Taglia e Ricuci: Per il diritto alla salute. Per confezionare i servizi sanitari intorno ai bisogni delle persone

  Si e concluso l'evento "Taglia e Ricuci: Per il diritto alla salute. Per confezionare i servizi sanitari intorno ai bisogni delle persone" organizzato dal centro Gestione Rischio Clinico e dall'Agenzia Sanitaria Regionale. Lo scopo dell'evento è stato di capire come in tempi di spending review e tagli lineari sia possibile trasformare una riduzione delle risorse finanziare in una opportunità per rendere il sistema più efficiente e meglio organizzato.
John Ovretveit del Karolisnka Institute di Stoccolma autore di più di 300 articoli sul tema della qualità e la sicurezza nei sistemi sanitari ha iniziato la sua lectio magistralis riportando la frase di un clinico inglese impegnato nella riprogettazione delle attività proprio per motivi di riduzione del budget: "Signori i soldi sono finiti adesso è il momento di usare i nostri cervelli".
E molte infatti sono state le idee e le strategie proposte per perseguire il miglioramento mantenendo l'equità.
Il Sen.Ignazio Marino ha offerto una prospettiva d'insieme sul servizio sanitario nazionale evidenziando incongruenze e possibilità concrete di avanzamento. L'intervento dell'assessore Luigi Marroni ha messo in luce come le sfide per il futuro siano ben chiare. La Toscana parte da un patrimonio importante di lavoro che farà la differenza nel rispondere con capacità alle sfide.
La ricerca di un progetto e di una visione comune hanno spinto molti a partecipare all'evento Una giornata diversa animata dal ‘test dell'ascensore'; ovvero come comunicare al top management in 3 minuti un'idea che coniughi risparmio ed efficienza. Il test è durato 99 minuti e sono state presentate più di 30 idee da professionisti del sistema sanitario e da società scientifiche.
La maggior parte di esse hanno mostrato come alcune soluzioni già in atto permettono di impiegare in maniera intelligente le risorse disponibili.
La sensazione alla fine dell'evento e che un sistema sanitario che persegua il valore, ovvero un rapporto positivo fra costi e benefici, garantendo l'equità non sia un traguardo irraggiungibile. Le idee ci sono: condividerle e discuterle è già un punto di partenza.

Condividi
Aggiornato al:
06.12.2012
Article ID:
177364