Esenzioni e riduzioni fiscali, crediti d'imposta e sovvenzioni dirette

La Commissione europea ha approvato un regime di aiuti di 31,9 miliardi di euro dello Stato italiano a sostegno delle imprese colpite dall'emergenza da COVID-19. Il regime è stato approvato nell'ambito del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato.

L'Italia ha notificato alla Commissione UE, nell'ambito del quadro temporaneo, un regime di aiuti di 31,9 miliardi di euro a sostegno delle imprese colpite dalla pandemia e dalle misure restrittive che il governo italiano ha dovuto attuare per limitare la diffusione del virus.

Il regime di aiuti consiste in due misure: 1) aiuti di importo limitato; e 2) un sostegno per i costi fissi non coperti sostenuti nel periodo compreso tra il marzo 2020 e il dicembre 2021 o durante parti di tale periodo. Il regime sarà aperto a tutte le imprese, indipendentemente dalle loro dimensioni e dal settore in cui operano (ad eccezione del settore finanziario).

Nell'ambito del regime, gli aiuti di importo limitato assumeranno la forma di

1) esenzioni e riduzioni fiscali;

2) crediti d'imposta; e 3) sovvenzioni dirette.

Dal momento che la maggior parte degli aiuti sarà concessa automaticamente e che i massimali di aiuto si applicheranno non solo al beneficiario diretto, ma anche ai suoi affiliati, i beneficiari ammissibili dovranno indicare in un'autodichiarazione ex ante l'importo degli aiuti di importo limitato e il sostegno per i costi fissi non coperti per i quali fanno domanda. Ciò dovrebbe anche consentire alle autorità italiane di monitorare meglio il rispetto del quadro temporaneo, in particolare per le imprese dello stesso gruppo.

La Commissione Ue ha constatato che il regime italiano è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. La Commissione europea ha concluso che la misura è necessaria, adeguata e proporzionata per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia di uno Stato membro in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), TFUE e con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo.

Su queste basi la Commissione UE ha approvato la misura di aiuto in quanto conforme alle norme dell'Unione sugli aiuti di Stato. Il quadro temporaneo sarà in vigore fino alla fine di dicembre 2021. Per garantire la certezza del diritto, la Commissione europea valuterà prima di tale data se il quadro debba essere prorogato.

La versione non riservata della decisione sarà consultabile sotto il numero SA.62668 nel registro degli aiuti di Stato sul sito web della Concorrenza della Commissione UE una volta risolte eventuali questioni di riservatezza. Le nuove decisioni relative agli aiuti di Stato pubblicate su internet e nella Gazzetta ufficiale figurano nel bollettino elettronico di informazione settimanale in materia di concorrenza.
 

Aggiornato al:
25.11.2021
Article ID:
85248661