Piani di protezione civile

La pianificazione di protezione civile è lo strumento fondamentale con cui Enti e cittadini si preparano ad affrontare un possibile evento in modo da limitarne i possibili effetti. 

Durante la redazione di un piano di protezione civile si acquisiscono le conoscenze sui rischi potenziali di un dato territorio e di conseguenza si organizzano le risorse umane e materiali, le attività e le azioni, con cui affrontare in maniera tempestiva ed efficace l'evento, ad esempio un'alluvione, una frana o un terremoto, con lo scopo di salvaguardare innanzitutto la vita delle persone.

Il piano di protezione civile è redatto da un Ente instituzionale per il proprio territorio (Comune, Provincia, Regione, Stato) con il contributo di tutti gli attori del sistema di protezione civile. Una volta approvato è importante che il piano di protezione civile sia condiviso con tutti soggetti coinvolti, con il volontariato e anche con i cittadini. Il piano di protezione civile deve anche essere periodicamente verificato ed eventualmente aggiornato in base alle informazioni disponibili ma anche a seguito dell'esperienza derivante dalla gestione di eventi reali.

I con tenuti più importanti di un piano di protezione civile ad ogni livello sono:

  • la previsione dei rischi attraverso l'analisi delle zone potenzialmente pericolose e dei possibili effetti su persone o cose.
  • l'organizzazione e il coordinamento degli Enti e delle atri componenti in caso di evento previsto o in corso. La progressiva attivazione può avvenire in funzione di un sistema di allertamento quando questo è previsto, ad esempio nel caso dell'allerta meteo, ma deve comunque seguire la gravità dell'evoluzione reale dell'evento.
  • l'informazione verso i cittadini, in particolare rispetto ai rischi potenziali e quali siano le misure di autoprotezione da adottare
  • l'attuazione del soccorso e dell'assistenza ai cittadini colpiti da un evento in raccordo con le altre componenti operative come i Vigili del Fuoco e il soccorso sanitario
  • quanto necessario per la ripresa delle normali condizioni di vita dopo un evento che abbia colpito un dato territorio.

Il piano di protezione civile organizza anche le cosiddette attività di "tempo di pace", come, ad esempio, la formazione degli operatori, la programmazione delle esercitazioni, la diffusione ai cittadini dei contenuti fondamentali del piano e delle norme di autoprotezione.

In caso di emergenza di protezione civile il primo livello chiamato in causa è quello comunale: il Sindaco è la prima autorità di protezione civile che ha la responsabilità di vigilare e affrontare, con i mezzi di cui dispone, i primi momenti di difficoltà in cui si possono trovare i suoi cittadini. Per questo motivo il piano di protezione civile comunale è particolarmente importante. Mantieniti informato, consulta il piano di protezione civile del tuo Comune!

Condividi
Aggiornato al:
24.02.2022
Article ID:
284837