La liberta` d'informazione al centro del meeting del 10 dicembre

L'informazione come diritto. E un paradosso: da un lato l'infinita quantità di notizie a cui possiamo avere accesso, alla televisione come alla radio, sui giornali, sullo schermo di un computer o di un telefonino, dall'altro il senso crescente di disinformazione rispetto alle grandi questione del nostro pianeta. E' proprio questo il tema dell'ottava edizione del meeting sui diritti umani, ‘Fai la cosa giusta', che si svolgerà al Mandela Forum di Firenze (ex Palazzo dello sport) il 10 dicembre, anniversario della Dichiarazione dei diritti dell'uomo.
‘Le troppe verità e l'informazione come diritto' è il titolo di questa giornata, dedicata a Tiziano Terzani , che come sempre coinvolgerà gli studenti delle scuole medie e superiori di tutta la Toscana. Un tema particolarmente caro alla Regione, quello sul diritto ad informare e ad essere informati, come dimostra l'impegno, insieme alla Federazione nazionale della stampa, al sindacato dei giornalisti italiani, ad Arci e Acli, nell'Osservatorio sulla libertà d'informazione, l'organismo che dal 1998 monitora, fa conoscere, divulga lo stato della libertà d'informazione nel mondo.
A condurre il dibattito sarà Gad Lerner . La mattinata si aprirà con il benvenuto del presidente della Regione Toscana Claudio Martini , cui faranno seguito i saluti del presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini e del sindaco di Firenze Leonardo Domenici. Tiziano Terzani sarà ricordato dalla moglie Angela Staude e dal figlio Folco . Enrico Deaglio , direttore del settimanale ‘Il diario', racconterà invece la storia di Enzo Baldoni , il giornalista italiano ucciso in Iraq. L'informazione nei paesi del Medio Oriente e in Africa, il rapporto tra Islam e informazione, l'informazione in guerra sono gli argomenti che verranno affrontati nel dibattito. A parlare dell'Islam sarà Omar Belouchet , direttore del quotidiano algerino El Watan, e Imad El Atrache , giornalista televisivo di Al Jazeera. Sul tema dell'informazione in Africa interverranno Carmine Curci , direttore del mensile Negrizia, Ibiba Don Pedro , giornalista nigeriano e corrispondente del quotidiano The Guardian, e padre Giulio Albanese , missionario e giornalista, ideatore dell'agenzia di stampa Misna (Missionary service news agency). Sul tema ‘Raccontare la guerra' interverranno invece il generale Fabio Mini , direttore dell'Istituto di ricerca Newstrategy , e Chris Hedges , docente di giornalismo alla New York University. Il presidente Martini e Chiara Bonaiuti , responsabile area economia della difesa, dell'Istituto ricerche economiche e sociali, presenteranno l'aggiornamento del mappamondo dei conflitti, un planisfero che riporta tutte le guerre in corso. Infine a raccontare l'informazione in Medio Oriente sarranno Yoav Limor , giornalista del Canale 1 della tv israeliana, e Daoud Kuttab , editorialista palestinese, direttore della stazione radio internet Amman Net.

Aggiornato al:
16.10.2008
Article ID:
547994