Salta al contenuto Salta al menu'

Por Fse 2014-2020, tirocini curriculari retribuiti: contributi al rimborso spese dei tirocinanti

Fondo sociale europeo, progetto Giovanisì

Por Fse 2014-2020, tirocini curriculari retribuiti: contributi al rimborso spese dei tirocinanti

Contributi a enti e anziende private o pubbliche per coprire le spese sostenute per i rimborsi forfettari a studenti universitari da loro ospitati come tirocinanti nell'ambito di corsi universitari 2014-2015. Si tratta di 300 euro mensili per i giovani tra 28 e 32 anni e 500 euro mensili per disabili.

sabato, 31 ottobre 2015 23:59
Non specificato


La Regione Toscana, grazie all'Accordo di collaborazione stipulato con le Università degli studi e gli Istituti di Alta formazione e specializzazione toscani per lo svolgimento di tirocini curriculari, in attuazione della legge regionale n. 32/2002 e successive modifiche art. 17 bis comma 4, sostiene i tirocini curriculari retribuiti che gli studenti svolgono nell'ambito del loro percorso universitario attraverso l'avviso pubblico per il finanziamento di tirocini curriculari retribuiti nell'anno accademico 2014-2015. La misura si inserisce all'interno delle azioni del Programma operativo regionale (Por) del  Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020, e del  progetto Giovanisì della Regione Toscana.

Finalità. Contribuire  alla  copertura  (parziale  o  totale) del rimborso spese forfettario erogato da enti ed aziende pubbliche e private a studenti universitari impegnati in un'esperienza di tirocinio curriculare nell'ambito di un percorso di studio universitario. Il presente avviso disciplina le modalità e le condizioni di erogazione del contributo con riferimentoai tirocini che si svolgono nell'anno accademico 2014-2015.

Destinatari del bando. Possono  fare  domanda  di  contributo  gli  Enti  e  le  Aziende  pubbliche  o  private che  intendono  ospitare  (in qualità di soggetti ospitanti) uno  o  più  studenti  per  un  tirocinio  curriculare  in  ambito  universitario,  che abbiano stipulato a tale scopo apposita Convenzione con una delle Università firmatarie dell'Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli studi e gli Istituti di Alta formazione e specializzazione toscani per lo svolgimento di tirocini curriculari (legge regionale n. 32/2002 e successive modifiche art. 17 bis comma 4" (approvato con delibera  di Giunta  regionale  n.1082/2013 e modificato ed integrato con delibera n. 855 del 13 ottobre 2014), e che ne abbiano acquisito la validazione del progetto formativo.

Termini di presentazione delle domande di contributo: l'avviso pubblico si applica alle richieste di ammissione alla procedura di rimborso presentate dai soggetti ospitanti, per tirocini curriculari svolti nell'anno accademico 2014-2015, inoltrate in qualsiasi momento a partire dalla data di approvazione dell'avviso presente avviso, fino ad esaurimento delle risorse disponibilii e comunque entro e non oltre il 31 ottobre 2015, salvo proroga.

Requisiti dei destinatari del bando. Per poter richiedere il contributo il soggetto ospitante: 
a. deve corrispondere al tirocinante almeno 500 euro mensili lordi
b.deve  assicurare  il  tirocinante  contro  gli  infortuni  sul  lavoro  e  per  la  responsabilità  civile
verso i terzi, qualora questo non sia già assicurato dall'Università; 
c. deve essere in regola con la normativa sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; 
d. deve essere in regola con la normativa di cui alla legge n. 68/1999
e. non  deve  aver  effettuato  licenziamenti  per  attività equivalenti  a  quelle  del  tirocinio  nei
ventiquattro  mesi  precedenti  l'attivazione  del  tirocinio  stesso,  fatti  salvi  quelli  per  giusta
causa  e  per  giustificato  motivo  soggettivo  e  fatti salvi  specifici  accordi  sindacali  con  le
organizzazioni provinciali più rappresentative; 
f. non deve avere procedure di cassa integrazione guadagni straordinaria o in deroga in corso
per attività equivalenti a quelle del tirocinio; 
g. non deve utilizzare il tirocinio per sostituire i contratti a termine, per sostituire il personale
nei  periodi  di  malattiamaternità  o  ferie  o  per  ricoprire  ruoli  necessari  all'interno  della
propria organizzazione;
h. deve essere in regola con le norme in materia previdenziale e contributiva
i. non deve aver già usufruito, per lo stesso progetto formativo o per lo stesso tirocinante, del
contributo erogato ai sensi della Deliberazione della Giunta Regionale della Toscana n.1082
del  9  dicembre  2013  "Tirocini  curriculari  retribuiti  –  Approvazione  accordo  art.  17  bis
comma 4 L.R. 32/02 e avvio sperimentazione"; 
j. deve rispettare i limiti relativi al numero di tirocinanti contemporaneamente presenti rispetto
al numero dei dipendenti così come previsto dal D.M. 25 marzo n. 142.

