Sviluppo aree interne: al via candidature per l'area del progetto pilota

Presentazione manifestazioni di interesse e progetti di massima entro le ore 12 del 15 settembre 2014.
Condividi
Fondi strutturali Ue 2014-2020. Strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne del Paese


Comuni ed Unioni dei Comuni della Toscana, individuati all'interno della classificazione approvata con la delbera di Giunta regionale n. 32/2014 (comuni fragili perifierici, comuni fragili ultraperiferici, aree interne), potranno proporsi come area progetto per l'avvio di un "progetto di territorio" fondato sulla "Strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne del Paese".  Si tratta del recente avviso pubblico approvato dalla Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 2203 del 30 maggio 2014 , per individuare un'area sperimentale (o al massimo due) nella quale avviare un progetto pilota sui seguenti ambiti e settori: settore socio/sanitario, istruzione e formazione, mobilità e trasporti, tutela del territorio (condizioni di cittadinanza), attività produttive (artigianato, industria, cooperazione), turismo, commercio, servizi, sistemi agroalimentari, beni culturali, energia, sostenibilità ambientale (condizioni di mercato). E con le seguenti finalità: il riequilibrio dei servizi di base (condizioni di cittadinanza), lo sviluppo delle potenzialità di sviluppo socio-economico (condizioni di mercato). Inoltre dovranno contribuire all'attuazione della strategia dei Programmi operativi dei Fondi strutturali e di investimento europei (FSIE, ossia Fesr, Fse, Fondo di coesione, Feasr, Feamp, di cui al Reg. UE n. 1303/2013) e nazionali coinvolti. Nel conseguire gli obiettivi i progetti di territorio dovranno essere caratterizzati da integrazione progettuale e concentrazione delle risorse.

La scadenza per presentare le manifestazioni di interesse e le proposte progettuali di massima, - a mezzo posta elettronica certificata (Pec)regionetoscana@postacert.toscana.it - è fissata entro le ore 12.00 del 15 settembre 2014 .

Per tutti i dettagli: consultare la scheda dell'avviso pubblico nonché tutti gli allegati dell'avviso  stesso

La "Strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne del Paese" nasce con l'obiettivo di invertire o attenuare le tendenze demografiche di squilibrio socio-economico di quei territori fragili dal punto di vista dell'accessibilità ai servizi essenziali considerati alla base del diritto di cittadinanza. In particolare la strategia punta a ridurre l'emigrazione da queste aree, ad attrarre nuovi residenti, a determinare condizioni per una ripresa delle nascite.

Aggiornato al:
19.10.2017
Article ID:
11823261
Interessa a: