Aree interne, montane e insulari: contributi per empori di comunità

Rinvio dell'apertura del bando (decreto del 27 ottobre 2020). Programma operativo regionale (Por) del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2014-020


BANDO SEMPRE APERTO
Condividi

Data di pubblicazione bando su BURT

28 ottobre 2020


Rivitalizzare le aree marginali con un sostegno mirato alla diversificazione  dei  servizi/prodotti offerti alle collettività ivi residenti attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto a lavoratori autonomi, micro imprese e Pmi, cooperative di comunità . E' questa la finalità del bando per contributi a fondo perduto a favore degli empori di comunità nelle aree interne, montane ed insulari” (con relativi allegati), approvato dalla Regione Toscana con decreto dirigenziale 16801 del 16 ottobre 2020 nel quadro della strategia nazionale e regionale a favore delle aree interne e delle   politiche regionali a favore dei comuni montani e insulari

In evidenza: rinvio dell'apertura del bando (decreto dirigenziale 17048 del 27 ottobre 2020.
Avvio della raccolta dei progetti rimandata ad un successivo atto.

Il bando è cofinanziato dal Programma operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale in particolare dalle risorse assegnate all'azione 3.1.1. sub-azione 3.1.1a3) “Aiuti finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica covid-19 “Fondo investimenti Toscana – contributi a fondo perduto a favore degli empori di comunità nelle aree interne, montane ed insulari” del programma.

Gli elementi essenziali del bando sono stati approvati con delibera di giunta regionale 1154 del 3 agosto 2020.

Finalità del bando.  Il bando punta a potenziare l’offerta di prodotti e servizi alla collettività per   favorire le condizioni di residenzialità e di qualità della vita nelle aree interne, a rivitalizzare le aree marginali con un sostegno mirato alla diversificazione  dei  servizi / prodotti offerti alle collettività residenti, attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto.

Destinatari / beneficiari
Possono presentare domanda

  • micro, piccole e medie imprese, così come definite dall’allegato I del Reg. (UE) n.651/2014, nonché liberi professionisti, che esercitino la propria attività anche attraverso Empori polifunzionali (art. 25, comma 1, legge regionale 62/2018)
  • cooperative di comunità, come definite dalla legge regionale 67 del  14 novembre  2019,   all’interno di aree interne, comuni montani o comuni insulari.

Le aree interne sono quelle elencate nell’allegato A "Perimetrazioni funzionali alle procedure di concessione di contributi a favore del tessuto produttivo" della decisione di giunta regionale 19 del 6 febbraio 2017, riferite sia alla strategia regionale che alla strategia nazionale.

I comuni montani sono quelli definiti nell’allegato B della legge regionale 68 del 27 dicembre 2011 "Norme sul sistema delle autonomie locali".

Scadenza e presentazione domande
La domanda di agevolazione è redatta esclusivamente online, previo rilascio delle
credenziali di accesso al sistema informativo, a partire dalle ore 9.00 del 29 ottobre 2020. La raccolta delle domande sarà chiusa alle ore 17.00 del secondo giorno successivo a quello in cui viene raggiunto il limite delle risorse disponibili.
Al raggiungimento della dotazione finanziaria disponibile, viene pubblicato un avviso sul portale di inserimento delle domande gestito da Sviluppo Toscana www.sviluppo.toscana.it.
Le domande  di  agevolazione pervenute successivamente alla pubblicazione dell'avviso e prima della chiusura della raccolta delle stesse, saranno istruite ma potranno essere finanziate solo limitatamente alle risorse liberate per effetto della non ammissione di alcune domande, ovvero in caso si rifinanziamento dell’intervento.
Si precisa pertanto che la ricezione delle istanze di agevolazione dopo la pubblicazione di tale avviso di avvenuto raggiungimento del montante di risorse disponibili, non precostituisce nessuna obbligazione a carico della Regione.

  • In ogni  caso, fatte  salve  eventuali e diverse determinazioni  al riguardo da assumersi prima di quella data, la raccolta progettuale sarà sospesa alle ore 23.59 del 30 novembre 2020 al fine di verificare lo stato di attuazione della misura nel rispetto dei vincoli posti dalla delibera di giunta regionale 855 del 9 luglio 2020 e l’eventuale necessità di ulteriore riprogrammazione del Por Fesr con destinazione delle risorse residue ad altro intervento.

Le istruzioni per il rilascio delle credenziali sono disponibili al seguente   indirizzo: https://sviluppo.toscana.it/bandi

Tipo di agevolazione
L’aiuto sarà concesso nella forma di contributo a fondo perduto in misura  pari a 10.000,00   euro per la realizzazione di   "empori  di   comunità” ovvero  strutture polifunzionali a carattere imprenditoriale organizzate  per la  produzione  o commercializzazione dei Prodotti e servizi di utilità per le comunità residenti in aree montane e insulari di interesse per la comunità di riferimento, individuati con delibera di giunta 1262  del 15 settembre 2020 (nonché riportati  anche nell’allegato  F  di questo bando).
I  soggetti   di cui al paragrafo 2.1  del bando che intendono  realizzare  “empori   di   comunità” in forza delle agevolazioni previste dal presente bando,  presentano,  unitamente alla domanda  di aiuto  una specifica proposta progettuale (scheda tecnica dell'intervento), corredata di tutta la   documentazione   di  cui  al  paragrafo 4.3, che comprende la relazione descrittiva dell'intervento.
Gli aiuti concessi  con questo bando sono assegnati ai  sensi  della  Comunicazione della Commissione C(2020) 1863 del 19.03.2020 Quadro temporaneo per le misure di aiuto di
Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del covid-19
”.
Gli aiuti eventualmente deliberati oltre il periodo di validità del suddetto Quadro
temporaneo saranno concessi in conformità al regolamento (UE) n.   1407/2013   della
Commissione del 18 dicembre 2013, relativo  all'applicazione  degli   articoli  107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti "de minimis".

Durata e termine della realizzazione dell'intervento
L’intervento dovrà essere avviato entro i 30 giorni successivi alla data di comunicazione di ammissione al finanziamento e dovrà concludersi entro i 12 mesi successivi a partire da
quest'ultima. Eventuali proroghe dei tempi di realizzazione possono essere richieste con istanza adeguatamente motivata al soggetto gestore, una sola volta e per un massimo di 2 mesi.

Soggetto gestore del bando
Per la gestione del presente bando, ai sensi della legge regionale 28/2008 come integrata   con legge regionale 50/2014, è stata individuata Sviluppo Toscana s.p.a. per “le funzioni di organismo intermedio responsabile   delle   attività   di   gestione,   controllo   e   pagamento  del  Programma  operativo regionale (Por) del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) per il periodo 2014-2020.

Dotazione finanziaria: il bando ha un budget di 1 milione di euro. Tali risorse saranno integrate, fino alla  concorrenza dell’importo di  euro 5 milioni, per effetto della riprogrammazione del Por Fesr 2014-2020.

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente il testo del bando e i suoi allegati
il bando (allegato  1 del decreto 1681/2020)
Allegati  (allegato 2 del decreto 16801/2020

Per saperne di più  scrivere a polifunzionali@sviluppo.toscana.it
E' possibile scrivere per qualsiasi informazione relativa al bando e agli adempimenti ad esso connessi.

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
29.10.2020
Article ID:
25833753