Territori montani: contributi per creare e riorganizzare le attività economiche

Proroga del bando fino alle ore 12 del 21 novembre 2022. Bando per micro, piccole e medio imprese, altri soggetti imprenditoriali e persone fisiche. Domande online sul sito di Sviluppo Toscana


BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di scadenza presentazione domande

21 novembre 2022

La Regione Toscana,  in coerenza con le finalità dello Statuto della Regione Toscana e con la legge regionale 4 del primo marzo 2022 "Custodi della montagna toscana. Disposizioni finalizzate a contrastare lo spopolamento e a rivitalizzare il tessuto sociale ed economico dei territori montani" ha approvato, con decreto dirigenziale 19554 del 30 settembre 2022, il bando “Sostegno alla creazione e riorganizzazione di attività economiche nei comuni montani ai sensi della legge regionale 4/2022" (allegato A del decreto).

Con questo bando la Regione punta a tutelare i territori montani promuovendo interventi tesi a contrastare lo spopolamento di queste aree, attraverso la rivitalizzazione e la riqualificazione del tessuto sociale ed economico.

In evidenza: proroga della scadenza fino alle ore 12 del 21 novembre 2022 e procedura Custodi della montagna e Patti di comunità per ottenere i contributi (decreto del 27 ottobre 2022)
La Regione ha prorogato il termine per presentare domanda dal 10 novembre fino alle ore 12 del 21 novembre 2022


Finalità del bando

Il bando individua le modalità operative per attuare l’articolo 2  "Contributi per la promozione delle attività produttive montane" della legge regionale 4 del primo marzo 2022 che prevede specifiche misure in favore della nascita di nuove attività produttive e a sostegno della riorganizzazione delle attività già esistenti nei territori dei comuni montani.
Inoltre il bando intende sostenere la sottoscrizione del “Patto di comunità”, ai sensi dell’articolo 3 "Patto di comunità per la gestione attiva del bosco, la cura del territorio e per attività sociali.
Contributi per la promozione delle attività
" della medesima legge, tra le imprese beneficiarie ed il Comune di riferimento per la gestione attiva del bosco, la cura del territorio e per attività sociali.


Destinatari / beneficiari del bando

Possono presentare domanda di contributo:

  • micro, piccole e medie imprese così come definite dall’allegato I del Reg. (UE) n. 651/2014, compresi i liberi professionisti,
  • altri soggetti, operanti in attività di natura imprenditoriale;
  • persone fisiche che si impegnano a costituire un’attività economica entro 6 mesi dalla data del provvedimento di ammissione.

con

  • sede operativa/unità locale posta in uno dei comuni montani previsti dall’allegato B della legge 68/2011 (consulta normativa Politiche per la montagna), in località con altitudine non inferiore ai 500 metri sopra il livello del mare (s.l.m)

e appartenenti a tutti i settori produttivi.

  • In caso di imprese esercitanti attività agricole il requisito dell’altitudine deve riguardare almeno il cinquanta per cento dei terreni su cui è svolta l’attività.
     

Scadenza, presentazione e ammissibilità delle domande

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 10:00 del 7 ottobre 2022 ed entro e non oltre le ore 17:00 del 11 novembre 2022.
La domanda di agevolazione, redatta in lingua italiana, soggetta al pagamento dell'imposta di bollo pari a euro 16,00, è presentata esclusivamente online, tramite Spid, Cie, Cns sul portale di Sviluppo Toscana https://accessosicuro.sviluppo.toscana.it/ secondo le indicazioni fornite in allegato C del bando, deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante del soggetto destinatario/beneficiario.
La firma digitale deve essere apposta utilizzando dispositivi conformi alle Regole tecnichepreviste   in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali  (per ogni informazione: https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/firma-elettronica-qualificata/software-verifica (paragrafo 4.2. del testo del  bando)
Le dichiarazioni relative al possesso dei requisiti richiesti sono rese nella forma dell’autocertificazione ai sensi del Dpr 445/2000 e con le responsabilità di cui agli articoli 75 e 76 dello stesso.

