Domande Frequenti sul ticket per la specialistica ambulatoriale

Condividi

  1. Come si accede alle prestazioni di specialistica ambulatoriale ►►
  2. Che cos'è il ticket ►►
  3. Si è tenuti al pagamento del ticket ordinario anche se non si ritira il referto ►►
  4. Se la prescrizione dell'esame di diagnostica strumentale è antecedente al 1 aprile 2019 ma viene erogato successivamente, devo pagare il contributo di digitalizzazione? ►►
  5. Quale disciplina si applica nei confronti dei cittadini stranieri? ►►


1. Come si accede alle prestazioni di specialistica ambulatoriale
Il medico è l'anello centrale del processo di cura. È infatti il medico a decidere quali esami e visite sia appropriato fare. Il Medico prescrive su apposita ricetta gli accertamenti che ritiene necessari e appropriati per ciascun caso. Su ciascuna ricetta sono prescrivibili fino ad 8 prestazioni della medesima branca. Esistono, tuttavia, prestazioni dette ad accesso diretto dove non è necessaria la preventiva richiesta del medico.

torna su

2. Che cos'è il ticket
Il ticket è la parte di costo della prestazione che il cittadino non esente è tenuto a corrispondere come compartecipazione alla spesa sanitaria per la specialistica ambulatoriale. Il Ticket ha un importo massimo di €38 per ciascuna ricetta.

torna su


3. Si è tenuti al pagamento del ticket ordinario anche se non si ritira il referto
Sì, gli utenti sono tenuti a ritirare i referti, il mancato ritiro comporta il pagamento dell'intero costo della prestazione e dell'eventuale ticket aggiuntivo.

torna su

4. Se la prescrizione dell'esame di diagnostica strumentale è antecedente al 1 aprile 2019 ma viene erogato successivamente, devo pagare il contributo di digitalizzazione?
No, il pagamento del contributo di digitalizzazione è dovuto per le prestazioni erogate fino al 31 marzo 2019.

torna su

5. Quale disciplina si applica nei confronti dei cittadini stranieri?
I cittadini comunitari così come gli extracomunitari che hanno ottenuto l'iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale sono tenuti, al pari dei cittadini italiani, al pagamento del ticket ordinario, escluse le ipotesi di esenzione.
Per quanto attiene gli stranieri temporaneamente presenti (STP) le prestazioni di cui all'articolo 35 del d.lgs. n° 286/1998 sono erogate gratuitamente, fatte salve le quote di compartecipazione alla spesa previste dalla normativa in vigore per gli iscritti al S.S.N., a parità dei cittadini italiani.

torna su

Aggiornato al:
04.09.2020
Article ID:
11767516
Interessa a: