Trasformazione e commercializzazione prodotti agricoli, contributi 2020: generazione graduatoria attiva e modifica bando

Confindustria Toscana ha rinunciato al ricorso al Tar che aveva determinato la sospensione della procedura di generazione automatica della graduatoria. Modifica del paragrafo 3.2.7 "Complementarietà  fra  investimenti  sul  Psr e quelli  previsti  nell’Ocm ortofrutta,  olio  di oliva e vitivinicola" del bando.

La Regione Toscana, con decreto dirigenziale 19920 del 3 dicembre 2020, a seguito di atto di rinuncia al ricorso al Tar presentato da Confindustria Toscana, ha riattivato la procedura di generazione automatica della graduatoria del bando Trasformazione e commercializzazione prodotti agricoli: contributi annualità 2020 attuativo della operazione 4.2.1 “Investimenti nella trasformazione, commercializzazione e/o sviluppo dei prodotti agricoli” del Programma di sviluppo rurale Feasr 2014-2020.

La  procedura era stata sospesa, in seguito  alla presentazione del ricorso, con decreto 15730 del 5 ottobre 2020, dando mandato ad Artea di approvare la graduatoria provvisoria delle domande finanziabili, formulata sulla base delle risorse disponibili e dei criteri di priorità dichiarati dalle imprese in sede di presentazione delle domande di aiuto.

Il decreto del 3 dicembre modifica inoltre il paragrafo  3.2.7  del  bando nel modo seguente (come indicato nel decreto):

  • “3.2.7  Complementarietà  fra  investimenti  sul  PSR  e quelli  previsti  nell’OCM  ortofrutta,  olio  di oliva e vitivinicola. Il  soggetto  in  domanda  deve  dichiarare  di  non  ricevere,  nel  caso  di  investimenti  direttamente  e univoca-mente attribuibili ai settori ortofrutta, olio di oliva e vitivinicolo, altri finanziamenti per la stessa  voce  di  spesa.  Le  verifiche  finalizzate  ad  evitare  che  un  beneficiario  riceva,  per  una  stessa voce  di  spesa,  più  forme  di  sostegno  saranno  rese  possibili  tramite  la  consultazione  di  sistemi informativi come disposto da appositi atti dell’Autorità di Gestione (si veda il decreto dirigenziale n.   11922   del   30/07/2020).   L’ammissibilità  al  sostegno   e   al   pagamento   degli   investimenti direttamente ed univocamente attribuibili ai settori ortofrutta, olio di oliva e vitivinicolo avviene se il  soggetto  non  riceve  per  una  stessa  voce  di  spesa  un  finanziamento  a  valere  sulle  relative  OCM. Le  voci  di  spesa  direttamente  ed  univocamente  attribuibili  ai  settori  ortofrutta,  olio  di  oliva  e vitivinicolo che non rispettano quanto descritto nel capoverso precedente sono escluse o decadono dal  beneficio  con  conseguente  recupero  degli  aiuti eventualmente  erogati,  maggiorati  degli interessi”.

Scarica il testo del bando aggiornato alla modifica

Per tutti i dettagli sul bando consulta la scheda bando

Aggiornato al:
10.12.2020
Article ID:
32003972