Sauro Cavallini. L'opera di un internato

Sedici sculture che testimoniano l’orrore vissuto dall’artista a Gradaro

Condividi

L’orrore dei campi di internamento della Seconda Guerra Mondiale delineano l’arte di Sauro Cavallini, diventano testimonianza della sua terribile esperienza personale e di una piaga storica indelebile. Adesso, per la prima volta, sedici lavori, realizzati tra il 1961 e il 1963 in ferro e in ottone, saranno esposti a Firenze, a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della Giunta regionale, dal 26 gennaio al 28 febbraio 2023, nella mostra "Sauro Cavallini. L’opera di un internato".

Ideata dal Centro Studi Cavallini e curata dal direttore Maria Anna Di Pede, la mostra è stata realizzata con la collaborazione della Fondazione Fossoli, del Museo della Deportazione di Prato, con il contributo di Regione Toscana e di Unicoop Firenze, e si inserisce nella serie di eventi organizzati in occasione della Giornata della Memoria 2023.

Luogo e data mostra

Palazzo Strozzi Sacrati, Piazza del Duomo 10, Firenze
dal 26 gennaio 2023 al 28 febbraio 2023

Per prenotarsi

telefonare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 al numero 0554385616
o inviare email a mostresacratistrozzi@regione.toscana.it

Orario mostra

dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12.30 e dalle 14 alle 16.30
il sabato dalle 10 alle 12.30

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
26.01.2023
Article ID:
142387002