CART - Cooperazione Applicativa Regione Toscana

L'interoperabilità e la cooperazione applicativa sono un punto cardine per assicurare la fruizione di servizi digitali realizzati da una Pubblica Amministrazione (P.A.) per cittadini, imprese e altre Pubbliche Amministrazioni (PP.AA.), è inoltre uno degli asset indispensabile per favorire l’implementazione complessiva del Sistema informativo della P.A.

CART (Cooperazione Applicativa Regione Toscana) è l'infrastruttura di interoperabilità a norma CAD (Codice Amministrazione Digitale) attraverso la quale Regione Toscana e le amministrazioni del territorio assicurarano l’accesso ai propri dati e/o l’integrazione dei propri processi grazie all'interazione dei propri sistemi informatici con quelli dei fruitori. In particolare Cart risponde al nuovo modello per l'interoperabilità tra pubbliche amministrazioni denominato "Modi" adottato da Agid con determina 547 del 1 Ottobre 2021. CART è quindi lo strumento che abilita le applicazioni software a realizzare transazioni elettroniche con la P.A., funzionale ai servizi di comunicazione e di amministrazione digitale per cittadini ed imprese. Sull'infrastruttura CART transitano in modalità interoperabile i dati che i diversi Enti del territorio si scambiano e che sono un patrimonio non solo della P.A. ma di tutta la comunità.

Nello specifico è l’infrastruttura di RT dedicata a regolare le comunicazioni applicative sia con soggetti esterni che tra soggetti con l’obiettivo di:

  • mettere in sicurezza l'accesso ai servizi;
  • censire i servizi e le loro modalità di utilizzo;
  • assicurare il rispetto dei requisiti applicativi e normativi;
  • certificare i flussi in maniera indipendente dai vari interlocutori;
  • mettere a disposizione funzionalità infrastrutturali di utilità comune per le applicazioni;
  • uniformare le modalità di integrazione con gli applicativi, in maniera trasparente rispetto alle modalità di interscambio richieste dai vari interlocutori esterni.

L’obiettivo che ci si pone attraverso questa infrastruttura è quello di facilitare l’adozione delle tecnologie e degli standard che le PP.AA. devono utilizzare nella realizzazione dei propri sistemi informatici, al fine di permettere il coordinamento informativo e informatico dei dati tra le amministrazioni centrali, regionali e locali, nonché tra queste e i sistemi dell'Unione Europea, con i gestori di servizi pubblici e dei soggetti privati.

Allo stesso tempo, le tecnologie e standard promossi dalla infrastruttura possono essere utilizzati anche all’interno delle singole P.A. per assicurare livelli di interoperabilità tra i vari ecosistemi e processi intra-amministrazione. Regione Toscana collabora con Agid attraverso tavoli tecnici sulla interoperabilità e si coordina con altre pubbliche amministrazioni per l’implementazione delle stesse mediante la partecipazione a progetti interregionali (ICAR) assicurando dunque un costante aggiornamento della infrastruttura sia a livello tecnologico che di norma tecnica.

Specifiche d’uso della infrastruttura CART (pdf : 108 kB).

 

Per approfondimenti vedere il documento Interoperabilità e Cooperazione Applicativa in Regione Toscana (pdf : 387 kB).

 

Riferimenti normativi:

lettera a comma 2 dell’Art. 14-bis del DECRETO LEGISLATIVO 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'amministrazione digitale.), che individua le funzioni di AgID tra cui: “emanazione di Linee [...] di indirizzo [...] sull'attuazione e sul rispetto delle norme di cui al presente Codice, anche attraverso l'adozione di atti amministrativi generali, in materia di [...] interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informatici pubblici e quelli dell'Unione europea”. Circolare AGID n. 1 del 9 settembre 2020.

 

Contatti:

Per saperne di più scrivi a: cart@regione.toscana.it.

Se stai utilizzando CART ed hai bisogno di supporto scrivi a: cartdesk@regione.toscana.it.

Condividi
Aggiornato al:
14.03.2022
Article ID:
25791744

Link e allegati