I soggetti partecipanti devono presentare  una domanda coerente con le finalità dell’articolo 2  della legge regionale 4/2022, ossia favorire la rivitalizzazione del tessuto sociale ed economico dei territori indicati al paragrafo 2.1 del testo del bando., attraverso la creazione di nuove  attività economiche  o il consolidamento di attività economiche già esistenti.


Spese ammissibili

Il contributo è concesso per sostenere prevalentemente spese di liquidità e pertanto sono ammissibili le seguenti tipologie di costi:

  • Spese per il personale;
  • Acquisto di scorte e materie prime, utenze;
  • Spese per affitto di locali, noleggio macchinari e attrezzature compresi i canoni di leasing;
  • Spese di manutenzione;
  • Spese di consulenza / acquisto di servizi funzionali all’esercizio dell’attività;

E’ inoltre ammessa la spesa per acquisto di macchinari e attrezzature,  purché  non costituisca la voce prevalente delle spese rendicontate nell’arco del quinquennio.


Tipo di agevolazione. Massimali  di contributo e criteri di premialità

L’aiuto è concesso sotto forma di contributo a fondo perduto pari a:

  • 10 mila euro per la riorganizzazione di attività economiche costituite in data antecedente al primo gennaio 2022;
  • 20 mila euro per il sostegno ad  attività economiche di nuova costituzione (costituite non oltre il primo gennaio 2022 o da costituire.

I contributi di cui sopra possono essere aumentati

  • fino ad un massimo di 15 mila euro nel caso di riorganizzazione di imprese, e
     
  • fino ad un massimo di 25 mila euro nel caso di attività economiche da costituire o costituite dal primo gennaio 2022 al verificarsi di uno o più dei seguenti criteri:

- 1) incremento del livello occupazionale, espresso in termini di ULA per l’esercizio in corso, rispetto al dato registrato nell’esercizio precedente;

- 2) crescita del volume di attività, inteso come volume degli investimenti dei dueesercizi precedenti alla data di presentazione della domanda;

- 3) presenza di elementi di innovazione tecnologica, cosi come definiti negli allegati 6Ae 6B del bando del Ministero dello sviluppo economico “BENI STRUMENTALI”(NUOVA SABATINI);

- 4) presenza  di elementi di sostenibilità ambientale quali:

adesione a sistemi di gestione ambientale e relativa certificazione, produzione di prodotti con marchio ambientale, etichette ambientali e/o altri elementi relativi a utilizzo di fonti di energia rinnovabili;

adesione a protocolli per la riduzione dell’impatto ambientale;

applicazione di forme di economia circolare; utilizzo mezzi elettrici.

- 5) in caso di imprese agricole: adesione a disciplinari di agricoltura biologica; aderenti al progetto “Filiera corta” e altri disciplinari regionali; localizzate nei siti “ReteNatura 2000” ai sensi della legge regionale 30/2015.

In caso di possesso di uno dei suddetti criteri, l’importo concesso sarà pari 12 mila 500 euro per le imprese esistenti ed a euro 22 mila 500 per le neo costituite.
In caso di possesso di due dei suddetti criteri gli importi sono elevati  rispettivamente a 15 mila euro e 25 mila euro
Nel caso di attività da costituire i suddetti criteri sono attestati in domanda sotto forma di impegno e soggetti a verifica a seguito di avvenuta costituzione.


Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria disponibile per il presente bando è pari a

  • complessivi 4 milioni 350 mila euro destinati ai contributi previsti dall’articolo 2 della legge regionale 4/2022, con 870 mila euro quale contributo aggiuntivo previsto a fronte della sottoscrizione dei patti di comunità previsti dall’articolo 3 della stessa legge.


Per conoscere tutti i dettagli necessari

a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente il testo del bando e i suoi allegati approvati con decreto 19554 del 30 settembre 2022:


Per saperne di più

Qualsiasi informazione relativa al bando e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta  scrivendo a custodimontagna@sviluppo.toscana.it

 

Anna Luisa Freschi

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
11.11.2022
Article ID:
131505643