Valutazione della politica regionale unitaria 2007-2013

Condividi




Il Quadro strategico nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 (QSN) prevede che le attività di valutazione possano essere attribuite ai Nuclei di valutazione, laddove sussistano le condizioni di competenza ed autonomia funzionale.

In ottemperanza a quanto previsto dal QSN e dalla delibera CIPE di attuazione del QSN (n. 166 del 21/12/2007), la Regione Toscana
- ha elaborato un documento, con valenza di Dup - Documento unitario di programmazione (in conformità al QSN)  di sintesi ricognitiva del PRS-Programma Regionale di Sviluppo 2006-2010, che contiene  una proiezione delle scelte strategiche del PRS per il triennio successivo e descrive la strategia di politica regionale unitaria 2007-2013, e
- ha contestualmente predisposto il Piano di valutazione nel rispetto dei termini stabiliti dalla citata delibera Cipe.
Entrambi i documenti sono stati approvati con delibera della Giunta regionale n.144 del 25.2.2008.
 

Quadro strategico nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013

Il Quadro strategico nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 (QSN) (par. VI.2.3) definisce i principi e le modalità dell'attività di valutazione della programmazione regionale unitaria per il periodo di programmazione 2007-2013, assegnando alle amministrazioni centrali e regionali la responsabilità di coordinamento, di programmazione o di attuazione degli interventi valutativi per gli ambiti di propria competenza.

A tal fine il QSN stabilisce che
- ogni regione deve definire la propria strategia della politica regionale unitaria in un documento di programmazione strategico-operativa Documento unitario di programmazione (Dup)
-
identifica nel Piano di valutazione lo strumento per individuare le valutazioni da intraprendere ed, in generale, per organizzare la funzione di valutazione esplicitando risorse, attività e tempistica
- prevede che le attività di valutazione possano essere attribuite ai Nuclei di valutazione, ove ne sussistano le condizioni di competenza ed autonomia funzionale.

Con il QSN 2007-2013 (par. VI.1.1) si estende al Fondo aree sottoutilizzate (Fas) la certezza pluriennale delle risorse programmabili e si conferisce maggiore flessibilità nel loro utilizzo. La programmazione unitaria consente l'unificazione della programmazione di tutte le risorse della politica regionale (risorse nazionali del Fas, comunitarie e di cofinanziamento) assumendo, quale comune riferimento, le priorità strategiche del QSN.
 

La delibera CIPE di attuazione dle QSN

La delibera Cipe n. 166 del 21/12/2007 Attuazione del Quadro strategico nazionale 2007-2013, al paragrafo 6 e nell'allegato 5, dettaglia tale attività di valutazione e per i Piani di valutazione definisce:
- i contenuti,
- le modalità organizzative, di coinvolgimento del partenariato, di pubblicità, di individuazione delle domande valutative
- tempi di definizione e aggiornamento.
Il Nucleo di valutazione ha il compito di sostenere l'amministrazione nello svolgimento delle funzioni di redazione, aggiornamento ed attuazione del Piano di Valutazione.
La delibera Cipe stabilisce inoltre:
- entro febbraio 2008 ogni amministrazione
definisca un unico Piano di Valutazione per l'insieme della politica regionale unitaria per il periodo 2007-2013.
- il Piano di Valutazione è reso pubblico e trasmesso al Sistema nazionale di valutazione (Snv), al Dipartimento delle Politiche di sviluppo (DPS) del MISE, al Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ed alla Commissione Europea
- l'amministrazione titolare del Piano di Valutazione relaziona sull'attuazione del Piano stesso e sugli esiti delle valutazioni nelle sedi di sorveglianza dei programmi con cadenza almeno annuale.
-  definisce (paragrafo 2.3 e seguenti) e regola la programmazione del Fas. L'attuazione degli interventi della politica nazionale aggiuntiva finanziati dal Fas è realizzata attraverso la definizione, da parte delle amministrazioni regionali e centrali destinatarie delle risorse, di un documento di programmazione attuativo che per le regioni prende il nome di Programma attuativo Fas regionale (PAR FAS).

Aggiornato al:
04.01.2013
Article ID:
115908