Al lavoro per Livorno

Dopo l'alluvione che la notte tra il 9 e 10 settembre ha colpito Livorno facendo 8 vittime, il presidente Enrico Rossi viene nominato commissario delegato per gestire l'emergenza.

L'ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile nazionale fa seguito alla delibera del Consiglio dei Ministri che, proclamando lo stato di emergenza nazionale, stanzia 15 milioni e 570 mila. Cifra che si somma ai 3 milioni deliberati dalla Regione il giorno seguente la tragedia. La stima dei danni complessivi ammonta a 180 milioni di euro.

Subito dopo l'evento la Regione dà il via agli interventi, una quarantina di somma urgenza, tra cui, i più significativi, i due ponti sul Rio Ardenza, in località Limoncino e in via Remota, realizzati in collaborazione con RFI.

L'attenzione si focalizza anche sui tombamenti, in particolare si chiedono alla Protezione civile nazionale poteri speciali per realizzare uno studio che consenta di ricostruire il corso originario del Rio Maggiore, tombato, per dargli nuovamente respiro e intervenire con demolizioni o sistemazioni.
 

APPROFONDIMENTI

  • Alluvione Livorno, Rossi nominato commissario. Oltre 18 mln per la prima fase di interventi (comunicato stampa del 16/09/2017) ►►
  • Rossi: "Accrescere la consapevolezza dei toscani sui rischi del meteo" (comunicato stampa del 15/09/2017) ►►
     

SERVIZI VIDEO
 

Aggiornato al:
16.10.2017
Article ID:
14679533