Industria 4.0: voucher formativi per imprenditori

Avviso sospeso dal 24 settembre 2020 fino al termine delle verifiche sulle risorse disponibili.


BANDO SEMPRE APERTO
Condividi

Data di pubblicazione bando su BURT

26 agosto 2020

In evidenza:
Si avvisa che in data 17 settembre 2020, è stato adottato il decreto dirigenziale n. 14510 che sospende a partire dalle ore 23.59 del 23 settembre 2020, la presentazione delle domande relative all’avviso pubblico per il finanziamento di voucher formativi individuali destinati a imprenditori.
Dato l’elevato numero di domande pervenute, il bando è sospeso dal 24 settembre 2020 fino al termine delle verifiche sulle risorse disponibili.

La Regione Toscana con decreto dirigenziale 12819 del 11 agosto 2020, in pubblicazione sul Burt del 26 agosto 2020, ha approvato l'avviso pubblico per sostenere la formazione di imprenditori attraverso voucher individuali per frequentare percorsi di formazione tesi a sviluppare, rafforzare e aggiornare le loro competenze nell’ambito dell’industria 4.0.

Il bando è finanziato da risorse del Programma operativo regionale (Por) del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020, in particolare dalle risorse assegnate  all'attività A.4.1.1.B) Azioni di formazione continua rivolte ai professionisti e agli imprenditori per sostenere l'adattabilità delle imprese (anche per favorire passaggi generazionali, e da risorse regionali.
Il bando è inserito nel progetto Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.

Finalità Il bando sostiene soltanto i percorsi formativi che perseguono le seguenti finalità:

  • acquisire conoscenze utili a sviluppare investimenti in innovazione, digitalizzazione  dei processi produttivi, economia circolare, sviluppo equo e sostenibile, green economy e cybersecurity;
  • sfruttare le potenzialità delle nuove tecnologie e promuovere lo sviluppo di sistemi produttivi meno energivori e inquinanti;
  • affrontare percorsi di innovazione tecnologica e, in modo complementare e integrato con questi, percorsi di innovazione organizzativa, gestionale, di processo/prodotto e dei modelli di business che consentano di cogliere le opportunità di crescita aziendale e professionale;
  • adottare, in modo parallelo ai processi di innovazione tecnologica sostenuti, nuovi modelli di organizzazione del lavoro e di gestione delle risorse umane - quali il lavoro agile - come strumenti in grado di accompagnare, favorire e accrescere i processi di innovazione e, al tempo stesso, la partecipazione e il benessere dei lavoratori.

Destinatari del bando / Beneficiari dei voucher formativi. Sono destinatari del voucher formativo

  • gli imprenditori e i loro coadiuvanti,
  • gli amministratori unici di aziende,
  • i componenti dei consigli di amministrazione con compiti gestionali,
  • i soci di cooperative.  Per soci di cooperative si intendono esclusivamente:
    - i soci lavoratori di cooperative di produzione lavoro e servizi che rivestano ruoli di amministratori o abbiano deleghe o incarichi di direzione nell’organigramma aziendale della cooperativa;
    - i soci imprenditori delle cooperative di conferimento e di dettaglianti;
    - i soci di cooperative di consumatori che sono eletti in organismi amministrativi o di rappresentanza delle cooperative stesse;
    - i soci di cooperative di lavoro con rapporto di lavoro autonomo con la cooperativa.

I destinatari del voucher devono altresì essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenti in un comune della Toscana
  • cittadinanza italiana o di Paesi facenti parte dell’Unione europea, se cittadini non comunitari essere anche in possesso di regolare permesso di soggiorno che consente attività lavorativa
  • aver compiuto i 18 anni di età e non superare i 65 anni di età.

Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

Scadenza e presentazione domande. Le domande di voucher formativo individuale, soggetta al pagamento dell'imposta di bollo di euro 16,00, possono essere presentate, con scadenza bimestrale,  dalle ore 10.00 del primo giorno utile del bimestre.

  • Prima scadenza: le domande possono essere presentate dalle ore 10,00 del 27 agosto 2020 sino alle 23,59 del 15 settembre 2020.
     
  • Le successive scadenze sono:
    15 novembre 2020
    15 gennaio 2021
    ecc... fino ad esaurimento risorse.

La domanda deve essere presentata, esclusivamente da parte del diretto interessato, tramite sistema online collegandosi all'indirizzo web https://web.regione.toscana.it/fse3/gateway?applicativo=fse3&passo=/indexFormularioV&funzionalita=indexFormularioV&operazione=indexFormularioV
e selezionando "Formulario online di presentazione dei progetti FSE". Per la presentazione della domanda online il richiedente deve utilizzare la propria a propria Carta sanitaria elettronica della Regione Toscana Cse / Carta nazionale dei servizi abilitata, ed  un lettore smart card.
In alternativa all’utilizzo della carta sanitaria ed al lettore di smart card, l'accesso e la compilazione online sono possibili anche tramite Spid (Sistema pubblico di identità digitale) le cui procedure sono reperibili al sito internet della Regione Toscana http://www.regione.toscana.it/con-credenziali-spid o alla pagina nazionale http://www.spid.gov.it/richiedi-spid.
Una volta eseguita la compilazione del formulario, occorre allegare in formato zip, tramite lo stesso sistema online, i seguenti documenti previsti dall’avviso pubblico all’articolo 7.2.

