I ministri degli stati UE fanno il punto sul turismo

La presidenza croata ha organizzato il 20 maggio 2020 una seconda videoconferenza tra i ministri per il turismo del’UE con l’obiettivo di discutere il pacchetto Turismo & Trasporti presentato dalla Commissione UE lo scorso 13 maggio e con l’auspicio di arrivare ad un accordo sull’attuazione delle raccomandazioni presentate dalla Commissione e di fornire elementi utili in vista del Recovery Plan che sarà presentato il prossimo 27 maggio.

I ministri hanno convenuto sulla necessità di un maggior coordinamento, comunicazione e scambio di informazioni a livello dell’UE per garantire la ripresa del settore turistico, hanno accolto con favore il pacchetto Turismo e trasporti e hanno concordato sull'importanza della cooperazione tra gli Stati membri per revocare gradualmente le restrizioni ai viaggi, misure da attuare sulla base di attente valutazioni epidemiologiche nel rispetto dei principi di proporzionalità e non discriminazione.

E’ stata menzionata anche la possibilità di attuare accordi bilaterali tra paesi con condizioni epidemiologiche simili al fine di velocizzare la riapertura della stagione estiva e le attività turistiche. Sarà inoltre necessaria una stretta cooperazione tra tutti gli operatori nei diversi settori di competenza e il coinvolgimento di tutte le parti interessate.

Molti ministri hanno posto l’accento sull’importanza dell'uso di soluzioni digitali innovative nell'attuazione degli orientamenti e delle misure, al fine di contribuire a garantire la sicurezza di turisti, cittadini e lavoratori nell'UE, e lo sviluppo del turismo in modo sostenibile e innovativo.

Sullo scambio di informazioni precise e tempestive, i ministri hanno incoraggiato la Commissione europea a realizzare il suo piano per la creazione di una pagina web interattiva, che metterà a disposizione del pubblico, dei viaggiatori e degli operatori turistici informazioni in tempo reale, sulle condizioni e sulle misure in atto in ciascuno stato membro durante il periodo estivo.  

Per la piena attuazione del pacchetto e delle misure in modo coordinato e per un accordo sui protocolli saranno tuttavia necessarie ulteriori discussioni tra i paesi.
I ministri hanno inoltre accolto con favore la proposta di un’Agenda europea per il turismo al 2025, che contribuirà alla trasformazione del settore e lo renderà più sostenibile, verde e digitale.

La maggior parte dei paesi ha sottolineato la necessità di un adeguato sostegno finanziario da parte dell’UE, rapido e mirato per il settore turistico, per far fronte all’impatto della crisi Coronavirus, in particolare chiedono una porzione significativa del prossimo piano di ripresa dell'UE – Recovery Plan, che la Commissione presenterà il prossimo 27 maggio 2020.
Infine, per quanto riguarda i passeggeri i cui voli sono stati cancellati a causa della pandemia, un certo numero di ministri ha invitato la Commissione a fornire agli Stati membri ulteriore flessibilità al fine di affrontare i problemi di liquidità delle compagnie aeree.


Sulle raccomandazioni riguardo i voucher, le posizioni sono più divise. Alcuni hanno evidenziato la necessità di sostenere maggiormente le imprese mentre altri hanno sollevato il rischio di far ricadere i problemi di liquidità degli operatori turistici sui consumatori. Ulteriori informazioni sono disponibili sul seguente sito


 

Aggiornato al:
26.05.2020
Article ID:
25064309