Aggiornamento in: Diritti Partecipazione

Testamento biologico, disposti a scriverlo più di sette su dieci

Condividi
La risposta dei 360 partecipanti al town meeting di Firenze e Torino
Il town meeting non è un sondaggio o un referendum. Non è questo il suo scopo. E tra un'opinione sul testamento biologico e quella opposta spesso si situano nel mezzo mille sfumature diverse. Ci sono i numeri, le percentuali e le risposte secche. «Se il testamento biologico avesse valore legale, tu lo scriveresti?» è una delle domande poste ai 360 cittadini seduti attorno ai trentasei tavoli della sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze e nella sede della Biennale della Democrazia a Torino. L'11 per cento è indeciso, il 74 % risponde di sì. Ma al di là dei numeri ci sono i commenti e le proposte scaturite dai singoli tavoli, tutte raccolte nel report finale dell'evento disponibile e consultabile sul sito della Regione Toscana. Le sfumature, appunto: un tesoro di idee e di 'perle di saggezza popolare' che saranno consegnate al Parlamento e al presidente della Repubblica.
E così alla domanda su quali limiti occorrerebbe definire per il testamento biologico, nei tavoli dove prevalgono quanti ne difendono il valore e la necessità, c'è chi mette ben in evidenza che il suicidio assistito non dovrebbe mai essere oggetto del testamento biologico o che il testamento biologico dovrebbe essere considerato valido per un numero di anni e poi obbligatoriamente rinnovato. Il livello di informazione, rileva qualcun altro, è essenziale. Ai tavoli dove fautori e detrattori del libero arbitrio si equivalgono, c'è chi ricorda che alimentazione e idratazione artificiali non possono essere considerati trattamenti sanitari in senso stretto. Alla mattina però, alla domanda se sia giusto consentire l'interruzione di idratazione e nutrizione artificiali, ben il 76% (e dunque anche buona parte del 51% che si è dichiarato cattolico) aveva risposto di sì.
Quanto a come si dovrebbe costruire il testamento biologico, in tanti convengono che al cittadino-paziente serve un aiuto: sia che si tratti di un medico specialistico che lo 'accompagni' nella scrittura, sia che debba esserci un percorso di informazione, magari una sorta di consultorio preposto allo scopo. Informazione tecnica, chiedono i cittadini, ma anche un supporto psicologico in qualche caso.
Non mancano naturalmente i pessimisti, secondo cui in questo momento storico la politica non è comunque in grado di discutere sul testamento biologico.
Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
11.05.2009
Article ID:
277142