Salta al contenuto Salta al menu'

Por Fesr 2014-2020, contributi per interventi integrati di mobilità

Sostegno a interventi di mobilità urbana sostenibile

Por Fesr 2014-2020, contributi per interventi integrati di mobilità

Pubblicate le gradauatorie di merito dei progetti presentati. Chiamata per manifestazioni di interesse degli enti locali

mercoledì, 18 gennaio 2017 08:17
giovedì, 18 maggio 2017 17:00
Non specificato

 

La Regione Toscana, con decreto dirgenziale n. 14721 del 20 dicembre 2016 (certificato il 10-01-2017) ha approvato e pubblicato, in attuazione della delibera di Giunta regionale n. 1291/2016, il bando Por Fesr 2014-2020 (linea d'intervento 4.6.1 sub b) per manifestazione d'interesse per il "Sostegno ad interventi di mobilità urbana sostenibile: azioni integrate per la mobilità"(allegato A del decreto 14721/2016),
Il bando è cofinanziato dal Por Fesr 2014-2020 nell'ambito asse IV "Sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori" azione 4.6.1 "Realizzazione di infrastrutture e nodi di interscambio finalizzati all'incremento della mobilità collettiva e alla distribuzione ecocompatibile delle merci e relativi sistemi di trasporto" - sub-azione b "Sostegno ad interventi di mobilità urbana sostenibile: azioni integrate per la mobilità".
 

  • Graduatorie

La Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 12206 del 22 agosto 2017  ha approvato la graduatoria di merito (allegato 1 del decreto) che comprende
- 10 progetti ammissibili a finanziamento
- 7 progetti non ammissibili a finanziamento
- 2 progetti finanziati per complessivi 3 milioni 750mila euro, che accedono alla fase di coprogettazione:

  • progetto "In bici lungo il Trammino e sul Passo di Barca: il nuovo ruolo della Mobilità Ciclistica a Pisa" del Comune  di Pisa, e
  • progetto ISTRICE del Comune di Livorno.


Destinatari. La manifestazione di interesse è rivolta ai seguenti  Enti  locali:   Province, Città metropolitane, Unioni di Comuni e Comuni.  Ogni Ente locale può presentare, in  qualità  di  soggetto potenzialmente beneficiario del finanziamento, una sola manifestazione di interesse. Le  domande  di  partecipazione  possono  essere  fatte  dai  soggetti  sopra  elencati  anche  in forma aggregata, a condizione che sia indicato, con  apposito atto da parte di tutti i soggetti partecipanti, l'ente capofila beneficiario del finanziamento.
Possono  beneficiare  del  contributo  gli interventi (le  operazioni ) realizzate  nei  comuni  toscani  compresi nelle  Functional  Urban  Areas  (FUA)  derivanti  dai  Sistemi  locali  del  lavoro  (SSL)
identificati  sulla  base  del  Censimento  Istat 2001, nei   quali   sia   presente   una
stazione / fermata del Servizio ferroviario regionale o del servizio tramviario, coerentemente
con  quanto  disposto  dal  Por Creo Fesr 2014  –  2020.  L'elenco  dei  Comuni  è  riportato
nell'Allegato 1 del bando.

Interventi ammissibili. Gli interventi possono riguardare:
1) realizzazione  e/o  potenziamento  dei  sistemi  di  interscambio  fra  le  diverse
modalità di spostamento anche mediante la dotazione di tecnologie ICT;
2) riqualificazione  del  sistema  di  mobilità  dolce  di  raccordo  e  perimetrazione  di
aree urbane
funzionali ai sistemi d'interscambio mediante ad esempio la creazione di  percorsi  e  corsie  preferenziali  per  il  transito dei  mezzi  pubblici,  le  opere  di pedonalizzazione, di moderazione del traffico e di implementazione delle zone 30 etc.;  
3) l'interconnessione e l'integrazione del sistema ciclopedonale di mobilità dolce con
il   trasporto   pubblico  
nell'ambito   del   sistema   di   mobilità   complessivo   anche mediante  la  realizzazione  di  apposite  aree  di  parcheggio  delle  biciclette  o  di ciclostazioni che siano eventualmente dotate di idonei apparati di sicurezza;
4) l'incremento della rete ciclabile e ciclopedonale mediante la realizzazione di nuovi tratti,  la  messa  in  sicurezza  dei  tratti  ciclabili esistenti  compresi  quelli  promiscui con  il  traffico  veicolare  e  la  dotazione  di  attrezzature  strettamente  funzionali  allo sviluppo del sistema ciclopedonale.

