Bimasse forestali per energia termica: contributi a Province e Comuni

Promuovere l’utilizzo di biomasse di origine forestale per produrre energia termica, con conseguente valorizzazione delle risorse delle aree rurali. E' questa la finalità del bando
Sostegno a investimenti creazione, miglioramento o ampliamento di infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e il risparmio energetico rivolto a Province, ai Comuni e alle Unioni di Comuni, approvato dalla Regione Toscana con decreto
decreto dirigenziale 10985 el 14 luglio 2020

Il bando attua per l'anno 2020 la sottomisura 7.2 Sostegno a investimenti creazione, miglioramento o ampliamento di infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e il risparmio energetico" del Programma di sviluppo rurale (Psr) del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr) 2014-2020, con una dotazione finanziaria di 700 mila euro.

L’energia prodotta può essere destinata sia al consumo diretto in strutture gestite dal beneficiario del contributo pubblico (Province, ai Comuni e alle Unioni di Comuni) sia alla vendita e/o cessione gratuita (anche in parte) ad altri soggetti di diritto pubblico per l’utilizzo di utenze pubbliche da loro gestite. Le piattaforme di stoccaggio sono finanziabili solo se funzionali a impianti pubblici esistenti.

La validità del bando e delle relative domande è condizionata all'approvazione da parte della Commissione Europea della proposta di modifica del piano finanziario della versione 7.1 del Psr Feasr 2014-2020 della Toscana (di cui alla delibera di giunta n. 696 del 8 giugno 2020).

Aggiornato al:
24.07.2020
Article ID:
25344265