Salta al contenuto Salta al menu'

Rischio sismico in Toscana - banner

Pericolosità

Valutazione effetti locali (VEL)

Valutazione effetti locali (VEL)

Caratterizzazione di aree a comportamento omogeneo sotto il profilo della risposta sismica locale

La Regione Toscana ha avviato dal 1998 le attività relative al Programma di valutazione degli effetti locali dei centri urbani (Programma VEL) e dal 2000 il Programma di riduzione del rischio sismico nelle aree produttive (Programma DOCUP).
Il programma VEL fu avviato in Lunigiana e Garfagnana ed esteso negli anni successivi alle altre aree a maggior rischio sismico della Toscana (Mugello, Casentino, Valtiberina e Amiata). Le indagini ed i rilievi sono concentrati nei centri urbani più significativi in termini di esposizione al rischio ed in corrispondenza degli edifici pubblici strategici e rilevanti indicati dagli enti locali.
Il Programma DOCUP Toscana 2000-2006 fu avviato nelle aree produttive del Mugello, Casentino, Valtiberina e Amiata, Montagna Pistoiese, in alcuni comuni della Provincia di Livorno e Siena.

 

ACCEDI DIRETTAMENTE ALLA BANCA DATI


Metodologia di indagine

Per entrambi i programmi sono stati effettuati rilievi geologici e geomorfologici a scala 1:2000, indagini di sismica a rifrazione in onde P e SH e sondaggi geotecnici con prove geofisiche in foro (down-hole in onde P e SH), secondo una filosofia operativa di tipo analitico e multidisciplinare.

Le informazioni disponibili e scaricabili per l'utente sono:
- Cartografia geologica e geomorfologica in scala 1:2.000;
- Indagini geofisiche di superficie;
- Indagini geotecniche e geofisiche in foro.

I dati geologici, geotecnici e geofisici ad oggi acquisiti hanno permesso di:
- verificare e approfondire le conoscenze geologiche del sottosuolo (con cartografie, sezioni geologiche, logs stratigrafici, sezioni sismostratigrafiche);
- caratterizzare per i siti investigati le unità geologiche in termini di velocità delle onde sismiche di taglio (Vsh) e il coefficiente di Poisson dinamico;
- determinare per le unità geologiche campionabili i parametri geotecnici dinamici (curva di decadimento del modulo di taglio, l'incremento dello smorzamento al crescere della deformazione, il coefficiente di Poisson dinamico).

Tali parametri permetteranno la caratterizzazione sismica dei terreni secondo quanto previsto dalle Norme tecniche sulle costruzioni D.M. del 14 Gennaio 2008 del Ministero Infrastrutture e Trasporti. Il Cooridnamento Regionale Prevenzione Sismica mette a disposizione di enti pubblici, imprese e professionisti locali tutto il materiale acquisito, con l'obiettivo che gli stessi utenti, se in possesso di materiale e conoscenze significative, possano fornire un contributo sostanziale al programma VEL (es. modifiche e integrazione alle carte geologiche).

Verificata l'efficienza di tale sistema saranno disponibili in seguito anche ulteriori informazioni tra cui le relazioni descrittive di sintesi dei Comuni indagati.

Ulteriori informazioni sulla geologia regionale si possono trovare sul "Portale della Geologia".

Si precisa che l'utilizzo di tali dati da parte di imprese e/o professionisti, finalizzata a studi ed applicazioni connesse con la ricostruzione dell'assetto sepolto, rientra nella piena responsabilità professionale degli stessi. Pertanto, il Servizio Sismico Regionale si riterrà non responsabile dall'uso improprio dei suddetti dati. Per chiarimenti, contributi tecnici ed invio di materiale relativo ad indagini svolte, si invita a contattare il seguente indirizzo e-mail: sismica@regione.toscana.it


Ultima modifica: 11/06/2015 14:53:03 - Id: 175510
  • Condividi
  • Condividi