brassica rapa L.(rapa)

Brassica napus L (colza)

Glycine max L. (soia)

Helianthus annuus L. (girasole)

Linum usitatissimum L. (lino)

Sinapis alba L. (senape bianca)

 

Tabella 2 – Specie di semi da passaporto PZ, allegato XIV del Regolamento di esecuzione UE 2019/2072

 

Organismo nocivo

Zona Protetta - PZ

Beta vulgaris

Beet necrotic yellow vein virus

Francia (bretagna), Irlanda, Irlanda del Nord, Portogallo (Azzorre), Finlandia

Castanea Miller

Chryphonectria parasitica

Repubblica ceca, Irlanda, Svezia, Irlanda del Nord.

Gossypium spp.

Colletotrichum gossypii

Grecia

Solanum tuberosum L. (tuberi seme di patata)

Beet necrotic yellow vein virus

Francia (Bretagna), Finlandia, Irlanda, Portogallo (Azzorre), Regno Unito (Irlanda del Nord)

 


Casi in cui, per le sementi da passaporto, il passaporto non è richiesto

In base all’art. 81 del Reg. 2019/2031 il passaporto non è richiesto per lo spostamento di sementi fornite direttamente all’utilizzatore finale.

Tale eccezione non si applica, e dunque è necessario il passaporto:

  • per vendita tramite contratti a distanza
     
  • agli utilizzatori finali di sementi per i quali è richiesto un passaporto per zone protette

Le sementi da passaporto sono soggette ad una deroga anche in base all’art. 13 comma 2 del Reg. di esecuzione 2019/2072, per cui il passaporto non è richiesto se valgono contemporaneamente le due condizioni seguenti:

  1. Lo spostamento è realizzato per

    - fornitura ad organismi ufficiali di valutazione e ispezione.


    - fornitura a prestatori di servizi, per lavorazione o imballaggio, a condizione che essi non acquisiscano titoli sulle sementi.

    - destinazione a scopi scientifici, lavori di selezione, altre prove o fini sperimentali.

    - sementi non definitivamente certificate.

    - sementi di cui sia comprovata la destinazione all’esportazione verso paesi terzi.

  2. Le specie considerate non sono oggetto delle prescrizioni particolari previste negli allegati VIII (spostamento nel territorio dell’Unione) e X (spostamento in zone protette) del Reg. di esecuzione 2019/2072

Nell’allegato VIII si trovano ad esempio le sementi e i tuberi seme di Solanum tuberosum che, di conseguenza, devono essere sempre accompagnate da passaporto.

Condividi
Aggiornato al:
26.04.2022
Article ID:
24509772