Tipi di percorsi formazione Sono ammesse le seguenti tipologie di percorsi formativi:
1) Corsi di formazione e di aggiornamento professionale anche in modalità e-learning erogati da :

2) Master di I e II livello in Italia e all'estero  anche in modalità e-learning erogati da:

a.   Università e Scuole di alta formazione italiane in possesso del riconoscimento del MIUR che le abilita al rilascio del titolo di master;

b.   Università pubblica dello Stato estero o riconosciuta da autorità competente dello Stato estero, Scuola/Istituto di alta formazione di Stato estero, pubblico o riconosciuto da autorità competente dello Stato estero e da questa abilitato per il rilascio del titolo di master.

La domanda di voucher può riguardare solo percorsi formativi la cui frequenza abbia inizio almeno dal giorno successivo alla  data  di presentazione della domanda e non oltre 6 mesi dalla data del decreto di approvazione della graduatoria. Limitatamente alla prima scadenza del 15 settembre 2020, possono essere presentate domande anche per corsi formativi  avviati a partire dal 1 aprile 2020.
Nell'avviso pubblico sono dettagliati i vincoli dei percorsi formativi.

Voucher formativo individuale. L'importo massimo riconoscibile per ciascun voucher è di 2.500 euro.
Nel caso in cui il voucher venga richiesto per la frequenza di un corso riconosciuto dalla Regione Toscana, sarà riconosciuto un finanziamento pari all'importo del costo approvato in fase di riconoscimento, fino all'importo massimo riconoscibile.
Nel caso in cui il voucher venga richiesto per la frequenza di un corso NON riconosciuto dalla Regione Toscana, sarà riconosciuto un finanziamento pari a quello praticato ai corsisti paganti privatamente (senza, cioè, un finanziamento pubblico).

  • Ogni singolo destinatario può beneficiare al massimo di 3 voucher, comprensivi anche di quelli già beneficiati già nel precedente avviso pubblico approvato con decreto 11299 del 29 giugno 2018 e comunque a scadenze diverse e per percorsi formativi diversi.

Le domande per ciascun voucher devono essere presentate singolarmente ed in scadenze diverse.
Nel caso di destinatari facenti capo alla solita azienda/cooperativa non saranno pertanto riconosciuti voucher per un valore complessivo superiore a 25.000 euro per impresa, per la durata di questo bando.

Aiuti di Stato: tenendo presente la natura delle attività oggetto del presente Avviso, le azioni si configurano come aiuti di Stato e devono quindi rispettare le normative comunitari e in materia. La normativa comunitaria applicabile è il Regolamento (CE) n. 1407 del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti d’importanza minore (de minimis).

Ammissibilità e valutazione Le domande presentate saranno sottoposte a verifica di ammissibilità nell’ambito della quale viene verificato il rispetto dei requisiti formali e delle modalità di presentazione puntualmente indicati nell’avviso.
Le domande ritenute ammissibili saranno sottoposte alla successiva fase di valutazione secondo i criteri dettagliati nell'avviso.

Dotazione finanziaria. Il bando è finanziato inizialmente per 1.213.603,92  euro, di cui

  • 629.240 euro del Por Fse 2014-2020 asse A "Occupazione" azione A.4.1.1.B)  “Azioni di formazione continua rivolte ai professionisti e agli imprenditori per sostenere l'adattabilità delle imprese  (anche per favorire i passaggi generazionali) ” del Provvedimento attuativo di dettaglio (Pad),
  • 584.363,92 euro di risorse regionali.

Inoltre saranno destinati a questo bando ulteriori risorse, per un totale di 738.220 euro del Fondo sviluppo e coesione (Fsc), secondo quanto previsto nell’allegato D "Attività Fse - Fsc" della delibera di giunta regionale 855 del 9 luglio 2020 - relativa all'Accordo tra presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero per il sud e la coesione territoriale  e la Regione Toscana - la quale stabilisce la "Riprogrammazione dei programmi operativi dei fondi strutturali 2014-2020 ai sensi del comma 6 dell'articolo 242 del decreto legge 34/2020”, previa iscrizione delle risorse nel Bilancio regionale 2020.+

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente il bando e i suoi 16 allegati, una parte dei quali forniti anche in formato editabile per la compilazione digitale:


Per saperne di più

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
09.11.2020
Article ID:
25436723