Guida operativa, aggiornata 2017, di indirizzo per i Prodotti utilizzabili in ambito agrituristico, nelle degustazioni e durante gli eventi promozionali

Condividi


A seguito delle ultime modifiche inerenti la normativa agrituristica, in vigore dal 15 aprile 2017, con il Decreto 6112 del 4/5/2017 sono state aggiornate le linee guida operative per l'attività di somministrazione (già approvate nel 2013) inserendo anche l'elenco dei prodotti che possono essere utilizzati per il completamento delle pietanze.

Le linee guida in oggetto esaminano tutto l'art. 13 del regolamento, fornendo chiarimenti e indicazioni applicative sulle norme contenute.

A titolo esemplificativo le linee guida contengono dettagli per:

  • i prodotti toscani certificati e non certificati

  • l'elenco dei prodotti che possono essere utilizzati per il completamento delle pietanze

  • l'equiparazione dei prodotti delle aziende agricole toscane ai prodotti aziendali

  • gli accordi scritti per la fornitura dei prodotti non certificati (fax simile del testo)

  • le indicazione di permanenza in azienda per gli animali allevati in Toscana

  • le indicazioni per informare gli ospiti sull'origine e la provenienza dei prodotti somministrati (lista delle pietanze)


Riferimento normativo per l'elenco dei prodotti

L'Art. 13 del regolamento attuativo della l.r. 30/2003 "Disciplina delle attività agrituristiche e delle fattorie didattiche in Toscana" prevede che per il completamento delle pietanze che possono essere utilizzati:

  • a) gli ingredienti complementari essenziali, quali spezie coloniali e altri non ottenibili in Toscana;
  • b) i prodotti necessari per le pietanze di uso comune dell'ospitalità e della cucina tradizionale toscana, individuati con atto della competente struttura regionale della Giunta regionale sentite le associazioni di categoria maggiormente rappresentative del settore agricolo e del settore della somministrazione alimenti e bevande;
  • c) i prodotti e gli ingredienti di difficile reperimento in ambito regionale, anche per particolari condizioni meteo-climatiche, individuati con atto della competente struttura regionale della Giunta regionale sentite le associazioni di categoria maggiormente rappresentative del settore agricolo e del settore della somministrazione alimenti e bevande;

 

Aggiornato al:
22.05.2017
Article ID:
1067796
Interessa a: