Valutazione partecipata del livello di umanizzazione degli ospedali

Strumenti per il monitoraggio della qualità dell'assistenza ospedaliera secondo la prospettiva del cittadino

DELIBERA
Condividi

La Regione Toscana ha aderito sin dalla sperimentazione del 2012 al Progetto nazionale di Ricerca del Ministero della Salute, coordinato da Agenas, finalizzato a sperimentare strumenti per il monitoraggio della qualità dell'assistenza ospedaliera secondo la prospettiva del cittadino. La valutazione è stata effettuata con l'ausilio di una check list di requisiti/indicatori collegati ai processi assistenziali ed organizzativi orientati alla persona coinvolgendo i cittadini.
Nel 2013-2016 la Regione Toscana ha aderito alla II edizione del progetto che, in continuità con i metodi e gli strumenti sperimentati nel precedente progetto, ha realizzato un'indagine nazionale sulla qualità delle strutture ospedaliere. 

Nel biennio 2016-2017 la Regione Toscana, ha aderito alla III edizione del progetto nazionale La valutazione partecipata del grado di umanizzazione delle strutture di ricovero sempre coordinato da Agenas aspirando ad un consolidamento dello strumento e ad una estensione della partecipazione. Hanno partecipato 23 ospedali e sono stati coinvolti tutti i comitati di partecipazione delle ex aziende sanitarie, complessivamente una trentina di associazioni, più di 130 persone tra operatori e cittadini.
La valutazione è stata effettuata sempre con l'ausilio di una check list di requisiti/indicatori, raggruppati in quattro aree, collegati ai processi assistenziali ed organizzativi orientati alla persona e con il coinvolgimento di cittadini appartenenti ai comitati di partecipazione aziendali. 

Il punteggio complessivo ottenuto dai 23 ospedali toscani che hanno preso parte alla ricerca è stato di 8,3 (su 10).

E questi sono i punteggi relativi alle singole voci:

  • Area1 - "Processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto ed alla specificità della persona": 8,3.
  • Area2 - "Accessibilità fisica, vivibilità e comfort dei luoghi di cura": 8,6.
  • Area3 - "Accesso alle informazioni, semplificazione e trasparenza": 7,8.
  • Area3 - "Cura della relazione con il paziente/cittadino": 8,5.

Rispetto alla check list delle precedenti edizioni è stato aggiunto il modulo integrativo per la sicurezza del paziente, proposto come facoltativo, ma utilizzato nella nostra Regione da tutti gli ospedali che hanno partecipato al progetto.
Il voto ottenuto in questa area è stato di  9,5.

Sulla base di questi risultati, gli ospedali hanno elaborato un proprio piano di miglioramento e complessivamente 114 azioni a breve, medio e lungo termine, tenendo conto delle indicazioni regionali di cui al Decreto dirigenziale n.7934/2017.
Le azioni di miglioramento sono ad oggi in fase di monitaoraggio, completando così il ciclo di miglioramento continuo del grado di umanizzazione.

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
29.11.2019
Article ID:
12166306