Salta al contenuto Salta al menu'

Psr Feasr 2014-2020, conservazione suolo e sostanza organica: premio annuale ad ettaro

Programma sviluppo rurale (Psr) Feasrm tipo di operazione 10.1.1.

Psr Feasr 2014-2020, conservazione suolo e sostanza organica: premio annuale ad ettaro

Indicazioni alle aziende su alcuni obblighi relativi ai requisiti minimi per l'uso dei prodotti fitosanitari, stabiliti dal decreto Mipaaf 22 gennaio 2014

mercoledì, 24 aprile 2019 08:30
sabato, 15 giugno 2019 23:59
Non specificato

 

La Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 5585 del 11 aprile 2019 ha approvato il "bando per l'attuazione del tipo di operazione 10.1.1 "Conservazione del suolo e della sostanza organica" del Programma di Sviluppo Rurale della Toscana 2014-2020 – annualità 2019".

Il bando è cofinanziato dal Programma di sviluppo rurale (Psr) del Fondo europeo agricolo per lo svilupppo rurale (Feasr 2014-2020) ed in particolare dalle risorse assegnate all'attuazione del tipo di operazione 10.1.1.

In evidenza: Indicazioni alle aziende su alcuni obblighi trasversali relativi  ai  requisiti minimi per l'uso dei prodotti fitosanitari stabiliti dal decreto del Ministero delle politiche agricoole, alimentari e forestali 22 gennaio 2014 di Adozione del Piano di azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, ai sensi dell'articolo 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150 recante: "Attuazione della direttiva 2009/128/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi":  

 

Bando
Pagamento ad ettaro di superficie di seminativo o arboreto specializzato sottoposto agli impegni previsti dall'operazione per un periodo quinquennale.

 

 

Scadenza

il bando scade mercoledì 15 giugno 2019
decreto di proroga dal 15 maggio al 15 giugno 2019: decreto dirigenziale 7546 del 14 maggio 2019

A chi si rivolge
Agli agricoltori ai sensi dell'art.2135 del Codice Civile.

Opportunità
Pagamento di un premio annuale ad ettaro di superficie di seminativo o arboreto specializzato sottoposto agli impegni previsti dall'operazione per un periodo quinquennale.

Come partecipare

presentazione delle domande di aiuto attraverso

la Dichiarazione Unica Aziendale (DUA) sul portale di ARTEA www.artea.toscana.it

Leggi il bando:

Bando (Allegato A) approvato con Decreto n. 5585/2019

 

 


Finalità. Il bando è finalizzato alla promozione di pratiche produttive che favoriscono la tutela del suolo da fenomeni erosivi, da dissesto idrogeologico, da  frane e da alluvioni favorendo  al contempo  l'incremento della sostanza organica nei suoli  e il contenimento della desertificazione.

Beneficiari. I soggetti beneficiari del sostegno  sono gli agricoltori ai sensi dell'art.2135 del Codice Civile.
Sono esclusi dal sostegno gli imprenditori che hanno riportato sentenze definitive di condanna per violazione di normative in materia di lavoro.

Scadenza e presentazione delle domande.  Ai fini della procedura istruttoria le domande si distinguono in domanda di aiuto e domanda di pagamento. La domanda di aiuto può essere presentata a partire dalla pubblicazione del bando sul Burt, ossia dal 24 aprile, ed entro il 15 giugno 2019, impiegando esclusivamente la procedura informatizzata, la modulistica disponibili sulla piattaforma gestionale dell'Anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da Artea e raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it.

La domanda deve essere sottoscritta e presentata secondo le modalità approvate con decreto 140/2015 del direttore di Artea:


I soggetti interessati sono tenuti alla presentazione del Piano delle coltivazioni, nell'ambito del sistema informativo Artea.

  • La domanda di pagamento è la richiesta annuale di erogazione del pagamento a seguito di ammissione della domanda di aiuto e deve essere presentata entro il 15 maggio di ogni anno per le superfici ammesse a premio.


Superficie.  La superficie minima a premio deve essere pari ad almeno 1 ha di seminativo o 1 ha di coltura arborea specializzata, castagneti esclusi, e deve interessare almeno il 20% della superficie a seminativi (sono esclusi dal calcolo i pascoli ed i prati permanenti) o il 50% di  colture arboree specializzate dell'UTE oggetto di domanda (esclusi i castagneti).
Le superfici per cui si richiede il premio devono ricadere nel territorio della Regione Toscana.

