Proposte per 87,4 miliardi per proteggere posti di lavoro e lavoratori

Il sostegno finanziario sarà erogato, a partire dalle prossime settimane, sotto forma di prestiti concessi a condizioni favorevoli dall'UE agli Stati membri per aiutarli ad affrontare improvvisi aumenti della spesa pubblica per preservare l'occupazione nel contesto della crisi pandemica.

I prestiti aiuteranno gli Stati membri a coprire i costi direttamente connessi al finanziamento dei regimi nazionali di riduzione dell'orario lavorativo e di altre misure analoghe attuate in risposta alla pandemia, soprattutto a sostegno dei lavoratori autonomi. Lo strumento SURE può finanziare anche misure di natura sanitaria, in particolare sul posto di lavoro, adottate per garantire un ritorno sicuro alla normale attività economica.

Le decisioni fanno seguito alle proposte di sostegno presentate dalla Commissione e all'attivazione dello strumento. Gli Stati membri possono ancora presentare richieste formali di sostegno nel quadro di SURE, che può erogare prestiti fino a 100 miliardi di euro per contribuire a proteggere i posti di lavoro e i lavoratori colpiti dalla pandemia.
 

Aggiornato al:
15.10.2020
Article ID:
25792787