Unesco lancia una serie di iniziative a favore del mondo della cultura

L'epidemia covid-19 ha sospeso anche molte pratiche immateriali del patrimonio culturale, inclusi rituali e cerimonie, che hanno avuto un impatto sulle comunità di tutto il mondo. È costata anche molti posti di lavoro.

L'Unesco ha lanciato e sta lavorando ad una serie di iniziative a sostegno delle industrie culturali e del patrimonio culturale nel momento in cui, miliardi di persone in tutto il mondo, si rivolgono anche alla cultura per cercare di superare l'isolamento sociale dovuto alle misure di contenimento del corinavirus. Gli effetti di tali misure stanno colpendo duramente anche il settore della cultura.

Il 22 aprile l'Unesco riunirà online i ministri della Cultura per discutere e scambiarsi informazioni e opinioni sull'impatto della crisi sanitaria sul settore culturale nei rispettivi paesi, ed a individuare le misure politiche correttive,  adeguate ai propri contesti nazionali.
La chiusura di siti storici, musei, teatri, cinema e altre istituzioni culturali sta mettendo a rischio finanziamenti per gli artisti e le industrie creative, così come per la conservazione di luoghi straordinari, il sostentamento delle comunità locali e dei professionisti della cultura.

L'epidemia covid-19 ha sospeso molte pratiche immateriali del patrimonio culturale, inclusi rituali e cerimonie, che hanno avuto un impatto sulle comunità di tutto il mondo. È costato anche molti posti di lavoro, e in tutto il mondo gli artisti, la maggior parte dei quali si basano su attività accessorie per integrare le entrate della propria arte, non sono adesso in grado di sbarcare il lunario.

  • Maggiori informazioni sulla risposta dell'Unesco alla crisi per il contenimento del coronavirus nel campo della cultura, sono disponibili sul sito web Unesco.

Giovedì 9 aprile, l'Unesco ha lanciato una campagna globale sui social media, #ShareOurHeritage, per promuovere  cultura e istruzione di tutto il patrimonio culturale, durante questo periodo di confinamento di massa. L'Unesco sta inoltre lanciando una mostra online di alcune dozzine di beni del patrimonio culturale di tutto il mondo, con il supporto tecnico di Google Arts & Culture.

L'organizzazione fornirà inoltre aggiornamenti, attraverso una mappa online sul suo sito Web e attraverso i social media, relativamente all'impatto, e alle risposte, del  Coronavirus sui Siti del Patrimonio Mondiale, i quali sono parzialmente o completamente chiusi ai visitatori nell' 89% dei paesi, a causa della pandemia.

In occasione della Giornata mondiale dell’arte, il 15 aprile scorso, l'Unesco, in collaborazione con Jean Michel Jarre pioniere della musica elettronica, Ambasciatore Unesco e il presidente della Confederazione Internazionale delle Società di Autori e Compositori – Cisac, ha ospitato un dibattito online ed una campagna sui social media, il Resili Art Debate, che ha riunito artisti e attori chiave del settore, per richiamare l’attenzione sull'impatto del Coronavirus sulle condizioni di vita di artisti e operatori culturali.

Il dibattito, organizzato in collaborazione con CISAC, è stato pensato per informare sullo sviluppo di politiche e di meccanismi finanziari che possano aiutare gli artisti e le comunità a superare la crisi.
 

Aggiornato al:
20.04.2020
Article ID:
24768412