Apuane 2013

Il 21 giugno 2013 alle ore 12:33 si è verificata una scossa sismica di Ml=5.2 profondità 5.1 Km nel distretto Lunigiana, che ha interessato le Province di Lucca e Massa Carrara. La Regione Toscana si è immediatamente attivata per il monitoraggio della sequenza sismica, per la stima dei danni e per l'attivazione dei tecnici rilevatori.

Report n. 1 dell'evento sismico e delle attività di censimento danni e abibilità del 21/06/2013 ore 16:00.

Monitoraggio degli eventi sismici

L'ufficio Prevenzione Sismica della Regione Toscana segue l'evolversi della crisi sismica, gli aggiornamenti in tal senso prevedono la consultazione dei siti internet preposti e la ricezione di e-mail ed sms di allerta da parte dell'Università di Genova, gestore della Rete Sismica dell'Italia Nord-Occidentale, nell'ambito di un accordo di collaborazione scientifica stipulato con la Regione Toscana.

- Report n° 1 sulla sequenza sismica in atto (21/06/2013 ore 13:30)
- Report n° 2 sulla sequenza sismica in atto (25/06/2013 ore 11:00)
- Report n° 3 sulla sequenza sismica in atto (26/06/2013 ore 18:00)
- Report n° 4 sulla sequenza sismica in atto (01/07/2013 ore 18:00)
- Report n° 5 sulla seguenza sismica in atto (12/07/2013 ore 18:00) | allegato rapporto INGV

- Relazione sull'evento principale (INGV)
- Aggiornamenti sulla sequenza sismica (INGV)
- Comunicato n° 1 RSNI/RSLG
- Comunicato n° 2 RSNI/RSLG
- Comunicato n° 3 RSNI/RSLG

Attività di censimento danni e agibilità degli edifici

La Regione Toscana - atteraverso l'ufficio Prevenzione Sismica e gli Uffici del Genio Civile - si è subito attivata per inviare tecnici rilevatori dei danni nelle località colpite dall'evento sismico del 21 giguno e, a partire dal giorno seguente, sono state operative nei territori terremotati squadre di tecnici equipaggiate per effettuare sopralluoghi sugli edifici per la compilazione delle schede di agibilità (versione utilizzata Aedes 2009).

Alle stesso tempo sono state coinvolte tutte le Province affinché anche i tecnici abilitati degli Enti Locali possano collaborare nell'attività di censimento danni e rilievo dell'agibilità sismica.

- Report n. 1 sull'attività di censimento danni (21/06/2013 ore 16:00)
- Report n. 2 sull'attività di censimento danni (27/06/2013 ore 16:00)
Report n. 3 sull'attività di censimento danni (16/07/2013 ore 16:00)
- Report n. 4 sull'attività di censimento danni (29/07/2013 ore 16:00)

Stato di emergenza e contributi economici

Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 26 giugno 2013: dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza all'evento sismico del 21 giugno 2013 nelle province di Lucca e Massa Carrara (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 161 dell' 11 luglio 2013). SOno stanziati 3 milioni di euro per il superamento dell'emergenza.

Decreto del Presidente della Giunta Regionale N° 120 del 25 Giugno 2013 che dichiara lo stato di emergenza regionale. Con Del. GRT. 518 del 28/06/2013 sono stati stanziati 500.000,00 euro destinati ad un primo rimborso delle spese sostenute in emergenza.

Per fronteggiare l'emergenza derivante dall'evento sismico che il giorno 21 giugno 2013 ha colpito il territorio delle provincie di Lucca e Massa Carrara è stato nominato Commissario straordinario il prof. Giovanni Menduni con Ordinanza del Capo della Protezione Civile ODCPC n.102 del 5 luglio 2013.

Rilievo Macrosismico

Il rilievo è un'indagine speditiva degli effetti su persone, cose e edifici effettuato da tecnici esperti dell'INGV-QUEST, osservando il livello di danneggiamento all'esterno degli edifici (intensità scala MCS). L'indagine si focalizza sull'edilizia civile e residenziale che è più rappresentativa dal punto di vista macrosismico, per fornire un quadro dell'intensità sismica risentita in ciascuna località.
In estrema sintesi - secondo quanto riportato nel rapporto aggiornato al 30 giugno 2013 - i danni sull'edificato si sono rivelati "complessivamente contenuti" anche grazie alla mirata politica di prevenzione antisismica, con l'investimento di notevoli risorse in interventi di ristrutturazione e di messa in sicurezza di edifici che la Regione Toscana ha attuato attraverso la L.R. n. 56 del 30 luglio 1997.

Aggiornato al:
04.05.2020
Article ID:
12237016