Opere pubbliche incompiute: trasmissione degli elenchi entro il 31 marzo

Condividi
Comunicati dell'Osservatorio dei contratti pubblici alle stazioni appaltanti



L'Osservatorio regionale dei Contratti pubblici comunica alle amministrazioni aggiudicatrici della Regione Toscana, le modalità di trasmissione, entro il 31 marzo 2014, degli elenchi delle opere pubbliche incompiute, per l'aggiornamento dell'Elenco-anagrafe Opere pubbliche incompiute istituito dall''art. 44-bis del decreto-legge 6 dicembre del 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e le Regioni.

L'art. 3, comma 1, del decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 13 marzo 2013, n. 42 che ha stabilito le modalità di redazione dell'Elenco-anagrafe delle opere pubbliche incompiute, prevede infatti che entro il 31 marzo di ogni anno le stazioni appaltanti, gli enti aggiudicatori e gli altri soggetti aggiudicatori trasmettano al Ministero ovvero alle Regioni e Province autonome, tutte le informazioni e i dati richiesti secondo le modalità contemplate in seno alla norma stessa. La trasmissione dell'elenco delle opere incompiute, obbligatoria anche se è già stata oggetto di pubblicazione in un elenco precedente, sempre che permanga l'incompiutezza dell'opera , dovrà avvenire attraverso la procedura online Sitat-OI disponibile al seguente indirizzo: https://webs.rete.toscana.it/SitatOI
Possono accedere alla procedura SItat-OI tutti gli utenti già registrati a SitatSa. I nuovi utenti potranno registrarsi sia con il profilo RUP sia con il profilo dedicato alla trasmissione dei Programmi triennali delle opere pubbliche (OO.PP.)
Scarica il testo integrale del comunicato dell'Osservatorio regionale Contratti pubblici - 5 marzo 2014
E' inoltre possibile consultare le risposte ai principali quesiti nella sezione FAQ pubblicate nella sezione "UTILITA'" di www.simoi.it.

L'Osservatorio regionale invita le amministrazioni appaltanti a trasmettere tempestivamente il comunicato del 5 marzo a tutti gli uffici competenti, nonché alle proprie strutture vigilate in merito al citato adempimento, affinché venga data esecuzione alle prescritte disposizioni nei termini previsti.

L'Elenco-anagrafe delle opere pubbliche incompiute che comprende due sezioni (ai sensi del decreto 42/2013): la prima sezione, relativa alle opere incompiute di interesse nazionale, è pubblicata sul sito istituzionale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; la seconda, relativa alle opere incompiute di interesse regionale e degli enti locali, è pubblicata sui siti web predisposti ed attivati dalle Regioni e dalle Province autonome ai sensi del decreto ministeriale 6 aprile 2001, a cura degli Osservatori regionali dei contratti pubblici, ovvero da altri uffici regionali allo specifico scopo preposti.

L'elenco-anagrafe delle opere pubbliche incompiute -  ricorda l'Osservatorio contratti pubblici della Regione Toscana nel comunicato - ha la finalità, nella sua interezza, di coordinare, a livello informativo e statistico, i dati sulle opere pubbliche incompiute in possesso delle amministrazioni statali, regionali o locali, così  da attivare uno strumento conoscitivo volto ad individuare, in modo razionale ed efficiente, le soluzioni ottimali per l'utilizzo di tali opere attraverso il completamento ovvero il riutilizzo ridimensionato delle stesse, anche con diversa destinazione rispetto a quella originariamente prevista.

 

Aggiornato al:
30.06.2015
Article ID:
11536711
Interessa a: