Corsi per il rilascio delle autorizzazioni

A decorrere dal 26 novembre 2015
Condividi

Percorsi formativi e durata.

In Toscana i corsi per il rilascio ed il rinnovo delle autorizzazioni previste dal PAN sono svolti, ai sensi della DGR 796/2014, in coerenza con le normative regionali in materia di attività formative.

La delibera specifica le modalità di realizzazione dei percorsi di formazione obbligatoria per gli utilizzatori, i distributori e i consulenti di prodotti fitosanitari (allegato A) e per i tecnici che svolgono i controlli funzionali delle macchine irroratrici (allegato B) ai sensi del D.lgs. 150/12 e del Pan ed in coerenza con quanto previsto dall'art. 77 bis del regolamento 8 agosto 2003 n. 47/R di esecuzione della L.r. 32/02.


Corsi per il rilascio delle autorizzazioni:


a) Percorso formativo per utilizzatori professionali.

Il percorso formativo si articola in 6 unità formative, di cui 4 moduli comuni e 2 moduli specialistici per un ammontare complessivo di 20 ore e prevede la trattazione dei seguenti argomenti:

  • I Unità Formativa comune: Nozioni legislative e amministrative

  • II Unità formativa comune: Nozioni su rischi e salute

  • III Unità formativa comune: Nozioni su difesa integrata

  • IV Unità formativa comune: Nozioni sulle macchine per la distribuzione dei prodotti

  • V Unità formativa specialistica: Approfondimenti agronomici

  • VI Unità formativa specialistica: Approfondimenti su rischi e salute


- scarica il profilo formativo


Sono esentati dall'obbligo di frequenza del corso i soggetti in possesso di diploma di istruzione superiore di durata quinquennale o di laurea, anche triennale, nelle discipline agrarie e forestali, biologiche, naturali, ambientali, chimiche, farmaceutiche, mediche e veterinarie, secondo quanto previsto dal Pan paragrafo A.1.7.

Questi ultimi per acquisire l'abilitazione devono superare l'esame finale, pertanto sono ammessi direttamente all'esame finale senza obbligo di frequenza del corso.

Essi inoltre sono tenuti alla partecipazione ai corsi di aggiornamento di cui al paragrafo 9 della presente delibera ai fini del rinnovo dell'abilitazione.


b) Percorso formativo per distributori

Il percorso formativo si articola in 7 unità formative, di cui 4 moduli comuni e 3 moduli specialistici per un ammontare complessivo di 25 ore e prevede la trattazione dei seguenti argomenti:

  • I Unità Formativa comune: Nozioni legislative e amministrative

  • II Unità formativa comune: Nozioni su rischi e salute

  • III Unità formativa comune: Nozioni su difesa integrata

  • IV Unità formativa comune: Nozioni sulle macchine per la distribuzione dei prodotti

  • V Unità formativa specialistica: Approfondimenti normativi

  • VI Unità formativa specialistica: Approfondimenti agronomici

  • VII Unità formativa specialistica: Approfondimenti su rischi e salute


- scarica il profilo formativo

 

c) Percorso formativo per consulenti.

Il percorso formativo si articola in 7 unità formative, di cui 4 moduli comuni e 3 moduli specialistici per un ammontare complessivo di 25 ore e prevede la trattazione dei seguenti argomenti:

  • I Unità Formativa comune: Nozioni legislative e amministrative

  • II Unità formativa comune: Nozioni su rischi e salute

  • III Unità formativa comune: Nozioni su difesa integrata

  • IV Unità formativa comune: Nozioni sulle macchine per la distribuzione dei prodotti

  • V Unità formativa specialistica: Approfondimenti normativi

  • VI Unità formativa specialistica: Approfondimenti agronomici

  • VII Unità formativa specialistica: Approfondimenti su rischi e salute

 

- scarica il profilo formativo

Con riguardo ai percorsi di cui alle lettere a, b e c sopra individuati, la formazione può essere erogata anche attraverso modalità FAD fino ad un massimo del 30% del monte ore complessivo del percorso, secondo le modalità stabilite dalla Dgr 1179/2011 al punto A.2.4.

 

Corsi di aggiornamento professionale per il rinnovo delle autorizzazioni

I certificati di abilitazione sono validi per 5 anni e alla scadenza devono essere rinnovati, a richiesta del titolare previa verifica della partecipazione a corsi di formazione.

La durata minima dei corsi di aggiornamento è pari a 12 ore.

La frequenza del corso è obbligatoria al 90% ed al termine viene rilasciato un attestato di frequenza,secondo quanto disposto dalla Delibera della Giunta Regionale del 22 giugno 2009, n. 532 e s.m.i.

Le attività formative di aggiornamento sono erogate dalle agenzie formative accreditate ai sensi della DGR del 17 dicembre 2007, n. 968 e s.m.i., secondo le modalità previste all'art. 17 della L.R. 26 luglio 2002, n.32 e s.m.i.

I percorsi di aggiornamento sono così articolati:


d) Percorso di aggiornamento per utilizzatori professionali

Esso prevede la trattazione di 3 unità formative e dei seguenti argomenti:

  • I Unità Formativa : Nuove malattie e parassiti

  • II Unità formativa: Nuovi prodotti e metodi di difesa

  • III Unità formativa : Nuove disposizioni normative

 

- scarica il profilo formativo

 

e) Percorso di aggiornamento per distributori

Esso prevede la trattazione di 2 unità formative e dei seguenti argomenti:

  • I Unità Formativa : Nuovi prodotti e metodi di difesa

  • II Unità formativa: Nuove disposizioni normative

 

- scarica il profilo formativo

 

f) Percorso di aggiornamento per consulenti

Esso prevede la trattazione di 3 unità formative e dei seguenti argomenti:

  • I Unità Formativa : Nuove malattie e parassiti

  • II Unità formativa: Nuovi prodotti e metodi di difesa

  • III Unità formativa: Nuove disposizioni normative

 

- scarica il profilo formativo

 

g) Formazione obbligatoria per i tecnici che svolgono i controlli funzionali delle macchine irroratrici

Il percorso formativo deve prevedere lezioni teoriche (per il 60% delle ore) e lezioni pratiche (per il 40% delle ore) per un ammontare complessivo di 40 ore ed un periodo di tirocinio pratico applicativo specifico per ciascuna tipologia di macchina irroratrice per cui si chiede l'autorizzazione della durata minima di 3 giorni o corrispondente ad almeno 6 macchine esaminate.

Esso si articola in 4 unità formative prevede la trattazione dei seguenti argomenti:

  • I Unità Formativa: La distribuzione dei prodotti fitosanitari

  • II Unità Formativa: Le macchine per la distribuzione dei prodotti fitosanitaria

  • III Unità formativa: Le procedure di controllo funzionale e la taratura delle macchine per la distribuzione dei prodotti fitosanitari

  • IV Unità Formativa: Aspetti normativi e amministrativi

 

- scarica il profilo formativo


Il tirocinio può essere svolto in qualsiasi Centro prova in possesso di autorizzazione.

I percorsi formativi devono prevedere la presenza di un numero di discenti non superiore a 25.


Organizzazione dei corsi

Soggetti attuatori dei percorsi formativi.

Le attività formative sono erogate dalle agenzie formative accreditate ai sensi della DGR del 17 dicembre 2007, n. 968 e s.m.i.; i corsi di formazione di cui al precedente paragrafo devono essere realizzati secondo le modalità previste all'art. 17 della L.R. 26 luglio 2002, n.32 e s.m.i. 2b) Riconoscimento dei corsi di formazione.

I corsi di formazione sono erogati, di norma, secondo le modalità di cui all'art. 17 lett. b) della L.r. 32, ossia tramite riconoscimento provinciale, nel rispetto della Dgr n. 48/12.

Con riguardo alla procedura di riconoscimento, per tali percorsi, considerata l'urgenza collegata all'entrata in vigore del Pan, si osservano le seguenti indicazioni:

 le domande di riconoscimento dei percorsi formativi possono essere presentate, oltre che alle scadenze annuali ordinarie, anche ad una scadenza straordinaria prevista per il 31

ottobre 2014;

 Il procedimento amministrativo per il riconoscimento dei corsi formativi viene concluso entro 30 giorni;

 la richiesta di costituzione della commissione d'esame deve essere inoltrata all'Amministrazione Provinciale che ha riconosciuto il corso almeno 15 giorni prima della data proposta per lo svolgimento dell'esame.


Requisiti di accesso ai percorsi formativi.

Al fine dell'ammissione ai corsi di formazione, oltre ai requisiti previsti dalla legge, sono necessari i

seguenti requisiti: -maggiore età ovvero adempimento dell'obbligo formativo.

Gli stranieri devono dimostrare una sufficiente conoscenza della lingua italiana orale e scritta, che consenta di partecipare attivamente al percorso formativo: tale conoscenza può essere verificata attraverso un test di ingresso da conservare agli atti dai soggetti attuatori.

