Informazione e partecipazione per la modifica del Piano Ambientale ed Energetico regionale (PAER) ai fini della definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti per la produzione di energia geotermica in Toscana

Condividi


Sezione informazione per la modifica del Piano Ambientale ed Energetico regionale (PAER) ai fini della definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti per la produzione di energia geotermica in Toscana
Avvio del procedimento ai sensi dell' art. 17 della l.r. 65/2014


Sezione partecipazione per  la modifica del Piano Ambientale ed Energetico regionale (PAER) ai fini della definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti per la produzione di energia geotermica in Toscana

Secondo incontro pubblico di presentazione della modifica del Piano Ambientale ed Energetico Regionale (PAER) ai fini della definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti di produzione di energia geotermica
Firenze, martedì 23 luglio 2019 ore 10,00  presso Auditorium Via Val di Pesa n.3
L'incontro, aperto a tutti i cittadini e soggetti interessati, ha lo scopo di inquadrare la modifica del PAER con particolare riferimento allo statuto del territorio.

Interverranno:
Federica Fratoni – Assessore Regionale Ambiente e difesa del suolo
Francesca de Santis – Garante Regionale dell'informazione e della partecipazione per il governo del Territorio
Simona Signorini – P.O. "Geotermia e Titoli Minerari" Regione Toscana

 

Primo incontro pubblico di presentazione della modifica del Piano Ambientale ed Energetico Regionale (PAER) ai fini della definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti di produzione di energia geotermica
Firenze, 15 aprile 2019 ore 14.30 presso Auditorium Consiglio Regionale della Toscana – Via Cavour n. 4.
L'incontro, aperto a tutti i cittadini e soggetti interessati, ha lo scopo di inquadrare il percorso della modifica del PAER ed i principali contenuti, al fine di raccogliere contributi e osservazioni per la definizione della proposta di piano.

Interverranno:
Federica Fratoni – Assessore Regionale Ambiente e difesa del suolo
Francesca de Santis – Garante Regionale dell'informazione e della partecipazione per il governo del Territorio
Renata Laura Caselli – Dirigente Settore "Servizi pubblici Locali, Energia e Inquinamenti" Regione Toscana
Simona Signorini – P.O. "Geotermia e Titoli Minerari" Regione Toscana


 

E' attivo dall'11 marzo 2019 al 10 maggio 2019 un form per l'invio di un contributo partecipativo per la modifica del PAER al Garante della informazione e della partecipazione per il governo del territorio della Regione Toscana.

  • Form per l'invio del contributo partecipativo (concluso)

 

Nella seduta del  1° febbraio 2017 il Consiglio Regionale ha approvato la Risoluzione n.140 "in merito alla definizione delle aree  non idonee per l'installazione di impianti di produzione di energia geotermica in Toscana.
La Risoluzione sottolinea l'importanza che la geotermia riveste nella politica energetica della Toscana e richiama la LR 17/2015 "Disposizioni urgenti in materia di geotermia" e la LR 52/2016 "Disposizioni in materia di impianti geotermici. Modifiche alla l.r. 39/2005", entrambe volte a garantire un corretto inserimento territoriale dell'attività geotermoelettrica.
Viene tuttavia evidenziata la necessità di regolamentare in maniera più stringente il tema dell'inserimento nel territorio, attraverso l'individuazione di aree non idonee (ANI), in analogia con le restanti fonti di energia rinnovabile.

Con DGRT 516/2017 sono state quindi approvate le linee guida per l'identificazione delle Aree Non Idonee (ANI) all'attività geotermoelettrica in Toscana, sulla scorta dei contenuti dell'Allegato 3 del  D.M. 10/9/2010 "Linee guida nazionali per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili". Cinquantuno Amministrazioni Comunali della Toscana hanno fatto pervenire le loro proposte, che sono state valutate da una commissione interna agli uffici regionali  al fine di verificarne la coerenza con le linee guida regionali di cui alla DGRT 516/2017. E' stata pertanto predisposta una relazione istruttoria, illustrata nella seduta n.120 della Quarta Commissione Consiliare del 18/09/2018.

