Palazzo Budini Gattai

Condividi
Comune: Firenze
Via: dei Servi, 51
Sito internet: www.budinigattai.com

 

Ugolino di Iacopo Grifoni, segretario del duca Cosimo de' Medici, acquistò nel 1549 alcune case che sorgevano all'angolo fra Piazza Santissima Annunziata e via de' Servi al fine di demolirle e sostituirle con un palazzo che desse lustro alla sua famiglia. Il progetto iniziato da Giuliano di Baccio d'Agnolo, allievo di Buonarroti , fu proseguito alla sua morte da Bartolomeo Ammannati il quale probabilmente si occupò anche del progetto del giardino. Intorno al 1573, fu probabilmente definita la struttura del giardino "all'italiana" ed in particolare fu realizzata una fontana monumentale con le statue di Giasone, Venere e i mostri marini, attribuita allo scultore Giovanni Bandini. Nel '700 il giardino venne ingrandito e la fontana cinquecentesca fu spostata e sostituita con una a parete dove fu collocata la statua di Venere. Alla fine del '700 la famiglia Grifoni si estinse e la proprietà passo alla famiglia Riccardi ed infine ai Budini Gattai che sono tutt'oggi i proprietari. L'attuale giardino, ulteriormente modificato alla fine dell'800 si presenta attualmente sistemato con aiuole curvilinee e ospita belle collezioni di camelie e azalee dalle splendide fioriture primaverili. Altri elementi decorativi del giardino sono la bella serra in ferro e vetro risalente al 1892 ca., il boschetto di banani e il così detto "Monumento all'albero scomparso" realizzato nel 1908 in ricordo di un esemplare secolare di Laurus camphora seccatosi durante l'inverno.

 

In 1549 Ugolino di Iacopo Grifoni, secretary to duke Cosimo de' Medici, purchased a group of houses on the corner of Piazza Santissima Annunziata and Via de' Servi, his aim being to demolish them to make way for a palace that would give prestige to his family. The project, begun by Giuliano di Baccio d'Agnolo, pupil of Michelangelo, was continued on his death by Bartolomeo Ammannati, who probably also designed the garden. It is likely that the Italian-style garden was laid out in around 1573, when a monumental fountain with statues of Jason, Venus and sea monsters, attributed to the sculptor Giovanni Bandini, was constructed. In the 18th century the garden was enlarged and the 16th-century fountain moved and replaced by a wall fountain, on which the statue of Venus was placed. At the end of the 18th century the Grifoni family line died out and the property passed into the hands of the Riccardi family and finally to the Budini Gattai, the present owners of the property. Today's garden, which was further altered at the end of the 19th century, has curving flower beds and boasts a fine collection of camellias and azaleas that put on a beautiful show in spring. Other decorative elements in the garden include the fine iron and glass hothouse, dating back to around 1892, the banana-tree wood and the "Monument to the Lost Tree", built in 1908 as a reminder of a hundred-year-old specimen of a Laurus camphora which died that winter.

Aggiornato al:
27.05.2016
Article ID:
11584505
Interessa a: