Programma DOCUP

Programma DOCUP in ToscanaNell'ambito del Programma DOCUP Toscana 2000-2006 e nello specifico nella misura 2.8.3 (riduzione del rischio delle aree produttive) sono state avviate una serie di indagini geologiche, geofisiche e geotecniche sui terreni in corrispondenza degli insediamenti industriali, finalizzate alla valutazione degli effetti locali (microzonazione sismica) nelle aree produttive.

Tale programma è stato avviato in alcuni comuni del Livornese, del Senese, del Mugello, dell'Alto Aretino, della Garfagnana e per i comuni di Massa, Carrara e Montignoso.

L'obiettivo è di acquisire per tutte le zone produttive comunali previste dai progetti d'area, cartografie geologiche, geomorfologiche e litologico-tecniche in scala 1:2000, indagini geofisiche e geotecniche finalizzate alla valutazione degli effetti locali.

Inoltre per alcune zone produttive oggetto d'indagine, saranno forniti tutti i dati di parametrizzazione meccanica e sismica dei terreni, i coefficienti di amplificazione sismica e gli spettri di progetto.

I risultati ottenuti saranno resi disponibili agli enti locali, alle categorie economiche ed ai titolari degli edifici produttivi oggetto delle indagini, attraverso:

  • la realizzazione di banche dati sulla vulnerabilità degli edifici produttivi e sugli effetti locali dei terreni, delle aree oggetto di indagine;

  • la predisposizione di manuali tecnici e di procedure per la realizzazione della messa in sicurezza delle strutture produttive.

Programma delle attività DOCUP in Regione Toscana - schemaLe attività programmate dalla Regione Toscana sono le seguenti:

come illustrato nello schema in immagine.

Le fasi operative e la programmazione

Le indagini di esplorazione multidisciplinare del sottosuolo, realizzate nell'ambito delle attività del Progetto DOCUP, riguardano la valutazione degli effetti locali negli insediamenti produttivi finalizzata alla pianificazione urbanistica (scala 1:2000).

Il programma delle attività, coordinato dal Servizio Sismico Regionale, in collaborazione con importanti centri scientifici ed accademici italiani, referenti tecnico-scientifici per le diverse discipline della ricerca e improntato su una filosofia operativa di tipo multidisciplinare ed analitica, si articola nelle seguenti fasi:

FASE a - Definizione della pericolosità sismica e dell'Input sismico nelle aree produttive: tale attività consiste nell'installazione di alcune stazioni per il monitoraggio sismico e nella raccolta e monitoraggio completo dei dati rilevati in integrazione a quelli già disponibili dalla rete sismica locale. Verranno effettuati anche studi sulla sismicità storica e sulla tettonica dell'area e su altri parametri per la valutazione della pericolosità sismica locale delle aree produttive individuate. Lo studio sarà finalizzato all'elaborazione di scenari di valutazione del rischio sismico attraverso la predisposizione di cartografia tematica e banche dati;

FASE b - Realizzazione della cartografia geologica, geomorfologica e litologico-tecnica in scala 1:2.000 numerica (e laddove non siano disponibili cartografie numeriche o cartacee in scala 1:2.000 realizzazione delle cartografie in scala 1:5.000) ed individuazione delle sezioni geologiche significative;

FASE c - Realizzazione delle indagini geofisiche nelle aree produttive oggetto d'indagine mediante gare di appalto per l'individuazione di imprese specializzate. L'esecuzione, l'elaborazione e la presentazione dei risultati delle indagini geofisiche seguirà le specifiche tecniche redatte dalla Regione Toscana in collaborazione con i consulenti scientifici e riportate nelle "Istruzioni Tecniche Regionali" e nei "Capitolati d'Appalto". Sui risultati prodotti delle indagini geofisiche verrà effettuato una valutazione e un controllo di qualità da parte dei consulenti scientifici;

FASE d - Realizzazione delle indagini geotecniche (sondaggi geotecnici) e geofisiche (prove down-hole) nelle aree produttive oggetto d'indagine in relazione alla programmazione di cui al punto precedente mediante gare di appalto per l'individuazione di Imprese specializzate. L'esecuzione, l'elaborazione e la presentazione dei risultati delle indagini geotecniche e geofisiche dovrà seguire le specifiche tecniche redatte dalla Regione Toscana in collaborazione con i consulenti scientifici e riportate nelle "Istruzioni Tecniche Regionali" e nei "Capitolati d'Appalto". Sui risultati prodotti delle indagini geotecniche e geofisiche verrà effettuato una valutazione e un controllo di qualità da parte dei consulenti scientifici;