Successivamente, con la Risoluzione n. 223, approvata nella seduta del 20 novembre 2018, il Consiglio regionale ha impegnato la Giunta a predisporre la proposta di adeguamento del PAER, individuando le ANI all'attività geotermoelettrica in Toscana, ed a valutare la necessità di un contestuale intervento sugli strumenti di pianificazione territoriale regionale.

Il  Piano ambientale ed energetico regionale (PAER) individua, negli allegati al disciplinare, le aree non idonee alla produzione di energia elettrica da impianti eolici, a biomasse e fotovoltaico.
Scopo della presente modifica è appunto definire le aree non idonee anche per l'attività geotermoelettrica, aree che tengano conto delle caratteristiche e dei vincoli paesaggistici e ambientali insistenti sulle diverse zone della regione, nonché della presenza di produzioni agricole di particolare pregio.

Le ANI, strumento introdotto dal DM 10/9/2010 "Linee guida nazionali per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili" consentono di individuare delle aree e dei siti non idonei alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili; è disposto che vengano individuate dalle Regioni nell'ambito dei propri atti di pianificazione energetica. Si tratta di uno strumento che non si configura come divieto preliminare, ma come atto di accelerazione e semplificazione dell'iter di autorizzazione alla costruzione e all'esercizio, anche in termini di opportunità localizzative offerte dalle specifiche caratteristiche e vocazioni del territorio.

La modifica del PAER prevede l'individuazione di ANI per impianti di produzione di energia elettrica da fonte geotermica:  la non idoneità si riferisce all'impianto nella sua complessiva filiera di estrazione (pozzo) ed utilizzo della risorsa (centrale), non si riferisce alle infrastrutture di collegamento quali linee elettriche, termodotti, strade.

Inoltre, il tema della non idoneità non investe l'intera fase della ricerca: le limitazioni in tal senso sono soltanto quelle eventualmente imposte in sede di valutazione di impatto ambientale. Ciò anche in considerazione del fatto che per la risorsa geotermica, diversamente dalle altre fonti (sole, vento, biomassa, acqua, ecc.) è fondamentale conoscere nel dettaglio le caratteristiche del campo geotermico e del fluido stesso: solo a partire da tali acquisizioni è possibile infatti determinare se sia praticabile lo sfruttamento della risorsa e, in caso positivo, stabilire tipologia e potenza degli impianti.
Pertanto le ANI non  possono in alcun modo limitare l'ambito della ricerca mineraria.

Il PAER sarà dunque modificato attraverso uno specifico allegato che andrà ad individuare le aree non idonee. Tali aree costituiranno una sorta di inquadramento delle vincolistiche a tutela del paesaggio, dell'ambiente e della produzione agricola, offrendo ai potenziali produttori un quadro certo e chiaro di riferimento per orientare le scelte localizzative degli impianti. Poiché quindi la modifica del PAER in esame produce effetti territoriali e comporta variazioni agli strumenti della pianificazione territoriale e urbanistica, i criteri individuati a tale scopo dovranno essere coerenti con il Piano di Indirizzo Territoriale (PIT).
Ai fini della valutazione di non idoneità del territorio alla realizzazione di impianti geotermici occorre infatti considerare, oltre alla vincolistica di legge prima richiamata, fattori quali la tipologia di impianto da realizzare, la vocazione economica del territorio (nelle sue caratteristiche sia di stato che dinamiche), il grado di saturazione rispetto alla presenza di impianti geotermici o altri impianti agricolo-industriali.
In merito alla vocazione economica e alle dinamiche che caratterizzano lo sviluppo socioeconomico delle realtà locali, si segnala che anche in questo caso non vi può derivare una valutazione univoca né avulsa da considerazioni di ordine politico. L'aspetto da considerare riguarda infatti l'effetto compensativo di cui la realizzazione di un impianto geotermico dovrà accompagnarsi (in aggiunta a quanto previsto dalla normativa specifica).

Aggiornato al:
26.07.2019
Article ID:
16161571