Le bonifiche dei siti di interesse

Il Piano regionale dei Rifiuti e Bonifiche prevede strumenti e linee di intervento precisi per restituire agli usi legittimi le aree contaminate, proseguendo un impegno avviato dalla Regione già a partire dagli anni ‘90. Si tratta di vaste aree di interesse industriale, turistico, paesaggistico. Particolare rilievo assumono le azioni che verranno messe in campo nei Siti di bonifica di interesse nazionale (SIN), che sono diventati di competenza regionale. Ad oggi, nello stato di avanzamento delle bonifiche dei 4 SIN toscani (Massa/Carrara, Piombino, Livorno/ Collesalvetti, Orbetello) il più avanti è Piombino con stanziamenti di 47 milioni, di cui 35 riguardano la sistemazione della falda: la progettazione è in corso di approvazione al Ministero. Il SIN di Massa ha visto il recente stanziamento di 23 milioni ed è in corso la progettazione. Il SIN di Orbetello ha avuto lo stanziamento di circa 35 milioni di euro ed ora si sta lavorando alla progettazione. Per altri interventi di bonifica sono stati stanziati ulteriori 10 milioni di euro, così come 10 milioni di euro sono disponibili per la bonifica da amianto del territorio toscano.

Aggiornato al:
10.09.2020
Article ID:
25516246

chiuso in redazione il 15 luglio 2020