Fattori di rischio

Mappa del rischio sismico in Toscana (livello 0)Il rischio sismico è il risultato dell'azione combinata tra il terremoto e le principali caratteristiche della comunità esposta (popolazione, edifici, infrastrutture, ecc.). Si definisce come l'insieme dei possibili effetti che un terremoto di riferimento può produrre in un determinato intervallo di tempo, in una determinata area, in relazione alla sua probabilità di accadimento ed al relativo grado di intensità (severità del terremoto).
La determinazione del rischio è legata a tre fattori principali: la pericolosità, l'esposizione e la vulnerabilità.

Il Documento Conoscitivo del Rischio SIsmico - 2016 (DCRS2016), approvato con delibera di G.R.T. 1271/2016, ha introdotto, per la prima volta in Toscana, una metodologia speditiva per la valutazione del rischio sismico a scala territoriale, con l'elenco dei comuni suddivisi in quattro classi di rischio e la relativa mappa. La metodologia applicata è descritta nel paragrafo 1.1.2 del sudetto Documento Conoscitivo (allegato 2 alla delibera G.R.T. 1271/2016).

In fase di approvazione dei piani operativi e loro varianti generali, sono disciplinate, primo caso in Italia, le direttive e i criteri per l'individuazione di classi di rischio sismico nelle aree urbanizzate, secondo la metodologia sviluppata dal Settore Sismica - Prevenzione Sismica della Regione Toscana, recepite nel Regolamento 5/R del 30 gennaio 2020 di attuazione dell'articolo 104 della legge regionale 65/2014. La metodologia è descritta nell'allegato tecnico 1 della delibera n. 31/2020. 

Rischio sismico a scala comunale

Vai alla pagina della valutazione del rischio sismico a scala comunale di livello 1-2E' il risultato della combinazione dei tre fattori (Pericolosità, Vulnerabilità ed Esposizione) ed esprime la probabilità che i verifichino danni a seguito di un terremoto in una certa area in un periodo di tempo. La valutazione del rischio a scala comunale i fini della pianificazione territoriale è disciplinata dal Regolamento 5/R del 2020 secondo una metodologia messa a punto dalla Regione Toscana.

 

Pericolosità

Esempio di mappa di pericolosità sismica locale (microzonazione sismica)

Esprime la probabilità che, in un certo intervallo di tempo, un'area sia interessata da terremoti che possono produrre danni.

 

 

Esposizione

Esposizione sismica: deserto e metropoli

È una misura dell'importanza degli elementi esposti al rischio: la popolazione, gli edifici, le infrastrutture, le attività economico-sociali, i beni storico-artistici, ecc.

 

 

Vulnerabilità

Vulnerabilità sismica degli edifici: edifici a schieraConsiste nella valutazione della possibilità che persone, edifici o attività subiscano danni o modificazioni al verificarsi dell'evento sismico.

Condividi
Aggiornato al:
02.04.2020
Article ID:
11647389