Il soggetto attuatore del corso, in ingresso ai percorsi formativi, verifica i requisiti obbligatori previsti dalla legge ai fini dell'accesso al corso, i quali devono essere dimostrati attraverso idonea documentazione.


Riconoscimento di crediti.

La partecipazione ai corsi di formazione può prevedere il riconoscimento di crediti formativi.

Il riconoscimento dei crediti e la relativa riduzione delle ore di formazione si attuano secondo le disposizioni regionali vigenti (DGR 532/2009 e s.m.i)..

Il soggetto attuatore del corso definisce i crediti formativi da riconoscere e la riduzione delle ore di frequenza da attuare.


Docenti.

I docenti devono possedere adeguate competenze tecnico professionali e non devono avere rapporti di dipendenza o di collaborazione diretta a titolo oneroso con strutture che distribuiscono sul mercato i prodotti fitosanitari, o con le società titolari di autorizzazione di prodotti fitosanitari, secondo la definizione di cui all'art. 3 paragrafo 24 del regolamento CE n. 1107/2009. Sono esclusi da tale incompatibilità i soggetti che operano all'interno di strutture pubbliche di ricerca e sperimentazione che, a livello istituzionale, hanno rapporti di collaborazione saltuaria e a fini scientifici con le società titolari di autorizzazione sopra indicate.

Per i corsi finalizzati alla formazione dei consulenti, le regioni possono ricorrere a esperti, non altrimenti reperibili, che hanno rapporti di dipendenza o di collaborazione diretta a titolo oneroso con società titolari di autorizzazione di prodotti fitosanitari secondo la definizione di cui all'art. 3 paragrafo 24 del regolamento CE n. 1107/2009.

Per i corsi finalizzati alla formazione dei tecnici che svolgono i controlli funzionali delle macchine irroratrici i docenti devono possedere un titolo di studio attinente alle materie trattate oppure esperienza professionale almeno triennale nel settore di riferimento.


Misure di accompagnamento e di supporto dei partecipanti

Tenuto conto della natura dei percorsi formativi i quali si configurano come percorsi dovuti per legge, non sono previste misure di accompagnamento e di supporto dei partecipanti nell'ambito dello stesso.


Certificazione degli esiti.

Ai fini dell'ammissione all'esame è obbligatoria la frequenza ad almeno il 75% delle ore complessive del corso.

La prova finale è costituita da un test scritto: in particolare dovrà essere somministrata una selezione di quiz sorteggiati tra quelli inseriti nell'elenco che sarà approvato con successivo atto del dirigente competente dell'Area Sviluppo Rurale secondo le modalità in esso stabilite.

Al superamento positivo dell'esame finale viene rilasciato uno specifico attestato di frequenza con esito positivo, secondo quanto disposto dalla Delibera della Giunta Regionale del 22 giugno 2009,

n. 532 e s.m.i.

Tale attestato di frequenza consente di ottenere il rilascio del certificato di abilitazione da parte dell'autorità competente.


Commissione d'esame.

Per i corsi di rilascio delle autorizzazioni per utilizzatori professionali, per distributori e consulenti la commissione d'esame è così composta:

  • Presidente (individuato dall'Amministrazione competente), esperto nelle materie di cui all'Allegato I del D.lgs. 150/2012
     
  • Un componente designato dall'organismo di formazione (una delle risorse professionali dell'organismo formativo che hanno contribuito alla realizzazione del percorso, ad esclusione di coloro che hanno ricoperto unicamente funzioni di tipo amministrativo)

La Commissione d'esame potrà essere costituita per la valutazione finale degli allievi di più corsi realizzati dallo stesso organismo formativo nel mese precedente la richiesta da parte dell'organismo formativo di costituzione della commissione.


Per i corsi di rilascio delle abilitazioni per i tecnici che svolgono i controlli funzionali delle macchine irroratrici la commissione d'esame, ai sensi dell'art. 66 decies del Regolamento n. 47/R del 8.8.2003 e s.m.i. e della Dgr 532 del 2009 e s.m.i (par. B.5.4.2.), è così composta:

  • Presidente (individuato dall'Amministrazione competente)
     
  • Due esperti di settore, nominati dall'Amministrazione
     
  • Un componente designato dall'organismo di formazione (una delle risorse professionali dell'organismo formativo che hanno contribuito alla realizzazione del percorso, ad esclusione di coloro che hanno ricoperto unicamente funzioni di tipo amministrativo)

 

Aggiornamento professionale.

Il personale tecnico è tenuto a frequentare eventuali attività di aggiornamento che saranno

successivamente definite con atti regionali.

 

Aggiornato al:
19.03.2015
Article ID:
12416506