Villa Capponi

Condividi
Comune: Firenze
Località: Arcetri

 

La villa, costruita nel XIV secolo, fu acquistata nel 1572 dalla famiglia Capponi, che l'ampliò e l'arricchì trasformandola in nobile residenza. Nel 1882 passò di proprietà a Lady Scott, figlia del Duca di Portland, ed in seguito, venne ceduta ai Clifford. L'edificio, di semplice impianto, fu arricchito alla fine dell'Ottocento da due logge panoramiche, le cui colonne pare che provenissero dalle demolizioni fatte durante il riordino del vecchio centro cittadino per la realizzazione di Piazza della Repubblica. Il giardino, composto da terrazzamenti posti su diversi livelli, si estende lungo il versante della collina di Pian dei Giullari da dove si coglie una vista di incomparabile bellezza su Firenze, inserendosi all'interno del paesaggio agricolo circostante. Il primo terrazzamento, che si apre sul retro della villa, è un'ampia zona a prato che accompagna per tutta la lunghezza la facciata nord, arricchita da un glicine secolare. Ad est, sullo stesso livello, si entra in un grazioso giardino segreto, a pianta rettangolare, strutturato secondo aiuole geometriche, bordate da siepi in bosso. L'accesso a questo giardino formale, separato dal prato da una siepe di tasso, è segnato da due colonne sormontate da due grifi in terracotta. Ad ovest, posti a quote diverse, si sviluppano due giardini segreti, ornati da parterre in bosso e circondati da alti muri di recinzione incoronati da merli dalla bella incurvatura e da antiche urne in cotto. Al primo, ubicato cinque metri più in basso rispetto alla quota d'imposta della villa, si accede tramite una stretta scala a ridosso del muro di recinzione. Attraverso un cancello in ferro battuto si scende al secondo giardino, al cui centro si trova una bella vasca in pietra con ninfee. Di recente costruzione è la piscina rettangolare posta ad un livello inferiore e circondata da alti filari di cipressi.

 

The villa, built in the 14th century, was purchased in 1572 by the Capponi family which extended it and enhanced it, turning it into a noble residence. In 1882 it became the property of Lady Scott, daughter of the Duke of Portland, and later passed into the hands of the Clifford family. The building, which is quite simple in layout, was further embellished at the end of the 19th century with the additions of two panoramic loggias, the columns for which were, it seems, taken from demolition work done during the redevelopment of the old city centre to create Piazza della Repubblica. The garden, which comprises terraces on different levels, extends along the Pian dei Giullari hillside, from where the view over Florence is quite breathtaking, and blends in with the surrounding farmland. The first terrace, immediately behind the villa, is a broad grassy area stretching the length of the northern side of the building, on which an ancient wisteria hangs. To the east, on the same level, is the entrance to a delightful secret garden, rectangular in layout and edged in box hedges. Access to this formal garden, separated from the lawn by another box hedge, is marked by two columns surmounted by two terracotta griffins. To the west, on different levels, are another two secret gardens with box-edged parterres and surrounded by high walls with elegantly curving crenellations and earthenware urns. The first of these gardens, which lies five metres lower than the level of the villa, is reached by a narrow flight of steps beside the boundary wall. A wrought-iron gate leads to the second garden, at the centre of which stands a fine stone lily-pool. The recently-built rectangular swimming pool lower down is surrounded by tall rows of cypresses.

Aggiornato al:
27.05.2016
Article ID:
11585110
Interessa a: