Aggiornato il disciplinare per l'accreditamento di Università, istituzioni scolastiche e CPIA

Condividi

Con decreto 8092 del 2 maggio 2022 è stata data attuazione alla disposizione del disciplinare di accreditamento con la quale è richiesto il possesso del requisito relativo all’eliminazione delle barriere architettoniche finalizzata all’accessibilità ed alla visitabilità dei locali al momento della presentazione della domanda, eliminando quindi la deroga di 12 mesi a decorrere dalla data di trasmissione della domanda di accreditamento per il suo assolvimento.
Il decreto sopra richiamato prevede altresì che tale disposizione si applichi alle nuove domande di accreditamento presentate a partire dal 1 giugno 2022.
Dal 1 giugno 2022, pertanto, tutte le domande presenti sul sistema informativo di accreditamento non ancora inviate (che risultano quindi in uno dei seguenti stati: “bozza”, “chiusa”, “documentata”) non saranno più valide e gli organismi interessati dovranno procedere alla compilazione di una nuova richiesta di accreditamento. 

_______________________

 

Il disciplinare per l'accreditamento di Università, istituzioni scolastiche e CPIA è stato aggiornato con delibera di Giunta regionale 1079/2021

Requisiti e modalità per l'accreditamento delle Università, delle Istituzioni scolastiche e dei CPIA regionali e modalità di verifica

____________________________

Queste le principali modifiche introdotte al disciplinare di accreditamento con la delibera sopra richiamata.

  • Destinatari dell’accreditamento ai sensi dell'articolo 70 comma 1 lett. c) e c bis) del Regolamento 47/R 2003 e successive modifiche e integrazioni -  Articolo 3
    si inseriscono tra i destinatari dell’accreditamento le forme associative e i consorzi costituiti ai sensi dell’Articolo 7, comma 10 del DPR 275/99, laddove lo statuto preveda esclusivamente la presenza di Università e/o Istituzioni Scolastiche e/o CPIA Regionali;
  • Cause ostative alla presentazione della domanda di accreditamento – Articolo 3 bis
    vengono indicate le tipologie di reato oggetto di verifica con riferimento al legale rappresentante;
  • Dispositivo operativo dei requisiti per l’accreditamento ai sensi Articolo 70 comma 1 lett. c) e c bis) del Regolamento 47/R 2003 e e successive modifiche e integrazioni - Articolo 4 :
  • Requisito I.1“Situazione economico-finanziaria dell’istituzione”, vengono indicate le tipologie di reato oggetto di verifica e si abroga il punto I.1.4:
  • Requisito I.2 “Caratteristiche minime relative alle risorse professionali impiegate”, vengono indicate le tipologie di reato oggetto di verifica per le figure di presidio; 
  • Requisito I.3 “Organizzazione dei processi di qualificazione, progettazione, realizzazione e valutazione dei servizi erogati”, punto I.3.2 è richiesta la presenza del piano biennale di sviluppo delle risorse umane rimuovendone la dipendenza dall’approvazione di specifiche disposizioni regionali;
  • Gestione del Monte crediti, casistica delle irregolarità e quantificazione dei debiti - Articolo 8.2 lettera A
    si introducono ulteriori tipologie di penalizzazione per gestire irregolarità non disciplinate dalla precedente normativa di accreditamento.
Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
09.05.2022
Article ID:
22470243