Famiglie e convivenze in Toscana nel 2012


Nel 2012 le famiglie anagrafiche (famiglia anagrafica: un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti e aventi dimora abituale nello stesso comune, ai sensi del Dpr n. 223/1989 ) residenti in Toscana sono quasi 3 milioni e 700 mila.

Il numero medio di componenti per famiglia (rapporto tra la popolazione residente in famiglia e il numero delle famiglie anagrafiche) è pari a 2,2. Il valore minimo è di 2,1 e si registra a Livorno e Grosseto, mentre il massimo è di 2,4 e si registra a Prato.

Il 99,5% della popolazione residente in Toscana al 31 dicembre 2012 vive in famiglie. Il restante 0,5% della popolazione, pari a circa 18 mila abitanti, vive in convivenze anagrafiche (convivenza anagrafica: un insieme di persone normalmente coabitanti per motivi religiosi, di cura, di assistenza, militari, di pena, e simili, aventi dimora abituale nello stesso comune, ai sensi del Dpr 223/1989. Per esempio: caserme, case di riposo, carceri, conventi, ecc).

Tavola 5 - Popolazione residente in famiglia e in convivenza, numero di famiglie, di convivenze, e numero medio di componenti per famiglia pr province- Anno 2012 (Fonte:Elaborazioni su dati Demo Istat)
 



Scarica le tavole dei dati Popolazione residente in famiglia e in convivenza per sesso, numero di famiglie e convivenze, numero medio di componenti per Comune

Definizioni
- Famiglia anagrafica= ai sensi dell'art. 4 del regolamento anagrafico (Dpr 223/1989) si intende per famiglia " un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti e aventi dimora abituale nello stesso comune". Le famiglie sono conteggiate sulla base del numero di schede di famiglia presenti nell'archivio anagrafico.
- Convivenza anagrafica = ai sensi dell'art 5 del regolamento anagrafico ( Dpr 223/ 1989): " agli effetti anagrafici per convivenza s'intende un insieme di persone normalmente coabitanti per motivi religiosi, di cura, di assistenza, militari, di pena, e simili, aventi dimora abituale nello stesso comune. Le persone addette alla convivenza per ragioni di impiego o di lavoro, se vi convivono abitualmente, sono considerate membri della convivenza, purchè non costituiscano famiglie a sé stanti. Le persone ospitate anche abitualmente in alberghi, locande, pensioni e simili non costituiscono convivenza anagrafica". Le convivenze anagrafiche son conteggiate sulla base del numero di schede di convivenza presenti negli archivi anagrafici.
 

Aggiornato al:
06.09.2018
Article ID:
1173980