Modalità di presentazione delle domande di contributo. Il  soggetto  ospitante  interessato  ad  ottenere  il  contributo  regionale  deve  presentare  domanda  di ammissione all'Azienda Diritto allo studio universitario (Dsu) della Toscana a pena di esclusione, entro cinque giorni dalla data di inizio del  tirocinio  stesso  utilizzando  il  modulo  allegato  (n.  1)  all'avviso,  apponendo  marca  da bollo da € 16,00. Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti: 
1) convenzione con il soggetto promotore; 
2) progetto formativo validato dal soggetto promotore;
3) autocertificazione  del  tirocinante  ai  sensi  del  Dpr n. 445/2000  artt.  46  e  47  nella  quale  il
tirocinante  dichiara  quanto  previsto  dall'art.  6  "Requisiti  del  tirocinio  ammissibile  a
contributo" del presente Avviso  (allegare all. 1/bis); 
4) copia  di  un  documento  di  identità  del  legale  rappresentante  del  soggetto  ospitante  in
corso di validità; 
5) copia di un documento di identità del tirocinante che sottoscrive l'autocertificazione di cui al punto 3) in corso di validità.
La domanda completa della documentazione richiesta deve essere inoltrata tramite posta certificata
all'indirizzo PEC dsutoscana@postacert.toscana.it.

Tirocinio ammissibile a contributo. Il tirocinio curriculare deve valere almeno 12 CFU o durare almeno 300 ore. Il tirocinante: 
A) deve avere un'età compresa fra i 18 e 32 anni. Per i soggetti disabili di cui alla legge n. 68/99 e i soggetti  svantaggiati  di  cui  all'art.  17  ter  comma 8  della  legge  regionale  n.  32/2002  e
successive modifiche non vi sono limiti d'età; 
B) deve  essere  iscritto  per  l'anno  accademico  2014-2015  ad  una  delle  Università  firmatarie dell'Accordo, di cui all'art. 18 del presente avviso, a: 
- ultimo anno della laurea triennale; 
- primo o secondo anno della laurea magistrale, Master di I Livello ;
- ultimi tre anni della laurea a ciclo unico;
- 3° ciclo di formazione universitaria, incluso Master di II livello.
C) non può essere ospitato più di una volta pressolo stesso soggetto ospitante; 
D)  non  deve  avere  in  corso  o  aver  avuto  un  rapporto  di  lavoro  autonomo,  subordinato  o
parasubordinato con il soggetto ospitante; 
E)  non  deve  avere  rapporti  di  parentela  o  affinità sino  al  3^  grado  con  persone  facenti  parte dell'organo di  governo del soggetto ospitante o che detengano quote di capitale sociale tali da esercitare un'influenza dominante sul soggetto ospitante; 
F) non deve beneficiare di una borsa di studio o di altra forma di sostegno finalizzata al 3° ciclo
di formazione universitaria; 
G)  deve  impegnarsi  ad  effettuare  almeno  il  70%  delle  presenze  previste  per  le  attività  di
tirocinio. 

Contributo alle spese di rimborso del tirocinante. Viene erogato  a  favore  del  soggetto  ospitante,  nel  rispetto  di  tutte  le  condizioni  ed  i requisiti indicati nei precedenti articoli, in riferimento a ciascun tirocinante e progetto formativo:
- una sola volta; 
- per un massimo di sei mesi; 
- a condizione che al tirocinante siano corrisposti almeno 500 euro mensili lordi
Il  contributo  a  parziale  o  totale  copertura  dell'importo  forfetario  a  titolo  di  rimborso  spese corrisposto  dai  soggetti  ospitanti  ai  soggetti  che svolgono  i  tirocini  curriculari,  nei  limiti  delle risorse disponibili, è così determinato: 
a. 300 euro mensili, per i soggetti in età compresa tra i 18 e i 32 anni 
b. 500 euro mensili, per i soggetti disabili, di cui alla legge 68/1999 e i soggetti svantaggiati di cui all' art. 17 ter comma 8 della legge regionale n. 3/2012

Per tutti i dettagli necessari per partecipare al bando consultare il testo integrale del bando

Regione Toscana

Ultima modifica: 20/01/2016 17:18:08 - Id: 12690168
  • Condividi
  • Condividi