Presentati dalla Commissione gli orientamenti sulle metodologie di test per il Coronavirus

Bruxelles - Nell'ambito della tabella di marcia europea per revocare le misure di contenimento legate al Coronavirus, la Commissione ha presentato il 15 aprile scorso gli orientamenti sulle metodologie di test per il Coronavirus. Gli orientamenti mirano a sostenere gli Stati membri nell'utilizzo efficace dei test nel quadro delle strategie nazionali e durante le diverse fasi della pandemia, compresa la graduale revoca delle misure di quarantena. La Commissione mira inoltre a garantire la disponibilità di strumenti di elevata qualità per la valutazione delle prestazioni dei test. La progressiva disponibilità di dati affidabili – indica la Commissione UE - è fondamentale per revocare le misure di contenimento. E’ necessario quindi monitorare in maniera adeguata l'evoluzione della pandemia da Coronavirus, anche eseguendo test su ampia scala.

Per garantire la migliore qualità possibile dei test la Commissione propone una serie di azioni da mettere in atto che includono:

  • valutare approcci comuni nelle strategie nazionali;
  • condividere le informazioni sulle prestazioni dei test;
  • istituire una rete di laboratori di riferimento per il Coronavirus in tutta l'UE per agevolare lo scambio di informazioni e la gestione e distribuzione dei campioni di controllo;
  • a seguito di nuovi scambi con l'industria e con le autorità nazionali competenti, elaborare ulteriori orientamenti per la valutazione delle prestazioni e la valutazione della conformità;
  • rendere disponibili strumenti per la valutazione delle prestazioni, come materiali di riferimento e metodi comuni per il confronto dei dispositivi;
  • lottare contro i dispositivi contraffatti attraverso la cooperazione a livello internazionale e tra le autorità degli Stati membri;
  • coordinare l'offerta e la domanda tramite gli strumenti disponibili a livello dell'UE, come la clearing house, rescEU e l'aggiudicazione congiunta;
  • dar prova di solidarietà tra Stati membri, garantendo un'equa distribuzione delle scorte e delle attrezzature di laboratorio disponibili lì dove ce n'è più bisogno.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito dedicato.

Aggiornato al:
20.04.2020
Article ID:
24765905