Autorizzazione e accreditamento strutture sanitarie

IN EVIDENZA
FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO 2.0

Il formulario online per la "Comunicazione adeguamento dei propri sistemi informativi alle specifiche indicate dalle linee guida di attestazione del FSE 2.0"

è stato chiuso il 31 gennaio 2024, come previsto dalla DGR 1150/2023.

ATTENZIONE: Il formulario verrà riattivato non appena il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed il Ministero della Salute avranno definito l’architettura informatica da utilizzare per i priavati ed i prvati autorizzati ed accreditati (in termini di alimentazione, recupero e conservazione a norma), nonché i criteri di ripartizione degli eventuali contributi previsti dal decreto 8 agosto 2022.

  • PEC inviate a tutte le strutture ►►
  • Presentazione del 18 Gennaio 2024 ►►
  • Linee Guida per l'Attuazione Fascicolo Sanitario Elettronico ►► 

---------------------------

AVVISO
A seguito dell’Accordo Stato Regioni - Rep. Atti n. 151/ CSR del 4 agosto 2021 e dell’adozione del Decreto Ministeriale 19/12/2022, recepito con Delibera di Giunta Regionale 1150/2023, il sistema di accreditamento toscano, ha subito le seguenti modifiche:

  • Entro i termini sotto elencati, le strutture sanitarie pubbliche e private, in recepimento di quanto disposto dal Decreto Ministeriale del 19/12/2022, devono attestare i nuovi requisiti di accreditamento previsti come da allegati A e Allegato B della Delibera di giunta regionale 1150 del 09/10/2023.

    I requisiti di cui all’Allegato A devono essere attestati entro il 31 gennaio 2024 tramite apposita dichiarazione a Regione Toscana, da inviare a mezzo PEC all'indirizzo regionetoscana@postacert.toscana.it con OGGETTO "Accreditamento istituzionale":
     a) da tutte le strutture sanitarie già accreditate
    b) da coloro che hanno richiesto il rilascio dell’accreditamento tra il 9 ottobre 2023 e il 31 gennaio 2024
    modullistica [file editabile .odt] ►►  liste di autovalutazione [file editabile .xlsx] ►►
    per attestare i requisiti, approvati con decreto dirigenziale 24899/2023 

    NOTA BENE
    Le strutture sanitarie private che richiederanno il rilascio dell’accreditamento istituzionale a far data dal 1 Febbraio 2024 e fino all’adozione del nuovo Regolamento di attuazione della legge regionale 51/2009 e dei decreti attuativi dovranno utilizzare la modulistica pregressa comprensiva di quella del decreto dirigenziale 24899/2023


    I requisiti di cui all’allegato B devono essere attestati da tutte le strutture che intendono partecipare alle manifestazioni di evidenza pubblica, a far data dal 31 gennaio 2024

---------------------------

Autorizzazione ed accreditamento sono due processi di valutazione sistematica e periodica il cui obiettivo è quello di verificare il possesso, da parte dei servizi sanitari, di determinati requisiti relativi alle condizioni strutturali, organizzative e di funzionamento che influiscano sulla qualità dell'assistenza.
La Toscana disciplina sia l'autorizzazione che l'accreditamento con la legge regionale 51 del 5 agosto 2009  "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi di esercizio e sistemi di accreditamento" e con una serie di disposizioni attuative (regolamento 79/R del 17 novembre 2016 - versione pdf) che prevedono un processo valutativo per il miglioramento del settore. Al fine di garantire livelli base di sicurezza e di qualità, sono stati definiti requisiti minimi per l'esercizio dell'attività sanitaria che devono essere soddisfatti anche per le strutture che operano in regime privato.
Ad integrazione di quanto già indicato nel Regolamento, è stato approvato il Manuale operativo per i requisiti di esercizio che fornisce le modalità applicative e note interpretative di alcuni requisiti di esercizio.

Strutture sanitarie private

Per poter esercitare l'attività sanitaria, ogni soggetto privato deve avere un'autorizzazione obbligatoria, rilasciata dal Comune dove ha sede la struttura, che garantisca il possesso dei requisiti minimi. Per poter lavorare per conto e a carico del Sistema sanitario nazionale, deve dimostrare di essere in possesso di ulteriori requisiti di qualità ed essere quindi anche accreditato.
L'accreditamento istituzionale fornisce lo status di soggetto idoneo ad operare per conto del Servizio sanitario nazionale ma per operare effettivamente a suo carico, i soggetti devono partecipare alle manifestazioni di evidenza pubblica.
Al momento della presentazione dell'istanza di autorizzazione potrà essere manifestata la volontà di procedere alla  successiva domanda di accreditamento.
 

Autorizzazione all'esercizio ►►

Accreditamento ►►
 

Strutture pubbliche e equiparate al pubblico

Per i produttori di sanità pubblici e ad essi equiparati, l'attestazione del possesso dei requisiti minimi di esercizio viene presentata contestualmente all'avvio dell'attività, sia essa nuova, o per ampliamento, trasformazione o trasferimento di una esistente.

Autorizzazione all'esercizio modulistica ►► liste di autovalutazione ►►

  • I setting e le procedure di chirurgia ambulatoriale e di radiologia interventistica sono definiti nei relativi atti regionali:
     - per la chirurgia ambulatoriale (delibera di giunta regionale 932/2017 e decreto dirigenziale 5417/2018)
     - per la radiologia interventistica (delibera di giunta regionale 1400/2020 e decreto dirigenziale 6575/2021)

Accreditamento ►►
 

Studi professionali

La LR n. 51/2009 e il regolamento n.79/2016 stabiliscono che:

- Sono soggetti a segnalazione certificata di Inizio attività:

  • gli studi medici ed odontoiatrici che erogano prestazioni diagnostiche e terapeutiche a minore invasività che non comportano rischio per la sicurezza del paziente, individuate con la lettera M del Catalogo Regionale delle prestazioni e nei relativi allegati al decreto dirigenziale 16269/2020 
  • gli studi medici che effettuano solo visite o diagnostica strumentale non invasiva e complementare all'attività clinica;
  • studi associati e società tra professionisti di altre professioni sanitarie.

 - Sono soggetti ad autorizzazione:

  • gli studi medici (odontoiatri, chirurghi, endoscopisti) che non  effettuano le prestazioni individuate con la lettera M, H o R dal Catalogo Regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali;
  • gli studi associati e società tra professionisti di altre professioni sanitarie che intendono richiedere l'accreditamento istituzionale.

Autorizzazione all'esercizio

  • modulistica ►►  liste di autovalutazione ►►
    Decreto dirigenziale 15101 del 22/9/2020
     ►►
    DPGR 16 settembre 2020 n. 90/R: approvazione modulistica per gli studi per la richiesta di autorizzazione e per la SCIA e relative liste di autovalutazione. Revoca decreti 1862 del del 20 febbraio 2017 e n. 3752 del 19 marzo 2018.
    La modulistica è stata aggiornata con decreto dirigenziale16211 del 14/10/2020
  • oneri a carico degli studi professionali ►►


Presentazione delle domande:
Tutte le domande devono essere presentate al SUAP del Comune su cui insiste la struttura tramite il portale telematico STAR►►
E' necessario seguire le istruzioni via via riportate nelle pagine, compilando i dati direttamente sul sistema o utilizzando la modulistica che il sistema stesso mette a disposizione.

-------------------------

Domande frequenti (FAQ) ►►

Condividi
Aggiornato al:
19.04.2024
Article ID:
285363