Per quanto concerne la mobilità ciclistica le opere potranno riferirsi anche a tratti promiscui
con il traffico veicolare e/o a percorsi ciclabili, purchè queste (le opere) siano funzionali alla fruizione ciclabile del tratto/percorso.

Spese ammissibili. L'ammissibilità della spesa decorre dal 26 aprile 2016, coerentemente con quanto disposto dalla delibera di Giunta regionale n. 1055 del  2/11/2016. Sono  ammissibili,  purchè  strettamente  necessarie  alla realizzazione degli interventi, le seguenti tipologie di spesa:
a) opere civili ed impiantistiche;
b) forniture  di  beni,  comprese  'installazione  e  posa  in  opera  di  impianti,  macchinari,
attrezzature,  sistemi,  materiali  e 
più  in  generale di  tutte  le  componenti  necessarie alla realizzazione del progetto;
c) oneri per la sicurezza;
d) spese  tecniche  (progettazione,  indagini,  studi  e  analisi  anche  inerenti  la  mobilità,
rilievi, direzione lavori, collaudi, consulenze professionali ivi compresi gli incentivi
ex
art. 113 del D.Lgs. 50/2016 ed eventuali perizie giurate) fino ad un massimo del 10 % dell'importo a base d'appalto, comprensivo degli oneri della sicurezza, purché le stesse  siano  strettamente  legate  all'operazione  e  siano  necessarie  per  la  sua preparazione o esecuzione.
Le spese tecniche comprendono anche le spese per la rilevazione  e  la digitalizzazione  della  rete  ciclabile  comunale  relativa  ai  territori interessati  dalle  operazioni  secondo  le  specifiche tecniche  redatte  dalla  Regione Toscana;
e) costo delle aree da acquisire non edificate alle seguenti condizioni: la sussistenza di
un   nesso diretto tra  l'acquisto del terreno  e gli obiettivi dell'intervento;  la presentazione  di  una  perizia  giurata  di  stima  redatta  da  soggetti  iscritti  agli albi / ordini  degli  ingegneri,  degli  architetti,  dei geometri,  dei  dottori  agronomi,  dei periti  agrari  e  degli  agrotecnici  o  dei  periti  industriali  edili  che  attesti  il  valore  di mercato del bene oppure di una dichiarazione della congruità del valore delle aree determinato sulla base della normativa vigente sugli espropri.
La percentuale della spesa  ammissibile  totale  per  l'acquisizione  delle  aree  non  può  superare  il  10  % dell'importo  a  base  d'appalto,  comprensivo  degli  oneri  della  sicurezza,  nel  rispetto del limite massimo stabilito dalla normativa nazionale e comunitaria;
f)  spostamento di reti tecnologiche interferite;
g) allacciamento ai pubblici servizi;
h) imprevisti  e  bonifiche  fino  ad  un  massimo  del  7%  dell'importo  a  base  d'appalto,
comprensivo  degli  oneri  della  sicurezza.  Gli  imprevisti  sono  utilizzabili  solo  ad integrazione delle voci di spesa ritenute ammissibili;
i) spese per pubblicità e comunicazione anche ai sensi del D.Lgs. 50/2016;
j)   IVA qualora non sia recuperabile o compensabile

Scadenza e presentazione domande.
1. Entro 15 giorni dalla data di pubblicazione del bando sul Burt, ossia 15 giorni dal 18 gennaio 2017 (Burt n. 3 parte III del 18/01/2017), la modulistica per  la  presentazione  delle  candidature  di  cui  ai  successivi  commi  1  e  5  sarà  disponibile all'indirizzo web http://www.sviluppo.toscana.it/461b

2.  Le  candidature  relative agli interventi (operazioni) appartenenti  alle  tipologie  finanziate  dal  bando devono essere  redatte, a  partire  dal 20/01/2017,  esclusivamente   online all'indirizzo https://sviluppo.toscana.it/461b, pena la non accoglibilità delle stesse.

