Consiglio europeo adotta strumento SURE: 100 miliardi per contrastare impatto coronavirus

Gli Stati membri hanno raggiunto l'accordo in seno al Consiglio sul regolamento che istituisce lo strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione in un'emergenza (SURE).  La decisione è un passo importante nella lotta comune dell'UE contro le conseguenze socioeconomiche della pandemia di Coronavirus. Il sostegno finanziario agli Stati membri nel quadro di SURE sarà disponibile dopo che tutti i governi UE si saranno volontariamente impegnati e avranno firmato i rispettivi accordi di garanzia con la Commissione.

A quel punto, SURE diventerà operativo e l'UE potrà sostenere gli Stati membri per tutelare i posti di lavoro e i lavoratori colpiti dalla pandemia di Coronavirus, fornendo fino a 100 miliardi di euro in prestiti a condizioni favorevoli. I prestiti contribuiranno a finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo degli Stati membri e misure analoghe, nonché alcune misure sanitarie supplementari sul luogo di lavoro, attuate per garantire che lavoratori dipendenti e autonomi continuino a percepire un reddito adeguato e che le imprese conservino il personale e garantiscano ai loro dipendenti un ambiente di lavoro sicuro. 

Aggiornato al:
26.05.2020
Article ID:
25069713