Tipi di impegni finanziabili

1. Semina su sodo
L'impegno quinquennale, che deve interessare almeno il 20% della superficie a seminativi dell'UTE oggetto di impegno, prevede:
a)    la semina su sodo con utilizzo di seminatrici speciali
b)    il mantenimento in loco dei residui della coltura in precessione a quella seminata su sodo
Sono esclusi dal computo dei seminativi aziendali i pascoli ed i prati permanenti. I terreni ritirati dalla produzione concorrono alla superficie totale su cui calcolare la percentuale di SOI, ma non sono ammessi a premio.
I residui della coltura in precessione devono essere lasciati in loco.

2. Introduzione di colture da copertura e da sovescio
L'impegno quinquennale, che deve interessare almeno il 20% della superficie a seminativi dell'UTE oggetto di impegno, prevede:
a) la semina, con lavorazione minima, di colture da sovescio a ciclo autunno-invernale
b) l'uso esclusivo di mezzi meccanici per la devitalizzazione delle colture da sovescio da interrare con lavorazione minima
c) la semina della coltura principale su terreno lavorato con lavorazione minima

Sono esclusi dal computo dei seminativi aziendali i pascoli ed i prati permanenti. I terreni ritirati dalla produzione concorrono alla superficie totale su cui calcolare la percentuale di SOI, ma non sono ammessi a premio.

3. Semina su sodo + colture di copertura

L'azienda può scegliere di adottare la combinazione degli impegni sopra richiamati (1+2) nel rispetto delle disposizioni riportate nel bando.

3. Inerbimento delle colture arboree specializzate
L'impegno quinquennale deve interessare almeno il 50% della superficie a colture arboree specializzate ai sensi del DM 162/2015, dell'UTE oggetto di impegno.

L'impegno può essere assolto attraverso una delle seguenti modalità:

a) una copertura permanente del terreno da ottenersi con la semina di specie poliennali o annuali auto-riseminanti, in modo uniforme su tutta la superficie oggetto di impegno; vige il divieto di lavorazione meccanica del terreno successivamente alla semina delle specie da inerbimento (è ammessa la lavorazione solo sotto il filare); va garantita di anno in anno una copertura omogenea del terreno.
b) una copertura del terreno nel solo periodo autunno-invernale da ottenersi con la semina di specie annuali  seminate con tecniche di lavorazione minima.

Per gli oliveti è ammesso solo l'impegno di cui alla lettera a).
 Nel caso di colture con inerbimento a file alterne viene conteggiato il 50% della superficie.

A partire dal 15 maggio 2021 è vietato l'utilizzo del principio attivo glifosato, nell'UTE oggetto di impegno.

A partire dal giorno seguente all'approvazione della graduatoria il richiedente ammesso a beneficio è obbligato alla tenuta dei registri delle operazioni colturali e di magazzino messi a disposizione da Artea nel proprio sistema informativo nel rispetto dei contenuti e delle modalità di compilazione previste.

Tipo di agevolazione: sostegno che prevede il pagamento di un premio annuale ad ettaro di superficie di seminativo o arboreto specializzato interessato dall'operazione.

Il premio varia secondo la tipologia di impegno:
- Semina su sodo: 220 euro/ha di seminativo
- Introduzione di colture di copertura: 240 euro/ha di seminativo
- Semina su sodo e introduzione di colture di copertura:  350 euro/ha di seminativo
inerbimento delle colture arboree specializzate: 130 euro/ha di coltura arborea specializzata

Dotazione finanziaria. Le risorse stanziate nella prima annualità per l'attivazione del presente bando sono pari a euro 490.000 e nel quinquennio pari a 2.450.000 euro.

Criteri di selezione. I criteri utilizzati per l'assegnazione dei punteggi si riferiscono a elementi di natura territoriale:ZVN, Zone Natura 2000, Aree Protette. Area di salvaguardia

Fasi del procedimento

  • Presentazione delle domande di aiuto: a partire dalla pubblicazione del presente atto sul BURT ed entro il 15 maggio 2019       
  • Avvio procedimento: data di protocollazione nel sistema informativa ARTEA
  • Approvazione graduatoria: entro  il 30 settembre 2019
  • Presentazione della prima domanda di pagamento: entro il 15 maggio 2020
  • Presentazione delle domande di pagamento annue:  entro il 15 maggio delle quattro annualità successive alla presentazione della prima domanda di pagamento

La durata dell'impegno è pari a 5 anni a partire dal 16 maggio 2019.

Per conoscere tutti i dettagli necessari per presentare correttamente la domanda consultare integralmente il testo del bando approvato con decreto dirigenziale n. 5585 del 11 aprile 2019

Per saperne di più compila e invia il  >>> modulo online Scrivici

Regione Toscana

Ultima modifica: 31/07/2019 16:56:43 - Id: 16281555
  • Condividi
  • Condividi