Imprese, efficientamento energetico: il 15 giugno a Pisa l'ultimo infoday sul bando

La Regione Toscana punta a sostenere il miglioramento e l'aumento dell'efficienza energetica degli immobili delle imprese della Toscana.  E' questa la finalità del bando per l'efficientamento enegetico degli insediamenti produttivi che pubblicato sul BURT n. 21 del 25/05/2016 Parte III, Supplemento n.84, e approvato con Decreto Dirigenziale n. 3171 del 16 Maggio 2016, nell'ambito del Programma operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale 2014-2020 e in attuazione delle specifiche Direttive recentemente approvate.

Per illustrare le novità intodotte nel bando e come partecipare al bando, gli uffici regionali hanno organizzato tre giornate informative e di lavoro con le imprese e le associazioni di categoria interessate, con iscrizioni online.

A Pisa domani
il 15 giugno ore 10-13 presso SMS Centro Espositivo Museale San Michele degli Scalzi, viale delle Piagge 14: consulta il programma in pdf  si svolge l'ultimo infoday. Le persone interessate che non hanno potuto iscirversi possono presentarsi ed accedere alla sala fino ad esaurimento dei posti (90 posti disponibili - scadenza iscrizioni 13 giugno).

Il primo infoday si è svolto a Firenze l'8 giugno dalle 10 alle13 presso la sala Pegaso, Palazzo Sacrati Strozzi, piazza Duomo 10 (iscrizioni online fino al 6 giugno -  consulta il programma in pdf  mentre il secondo si è svolto a Siena il 13 giugno (ore 14.30 - 17.30) presso Palazzo Patrizi, via di Città 75: consulta il programma in pdf)  >>> il form di iscrizione online

Per informazioni sul bando e sugli incontri informativi scrivere a bandoenergia2016@regione.toscana.it


Vai alla scheda del bando >>


La novità del bando, rispetto a quanto annunciato in precedenza  è che sono stanziati in totale 8 milioni di contributi, di cui 3 a favore di progetti di efficientamento energetico delle imprese aventi sedi operative esistenti nei Comuni del Parco Agricolo della Piana, 2milioni a favore di progetti di efficientamento energetico delle imprese colpite da calamità naturali e 3 a sostegno di progetti diversi che non ricadono nei primi due casi.

Anna Luisa Freschi

Aggiornato al:
16.06.2016
Article ID:
13420218