Coronavirus: 128 milioni alla ricerca europea per studiare impatto socio-economico

A seguito dell'annuncio dei progetti selezionati nei mesi scorsi, la Commissione ha firmato le convenzioni di sovvenzione, nel quadro di Horizon 2020, ai 23 nuovi progetti di ricerca, saranno assegnati complessivamente 128 milioni di euro per far fronte alla pandemia e ai suoi effetti.

I finanziamenti consentiranno ulteriori ricerche per rafforzare e adattare la capacità industriale alla produzione e alla diffusione di attrezzature mediche come i ventilatori; per prevenire e curare il coronavirus; per sviluppare tecnologie mediche e strumenti digitali come i sistemi diagnostici portatili; per comprendere meglio l'impatto sociale della pandemia, ad esempio sui gruppi vulnerabili ed emarginati; e per apprendere da grandi gruppi di pazienti (coorti) in tutta Europa al fine di migliorare le terapie. I progetti coinvolgono 344 gruppi di ricerca da 39 paesi, compresi 32 partecipanti da 15 paesi extra-UE.

Il finanziamento nel quadro di Horizon 2020, il programma di ricerca e innovazione dell'UE, rientra nell'impegno della Commissione a contribuire con 1,4 miliardi di euro alla risposta globale al Coronavirus, e integra gli sforzi profusi per sviluppare strumenti diagnostici, terapie e un vaccino. Fa anche parte del contributo dell'UE alla collaborazione mondiale sull'acceleratore per l’accesso agli strumenti Covid-19 (ACT), volto a velocizzare lo sviluppo, la produzione e l'accesso equo ai test, alle terapie e ai vaccini contro il Coronavirus. Maggiori informazioni sui progetti selezionati sono disponibili nel seguente sito e in questa scheda informativa.
 

Aggiornato al:
18.11.2020
Article ID:
28578718