Lavoro Sicuro, a Prato si va avanti

Il 1 dicembre 2013 sette operai cinesi, cinque uomini e due donne, morivano a Prato nel rogo della fabbrica dove lavoravano ma anche vivevano. Qualche mese più tardi nasce il progetto "Lavoro Sicuro", un piano triennale di controlli contro quell'illegalità che non garantisce i diritti più elementari ai lavoratori e ma anche una lotta al nero e sommerso.

A marzo del 2017, dopo 8.257 aziende verificate in tutta l'area metropolitana (quasi cinquemila solo a Prato) si tirano le somme e si intravede un raggio di luce: solo un'azienda su sette era in regola all'inizio (il 15,9%), oggi lo è una su due (il 55,4%).

Ma soprattutto l'84 per cento delle aziende dopo i controlli ha pagato le sanzioni comminate (10 milioni di euro, complessivamente) e si sono adeguate.

I controlli dei 74 tecnici della Asl assunti proseguiranno fino al 2019, guardando anche alla formazione dei dipendenti e regolarità dei contratti di lavoro e segnalando alle autorità competenti ogni informazione utile per contrastare l'evasione fiscale.
 

APPROFONDIMENTI

  • La pagina del progetto sul sito regionale ►►
  • Lavoro sicuro, due anni e mezzo di controlli: i numeri (comunicato stampa del 31/03/2017) ►►

     

INFOGRAFICA
 

 

SERVIZI VIDEO
 

Aggiornato al:
16.04.2020
Article ID:
14495443