FASE e - Realizzazione prove dinamiche di laboratorio sui campioni prelevati: per ogni campione di terreno indisturbato prelevato nell'ambito dei sondaggi geotecnici, saranno realizzate analisi dinamiche presso laboratori specializzati al fine di fornire parametri dinamici utili per l'analisi di modellazione dinamica;

FASE f - Definizione del modello geotecnico-geofisico ed esecuzione dell'analisi di amplificazione: sulla base del modello geologico, geotecnico e geofisico del sottosuolo si prevede di realizzare in collaborazione con Enti di ricerca specializzati una serie di analisi numeriche bidimensionali e monodimensionali utilizzando modelli disponibili in letteratura;

FASE g - Definizione dei parametri (spettri di risposta e fattori di amplificazione) da fornire ai comuni per la progettazione di nuovi edifici produttivi e per gli interventi di adeguamento e miglioramento sugli edifici esistenti;

FASE h - Microzonazione sismica: realizzazione di cartografia di dettaglio delle aree produttive del territorio di uno o più Comuni campione in relazione alla differente risposta sismica del terreno;

FASE i - Realizzazione di una banca dati geografica (GIS) relativa a tutti i dati acquisiti nelle indagini geologiche, geotecniche e geofisiche da mettere a disposizione dei comuni e dei professionisti;

FASE j - Realizzazione di indagini su un campione significativo di edifici produttivi: accertamento dello stato di fatto degli edifici a destinazione produttiva, attraverso sopralluoghi da effettuarsi all'interno dei territori comunali interessati; le indagini saranno effettuate all'interno di aree omogenee perimetrate nell'ambito degli studi geologici preliminari. Durante i sopralluoghi saranno acquisite informazioni relativamente a localizzazione, dati metrici, tipologia costruttiva, stato di conservazione, proprietà e destinazione d'uso, numero degli addetti e afflusso di pubblico; laddove disponibile sarà anche raccolta la documentazione di progetto. Lo stato di fatto rilevato sarà inoltre documentato fotograficamente;

FASE k - Realizzazione di carte tematiche rappresentative della distribuzione spaziale della vulnerabilità sismica, delle caratteristiche tipologiche, costruttive e della destinazione d'uso degli edifici produttivi censiti;

FASE l - Realizzazione di banche dati sulla vulnerabilità degli edifici nelle aree oggetto di indagine, da rendere disponibili agli Enti Locali, alle categorie economiche interessate e ai titolari degli edifici stessi;

FASE m - Realizzazione di idonee attività e campagne di informazione.Le attività vengono programmate dalla Regione Toscana.
 

Elenco dei progetti e delle attività

I progetti sono stati individuati tenendo conto della programmazione regionale in materia di riduzione del rischio sismico, della classificazione sismica del territorio regionale (OPCM n. 3274/2003), della presenza di aree produttive, della localizzazione/pertinenza degli interventi in aree ammissibili ai finanziamenti Docup, distinguendo tra aree Ob. 2 e aree a Sostegno Transitorio.

Progetto

Numero Comuni

Ob.2

Ph.Out

Ob2/Ph.Out

Totale

1) Provincia di Massa e Carrara - Lunigiana e Aree di Massa e Carrara

4

0

6

10

2) Provincia di Lucca - Garfagnana e Media Valle del Serchio

4

0

1

5

3) Provincia di Siena - Senese, Amiata, Val d'Elsa e Colline Metallifere

5

0

0

5

4) Provincia di Livorno - Livornese

3

0

1

4

5) Provincia di Pistoia - Pistoiese

3

0

1

4

TOTALE OBIETTIVO 2

 

 

 

28

6) Provincia di Arezzo - Alto Aretino, Valtiberina, Valdichiana e Aretino

0

8

0

8

7) Provincia di Firenze - Mugello

0

11

1

12

TOTALE SOSTEGNO TRANSITORIO

 

 

 

20

TOTALE

 

 

 

44

 

Nell'ambito del Programma DOCUP Toscana 2000-2006 sono stati utilizzati in totale Euro 2.650,00 per la realizzazione di rilievi geologici, indagini geofisiche e geotecniche nelle aree produttive di alcuni Comuni a maggior rischio sismico.

Aggiornato al:
30.10.2020
Article ID:
175870