Cultura

Tutte le informazioni e le iniziative che riguardano l'enorme patrimonio culturale toscano: i musei, l'editoria, l'arte e i beni architettonici, ma anche gli archivi, le biblioteche, il cinema e la musica.

Prima il canto poi le parole. Ginevra Di Marco e la ricerca musicale di Caterina Bueno

Concerto intervista a Ginevra Di Marco per la promozione dell'archivio sonoro di Caterina Bueno

GENERICO
Condividi

In occasione della Giornata internazionale degli archivi, è stato trasmesso lo spettacolo "Prima il Canto poi le Parole", concerto intervista a Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli e Andrea Salvadori per la promozione e la valorizzazione dell'archivio sonoro di Caterina Bueno.

Archivio Vi.Vo.
Conservazione e Diffusione degli Archivi Orali e Audiovisivi

Patrimonio Audiovisivo
Il patrimonio audiovisivo del ventesimo secolo rischia di perdersi. I supporti analogici su cui sono registrate le fonti sonore sono fragili e soggetti ad un rapido invecchiamento; anche il materiale digitale corre il rischio di perdersi a causa dell’obsolescenza dell’hardware e del software per l’archiviazione, nonché dei formati di rappresentazione di tale materiale. Per contrastare il rischio del deterioramento o della perdita del patrimonio audiovisivo occorre pianificare interventi che garantiscano la salvaguardia degli archivi audiovisivi e ne assicurino l'accessibilità e la fruizione.

Conservazione degli archivi audiovisivi
Archivio Vi.Vo. (Archivio VideoVoce) è un progetto finanziato dalla Regione Toscana e coordinato dall'Università di Siena, in collaborazione con il nodo CLARIN-IT dell’Istituto di Linguistica Computazionale del CNR di Pisa e con la Banca della Memoria del CRED del Casentino. Archivio Vi.Vo si propone di sviluppare un modello per la tutela, la valorizzazione e la fruizione degli archivi audiovisivi toscani.

 Il progetto si propone di: 

  • preservare la documentazione audio e audiovisiva;
  • salvaguardare i suoi contenuti attraverso la «ri-mediazione digitale»;
  • rendere le risorse digitali audiovisive accessibili e pienamente utilizzabili;
  • creare percorsi formativi per le scuole e per i musei toscani;
  • coinvolgere, anche attraverso i canali social, il vasto pubblico della regione;
  • tenere conto delle norme internazionali nel settore;
  • stabilire - attraverso lo studio di casi «prototipici» - una catena di lavoro per archivi audio-video e un modello per affrontare le questioni del recupero, dell'archiviazione, della gestione e della diffusione.

Il modello di Archivio Vi.Vo. è stato applicato alla conservazione dell'archivio sonoro di Caterina Bueno (1943–2007), cantante italiana il cui lavoro di ricercatrice è stato molto apprezzato per il suo valore culturale, in quanto ha permesso la raccolta di molte canzoni popolari toscane e dell'Italia centrale. Il suo archivio sonoro di è composto da 476 supporti (bobine audio e cassette compatte), corrispondenti a quasi 714 ore di registrazione ed è stato digitalizzato durante il progetto PAR-FAS Gra.fo.

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
10.06.2021
Article ID:
65524323