3. La scadenza per la presentazione della documentazione di cui al precedente punto è  fissata  alle ore 17:00 del 18 maggio 217  (120° giorno  dalla  pubblicazione  del  bando sul Burt)

4. Al fine di poter accedere alla piattaforma web per la compilazione delle schede on line, il soggetto proponente, ovvero il soggetto Capofila nel caso in cui la candidatura sia presentata sotto forma  di  aggregazione,  dovrà  richiedere  il  rilascio  di User    (identificativo  utente)  e
Password (codice segreto di accesso)
seguendo la procedura on line attivabile all'indirizzo
https://sviluppo.toscana.it/461b

5. Ai fini dell'invio agli uffici regionali competenti, ciascuna scheda deve essere:

- chiusa  con  procedura  telematica  dai  soggetti  interessati  (come  risultante  dalla
registrazione temporale della chiusura on line effettuata dal sistema gestionale e dalla  specifica  filigrana  "stampa  definitiva"  lungo  il  margine  destro  di  ciascun foglio della scheda di presentazione della manifestazione di interesse), entro le ore 17.00 del 120° giorno dalla pubblicazione del bando sul Burt;

- scaricata  dalla piattaforma web di Sviluppo Toscana in  formato  .pdf  e  firmata  digitalmente  dal Legale  Rappresentante  dell'ente  proponente  o  suo  delegato  (in  tal  caso,  dovrà essere  caricato  sul  sistema  l'atto  di  delega).  La  firma  digitale  deve  essere apposta utilizzando dispositivo conformi alle regole tecniche previste in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche, avanzate e digitali (per ogni informazione: http://www.digitpa.gov.it/fime-elettroniche-certificatori).

- presentata  telematicamente  attraverso  la piattaforma web entro  le  ore  17.00
del 120° giorno
dalla pubblicazione del presente avviso sul Burt: ore 17 del 28 maggio 2017.

6.  Ai  fini  della  verifica  circa  il  rispetto  dei  termini  per  la  presentazione  della  candidatura, faranno fede la data e l'ora di "presentazione" registrati dalla piattaforma informatica di Sviluppo Toscana.

7.  La  candidatura,  sia  in  forma  singola  che  aggregata,  è  costituita  dal  documento  in formato  pdf,  comprensivo  di  tutte  le  dichiarazioni e  schede  presenti  on-line,  generato  dal sistema  informatico  al  momento  della  chiusura  della  compilazione,  firmato  digitalmente  e presentato  secondo  le  procedure  di  cui  al  precedente  comma  5,  completa  di  tutta  la documentazione di cui all'art.10 del bando

8.  Non  è  consentita  la  presentazione  di  una  candidatura  priva  della  documentazione
obbligatoria
prevista dal bando.

9.  Non  è  accoglibile,  infine,  la  candidatura  presentata  oltre  i  termini  indicati  dal  presente paragrafo e/o  redatta difformemente rispetto alle modalità previste dal bando.

Tipo di agevolazione. Il contributo in conto capitale massimo concedibile  è pari a 2.500.000,00 euro. Il  finanziamento  del  Por Fesr è  identificato  al  massimo nell'80%  delle  spese  effettivamente sostenute per la realizzazione delle singole operazioni ammesse a finanziamento. Qualora ricorrano  le  condizioni  per  l'ottenimento  della  riserva  di  efficacia,  potrà  essere  valutato l'aumento  della  percentuale  di  finanziamento  Por Fesr 2014-2020 sopra  riportata,  in  proporzione  alla dotazione finanziaria aggiuntiva.
Eventuali lotti già realizzati dai soggetti partecipanti, sempre che risultino parte integrante e  sostanziale  del  progetto  complessivo  e  rispettino  i  requisiti  del bando (paragrafi  4,  5,  7), possono contribuire al totale della spesa ammissibile.  
I  finanziamenti  Por Fesr del  bando non  sono  cumulabili  con  altri  finanziamenti comunitari, statali o regionali concessi per le medesime spese ammissibili.
Eventuali  variazioni  in  aumento  delle  spese  complessive  dell'intervento  non  determinano
in alcun caso incrementi dell'ammontare del contributo concesso.

Dotazione finanziaria. La  dotazione  finanziaria  assegnata  dalla  DGR  1291/2016  alla  procedura  di  selezione  del presente  avviso  è,  al  netto  della  riserva  di  efficacia,  pari  a  3.750.000,02 euro;  in  caso  di ottenimento della riserva di efficacia l'importo corrisponde a 4 milioni di euro

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il testo del bando (allegato A del decreto 14271/ 2016) e i suoi allegati incluso lo schema di domanda (allegato B del decreto)

Per saperne di più. Qualsiasi informazione relativa al bando e agli adempimenti ad esso connessi  scrivere a assistenza464a@sviluppo.toscana.it

 

Regione Toscana

Ultima modifica: 19/09/2017 18:46:29 - Id: 14031499
  • Condividi
  • Condividi