Occupati in Toscana: in lieve calo nel terzo trimestre 2016


Leggero aumento delle forze di lavoro (numero di persone che lavorano o sono in cerca di lavoro) in Toscana, con una lieve diminuzione dell'occupazione e un lieve aumento della disoccupazione.  A dirlo sono gli ultimi dati divulgati oggi 7 dicembre 2016 da Istat con il rapporto Mercato del lavoro 3° trimestre 2016  (vedi banca dati I.stat) A scala nazionale si assiste ad un aumento delle forze di lavoro, dell'occupazione e della disoccupazioneIl settore "Sistema informativo di supporto alle decisioni. Ufficio regionale di Statistica" della Regione Toscana, aggiorna con i nuovi dati Istat le serie storiche dei dati sul mercato del lavoro in Toscana, confrontaldoli con i dati per l'intero Pease e per le ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno.

Gli occupati in Toscana dimiuiscono di 4mila unità, passando da 1.590.000 nel terzo trimestre 2015 a 1.586.000 nel terzo trimestre 2016 (-0,1%). A livello Paese gli occupati sono in lieve aumento (+239.000 unità, passando da 22.645.000 nel terzo trimestre 2015 a 22.884.000 nello stesso trimestre 2016 (+1,1%).

Il tasso di disoccupazione In Toscana aumenta: da 8,5% del terzo trimestre 2015 a 8,8% del terzo trimestre 2016. Anche a scala nazionale il tasso di disoccupazione aumenta: da 10,6% del terzo trimestre 2015 a 10,9% del 3° trimestre 2016.

Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) diminuisce a scala nazionale: da 35,3 % del terzo trimestre 2015 a 34,5 % dello stesso trimestre del 2016 (per i maschi da 34,1% a 32,3% per le femmine è lievemente aumentato da 37,2% a 37,6%). Il dato per la Toscana viene diffuso solo annualmente: per il 3° trimestre 2016 è disponibile solo il dato della ripartizione Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio) 35,6% con un aumento di 3,6 punti percentuali rispetto a 32,0% del 3° trimestre 2015. 

Avvertenza. I dati analizzati e presentati sono aggiornati al momento della stesura del rapporto, ma i valori contenuti nella banca dati di provenienza I.stat possono essere soggetti ad aggiornamenti successivi da parte di Istat.

Tavola 1 - Forze di lavoro per condizione in Toscana, in Italia e nelle ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno. Confronti 3° trimestre 2015 - 3° trimestre 2016 (valori in migliaia di unità). Fonte: Istat - Rilevazione sulle forze di lavoro-



Tavola 2 - Indicatori del mercato del lavoro in Toscana, in Italia e nelle ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno. 3° trimestre 2015 e 3° trimestre 2016. Fonte: Istat - Rilevazione sulle forze di lavoro

Le serie storiche dei tassi hanno un andamento che, accanto alla tendenza di medio-lungo periodo, presenta una componente stagionale responsabile delle oscillazioni con picchi e punti di minimo in particolari trimestri. Ad esempio il tasso di disoccupazione presenta un picco stagionale nel 1° trimestre e un minimo nel 3°. L'informazione sulla recente evoluzione deve essere quindi ricavata confrontando l'ultimo trimestre disponibile con lo stesso dell'anno precedente, in modo da depurarla dell'effetto delle oscillazioni stagionali: questa evoluzione, detta tendenziale, per Toscana, Italia e le tre ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno è evidenziata nei grafici dai segmenti più marcati. Le serie trimestrali dei dati rappresentati iniziano dal 2010 che è il primo anno nel quale vengono diffusi i dati trimestrali. Il tasso di disoccupazione 15-24 della Toscana è annuale mentre quello delle altre ripartizioni è annuale fino al 2010 e successivamente è trimestrale.

Grafico 1 - Tassi di attività in Toscana, in Italia e nelle ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno. 1° trimestre 2010 – 3° trimestre 2016 (valori percentuali). Fonte: Istat - Rilevazione sulle forze di lavoro

 

Grafico 2 - Tassi di occupazione in Toscana, in Italia e nelle ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno. 1° trimestre 2010 – 3° trimestre 2016 (valori percentuali). Fonte: Istat - Rilevazione sulle forze di lavoro
 

 

Grafico 3 - Tassi di disoccupazione in Toscana, in Italia e nelle ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno. 1° trimestre 2010 – 3° trimestre 2016 (valori percentuali). Fonte: Istat - Rilevazione sulle forze di lavoro.

 


Grafico 4 - Tassi di disoccupazione giovanile nella fascia di età 15-24 in Toscana, in Italia e nelle ripartizioni Nord, Centro e Mezzogiorno. Anno 2004 – 3° trimestre 2016 (valori percentuali). Fonte: Istat - Rilevazione sulle forze di lavoro.
 

* Disponibile solo dato annuale

Glossario
Occupati: persone di 15 anni e più che nella settimana di indagine hanno svolto almeno un'ora di lavoro

  • che preveda un corrispettivo monetario o in natura in una qualsiasi attività;
  • non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente;
  • dipendenti, indipendenti e coadiuvanti familiari assenti da lavoro temporaneamente (ad esempio, per ferie o malattia).

Assenti dal lavoro (ad esempio, per ferie o malattia) sono considerati occupati se:

  • dipendenti se l'assenza non supera tre mesi, oppure se durante l'assenza continuano a percepire
  • almeno il 50% della retribuzione;
  • indipendenti, ad eccezione dei coadiuvanti familiari, se durante il periodo di assenza, mantengono l'attività. I coadiuvanti familiari sono considerati occupati se l'assenza non supera tre mesi.

Persone in cerca di occupazione: persone non occupate tra i 15 e i 74 anni che:

  • hanno effettuato almeno un'azione attiva di ricerca di lavoro nelle quattro settimane che precedonola settimana di riferimento e sono disponibili a lavorare (o ad avviare un'attività autonoma) entro le due settimane successive;
  • inizieranno un lavoro entro tre mesi dalla settimana di riferimento e sarebbero disponibili a lavorare (o ad avviare un'attività autonoma) entro le due settimane successive, qualora fosse possibile anticipare l'inizio del lavoro.

Forze di lavoro: somma di occupati e persone in cerca di occupazione
Ripartizioni geografiche: costituiscono una suddivisione geografica del territorio nazionale e sono così articolate:

  •  Nord
    - Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia (Nord-ovest);
    - Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna (Nord-est);
  • Centro
    -Toscana, Umbria, Marche, Lazio; 
  • Mezzogiorno
    - Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria (Sud);
    - Sicilia, Sardegna (Isole).

Tasso di attività 15-64: rapporto tra le forze di lavoro e la popolazione 15-64
Tasso di occupazione 15-64: rapporto tra occupati e la popolazione 15-64
Tasso di disoccupazione: rapporto tra persone in cerca di occupazione e forze di lavoro
Tasso di disoccupazione 15-24: rapporto tra persone in cerca di occupazione e le forze di lavoro 15-24.

Aggiornato al:
14.03.2017
Article ID:
13898467