Brexit: organizzazioni europee chiedono accordo UE-Regno Unito per protezione pazienti da pandemie

Un gruppo di 18 importanti organizzazioni sanitarie paneuropee, tra cui Medtech Europe, Biomed Alliance, EFPIA (Federazione Europea delle Associazioni e delle Industrie Farmaceutiche), HOPE (la rete di ospedali europei), European Brain Council, hanno lanciato la dichiarazione "Covid-19 e Brexit - Proteggere i pazienti in Europa dalle pandemie" che sottolinea l'importanza di affrontare i problemi di salute come parte dell'accordo sulle future relazioni tra UE e Regno Unito. Il Coronavirus ha esacerbato ed esposto la vulnerabilità della nostra salute, sistemi sanitari e società, mettendo alla prova l'intero mondo. I negoziati UE-Regno Unito hanno raggiunto un punto critico, ma i problemi di salute sono ancora in gran parte assenti dall'agenda dei negoziatori. A causa di problemi quali la carenza, l'accesso disuguale all'assistenza sanitaria, le minacce sanitarie transfrontaliere e altro ancora, vi è un forte bisogno di coordinamento. 

Il gruppo di parti interessate della sanità invita i decisori dell'UE e del Regno Unito a raggiungere un accordo su:

• Sanità pubblica: stretto coordinamento in materia di salute pubblica e benessere, compresa la condivisione dei dati e i sistemi di allarme rapido, per garantire la massima preparazione per affrontare le minacce alla salute.

• Sicurezza del paziente: quadri normativi compatibili per la produzione, l'ispezione e la licenza di medicinali e apparecchiature mediche come ventilatori e DPI, che consentono un rapido rilascio sul mercato e garantiscono elevati standard di sicurezza.

• Fornitura ininterrotta di medicinali e dispositivi medici - Massima cooperazione possibile nell'importazione e nell'esportazione di medicinali e forniture mediche oltre i confini del Regno Unito / UE, per ridurre al minimo i ritardi nei prodotti che raggiungono i pazienti, tra cui:
- Un accordo di mutuo riconoscimento sulle buone pratiche di fabbricazione che comprende ispezioni e prove in lotti per i medicinali e marcatura CE delle tecnologie mediche.
- Interpretazione concordata delle implicazioni del protocollo dell'Irlanda del Nord per garantire la continuità della fornitura di medicinali ai pazienti nell'Irlanda del Nord.

• Diritti di trattamento dei cittadini: i cittadini dell'UE e del Regno Unito continuano a beneficiare dei reciproci diritti all'assistenza sanitaria, garantendo un accesso semplice e sicuro alle cure quando lavorano, vivono o viaggiano, a costi locali e convenienti.

• Promuovere la ricerca medica e l'innovazione - Continua collaborazione tra Regno Unito e UE in programmi di ricerca e studi clinici, inclusa la condivisione di dati e informazioni sui pazienti, per accelerare nuovi trattamenti, migliorare le opzioni dei pazienti e mantenere il quadro di ricerca e sviluppo e la reputazione dell'Europa come destinazione attraente per gli investimenti nella ricerca all'avanguardia. Il documento integrale.
 

Aggiornato al:
07.07.2020
Article ID:
25272702