Salta al contenuto Salta al menu'

Guida incentivi

In Primo Piano

Imprese, bandi aperti e agevolazioni

Nuovi bandi in vari settori per start up giovanili e micro, piccole e medie imprese per innovazione, credito, servizi avanzati e qualificati, ecc.

La nuova edizione della Guida di orientamento agli incentivi per le imprese

Pubblicata la 38° edizione pdf della Guida, aggiornata al 15 giugno 2016 E' uscita la 38° edizione della Guida di orientamento agli incentivi per le imprese aggiornata...

Riconversione e riqualificazione industriale dell'area di Piombino

Riconversione e riqualificazione industriale dell'area di Piombino

Riaperto il bando per i protocolli d'insediamento. Dall'Accordo di programma dell'aprile 2014 all'approvazione del progetto per la riqualificazione ambientale e produttiva del sito siderurgico di Piombino, la riconversione e riqualificazione produttiva dell'area di crisi complessa Piombino-Campiglia Marittima-San Vincenzo-Suvereto, il reimpiego dei lavoratori.


La Regione Toscana con delibera di Giunta n. 355 del 27 aprile 2016 ha riaperto i termini per la presentazione delle manifestazioni d'interesse sul bando Protocolli di insediamento aree di crisi Piombino e Livrono: le manifestazioni d'interesse possono essere presentate nel corso del mese di maggio e fino al 30 giugno 2016. Per i dettagli >>> scheda bando Protocolli di insediamento aree di crisi Piombino e Livorno

Le misure di sostegno alle imprese dell'area di crisi complessa:
 - è stata attivata il 12 gennaio la misura per gli aiuti previsti dalla legge n. 181/89: regime di aiuto attuata da Invitalia
- dal 20 gennaio sono aperte le manifestazioni di interesse per i protocolli di insediamento: riaprono i termini del bando (decreto n. 6664 del 21 dicembre 2015)
- il prossimo 1 marzo Fondo rotativo parte la presentazione delle domande (fondo per prestiti  nell'ambito del Par Fas 2007-2013 - linea di intervento 1.6. A - "Interventi di sostegno alle imprese dell'Area di crisi di Piombino)

E' in corso l'elaborazione del Progetto di riconversione e riqualificazione industriale (Prri) per l'area di crisi complessa di Livorno (costituita dai territori dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo) a settembre 2016 sarà aperta una call  >>> Opportunità per investire nell'area di crisi complessa di Livorno

Il 19 gennaio 2016 si è svolta a Piombino (presso l'Hotel Phalesia in via Paolo Vannucci n. 4, con inizio lavori alle 10,30) un'altra iniziativa per divulgare la conoscenza degli incentivi statali e regionali: il workshop "Gli incentivi nazionali (legge 181/89) e regionali per il rilancio dell'area di crisi industriale di Piombino"..

Gli inteventi regionali del programma di rilancio dell'area di Piombino

Alla presentazione del Prri si è parlato anche dell'avviso con modalità di selezione,  tramite ricorso al regime di aiuto di cui alla legge n. 181/1989,  emesso dal Ministero dello Sviluppo economico (Mise) con Circolare n. 75996 del 12/ ottobre 2015, dedicato alle iniziative imprenditoriali nei comuni ricadenti nell'area di crisi industriale di Piombino. Le risorse disponibili sull'avviso di selezione ammontano a 20 milioni di euro.
A partrire dal 12 gennaio all'11 febbraio 2016 gli interessati potranno presentare, ad Invitalia, la domanda per beneficiare degli aiuti.
La Regione Toscana con delibera di Giunta n. 983 del 19 ottobre 2015 ha definito la ripartizione delle risorse stanziate per gli interventi a favore delle imprese

Per maggiori informazioni: www.invitalia.it/site/new/home/cosa-facciamo/rilanciamo-le-aree-di-crisi-industriale/piombino.html

Il Prri del Polo industriale di Piombino è il punto di arrivo dell'Accordo di programma (schema approvato con delibera n. 345 del 28 aprile 2014, schema adozione Prri approvato con delibera n. 457 del 7 aprile 2015) che, il 24 aprile 2014, hanno stipulato la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dello sviluppo economico (Mise), il Ministero della difesa, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, l'Agenzia del demanio, la Regione Toscana, la Provincia di Livorno, il Comune di Piombino, l'Autorità portuale di Piombino, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa spa (Invitalia).

E' allo stesso tempo il punto di partenza per realizzare nell'area di crisi industriale complessa dei comuni di Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo e Suvereto (Sistema locale del lavoro - SLL) quegli interventi, tanto attesi, di messa in sicurezza, riconversione e riqualificazione industriale.  Con un budget di 162 milioni di euro, 81 dei quali del bilancio della Regione Toscana, assicurati dall'Accordo di programma interistituzionale.
Si aggiungono poi 133 milioni, quasi interamente della Regione, per il Porto di Piombino e altri incentivi regionali "ordinari", attraverso l'introduzione di criteri di premialità e/o priorità in favore degli interventi che insistono sull'area di crisi complessa del SLL di Piombino.

Il progetto di riconversione e riqualificazione industriale, approvato formalmente il 7 maggio 2015, è articolato in tre assi di intervento:

  • asse 1: intervento di riqualificazione ambientale e produttiva del sito industriale di Piombino della Lucchini spa in amministrazione straordinaria;
  • asse 2: intervento di riconversione e riqualificazione produttiva deII 'area di crisi industriale complessa di Piombino, il cui Pacchetto di interventi per le imprese del territorio vale 50 milioni, di cui 32 di incentivi regionali e 20 di incentivi statali (legge n. 181/1989). Questi ultimi saranno attivati con successiva circolare, non appena registrato il decreto ministeriale 9 giugno 2015, che ha introdotto una nuova disciplina delle misure di sostegno e di reindustrializzazione per le aree di crisi.
  • asse 3: politiche attive del lavoro e misure per il reimpiego anche in progetti di riconversione

Approfondimenti: consultare le pagine dedicate al progetto sul sito di Invitalia, con il testo del progetto, la normativa e gli atti di riferimento, le agevolazioni dello Stato e della Regione.
E' prevista l'attivazione di una Newsletter.

Per chiarimenti ed ulteriori informazioni: scrivere a Invitalia compilando il Contact Form

Sportello per le imprese presso il Comune di Piombino: telefono 0565 63 377, aperto lunedì e mercoledì, dalle 9,30 alle 13,30.

ALF


Ultima modifica: 16/06/2016 16:12:37 - Id: 12709378
  • Condividi
  • Condividi